Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

MERCATO & BUSINESS

Bani (Consorzio Chianti): bene la riforma delle Dop, ma disciplinari siano al passo con tempi e gusti del pubblico

“Accogliamo la riforma delle Denominazioni di origine protetta (Dop) come un’opportunità, ma al tempo stesso dobbiamo fare in modo che i disciplinari siano al passo con i tempi e tarati sul gusto di chi acquista”.

A dirlo è Marco Alessandro Bani, direttore del Consorzio Vino Chianti, di ritorno da Asti dove è intervenuto nel corso dell’evento “La riforma delle denominazioni d’origine: opportunità e criticità”.

L’appuntamento, organizzato dall’Accademia italiana della vite e del vino, in collaborazione con Piemonte Land, ospitato nella sede dell’Uni Astiss, ha rappresentato un momento di confronto ideale tra imprenditori e studiosi sulla riforma in corso di approvazione a Bruxelles, oltre che sull’eventualità connessa di adottare marchi collettivi e sul ruolo giocato dai Consorzi.

Tra i relatori figuravano anche Julian Alston (Università della California), Oreste Gerini (Direzione generale Ministero Agricoltura) e i Presidenti dei Consorzi del Lambrusco e del Prosecco Doc.

Advertisement. Scroll to continue reading.

“Oggi la priorità – dice il direttore ripreso da Adnkronos – è che il vino venga prodotto in funzione delle tendenze del mercato di destinazione, mercato all’interno del quale il Chianti immette ogni anno 100 milioni di bottiglie che rischiano, altrimenti, di restare in parte nelle cantine. Ora serve accelerare i tempi dell’istruttoria: un prolungato impasse sarebbe oltremodo nocivo per tutta la filiera vitivinicola”.

Si tratta di gestire efficacemente i meccanismi normativi. “Da subito – prosegue Bani – non siamo stati convinti dal ruolo che si voleva attribuire all’Euipo (l’ufficio dell’UE per la proprietà intellettuale, ndr), cioè quello dell’istruttoria delle modifiche e dei nuovi disciplinari. Questo perché non si tratta di una mera operazione tecnica: servono sensibilità e conoscenza più diretta delle ragioni produttive, oltre che delle esigenze politico – economiche del territorio”.

Uno scenario che, al momento, è stato scongiurato per l’opposizione avanzata dalle associazioni vitivinicole e da alcune parti politiche. “Ma restiamo certamente aperti – precisa Bani – ad ogni modalità di gestione delle pratiche che tuteli e migliori il settore, a patto che il tutto si svolga in tempi rapidi e certi”

“Per fare un esempio calzante sui tempi della burocrazia – conclude il direttore del Consorzio Vino Chianti – non è plausibile che le proposte di modifica del nostro disciplinare del Vino Chianti Dop siano sui tavoli ministeriali dalla data del 5 maggio 2022 ed ancora non siano state esaminate: questi tempi biblici non sono ammissibili quando il mercato richiede scelte veloci e tempestive in modo da essere nelle condizioni di esaudire le richieste del mercato”.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

NOVITÀ

Sostenibilità e identità territoriale: due le parole chiave alla base di un impegno programmatico, un manifesto di intenti, per il futuro della denominazione Chianti...

CONSUMI

 Nel 2023 si confermano 29,4 milioni i consumatori di vino nel nostro Paese, stabili rispetto all’anno precedente, così anche la quota generale di penetrazione...

RICETTE E CONSIGLI

Nel cuore dell’Italia settentrionale, lì dove il clima mite bacia le dolci colline moreniche, si trova una zona vitivinicola che, negli anni, si è...

COMUNICAZIONE

Oltre 1.150 lotti compongono il catalogo dell’asta di vini pregiati e distillati organizzata da Aste Bolaffi mercoledì 22 e giovedì 23 maggio in modalità...

PROMOZIONE

“L’avevamo detto e l’abbiamo fatto anche prima del previsto. All’inizio ci siamo trovati davanti a meccanismi farraginosi che occorreva sistemare, ma adesso abbiamo ben...

CONSUMI

Debutta il vino Primitivo ICE di Masso Antico di Schenk Italia prodotta con uve Primitivo raccolte dai vitigni biologici in Salento. La novità –...

-