Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

COMUNICAZIONE

Può il peggior vino da discount – ma con un nome sontuosamente inventato – vincere un concorso enologico? Pare di sì…

Non è tutto vino buono quello che riceve le medaglie d’oro: potremmo riassumere così, parafrasando un celebre proverbio, quanto accaduto in occasione del prestigioso concorso enologico internazionale “Gilbert et Gaillard”.

Cosa è successo? È molto semplice e allo stesso tempo intrigante e ironico come riportano Curioctopus e Winetaste: in occasione della gara vinicola, un gruppo di persone ha deciso di provare a far passare per ottimo vino d’annata una bevanda di origini assolutamente modeste, anzi tra le più modeste in circolazione. Sono bastati una serie di stratagemmi e accortezze e l’inganno era pronto, confezionato alla perfezione. I risultati? Decisamente sorprendenti.

La curiosa beffa è stata organizzata a puntino da un vero e proprio “team” di persone che fanno parte di “On n’est pas des pigeons“, una rivista e un programma televisivo belga della RTBF, dedicato ai consumatori. Capitanato dal sommelier Eric Boschman, questo gruppo ha avuto una pensata: acquistare il peggior vino da discount e spacciarlo per un pregiatissimo “Château Colombier Grande Cuvee”, un vino totalmente inventato, proveniente da una fantomatica e fittizia tenuta.

Dopo aver selezionato quello che per loro era davvero il peggiore dei vini (oltre che molto economico), lo hanno imbottigliato in modo “premium”, creando addirittura un’etichetta accattivante e una storia ad hoc per l’occasione, e lo hanno iscritto al grande concorso. Una volta lì, i giudici lo hanno assaggiato ed è stato in quel momento che è arrivata la sorpresa.

“Soave, eccezionale e ricco al palato con profumi freschi e puliti, che permettono una bella complessità, molto interessante”: questo è stato il commento degli esperti enologi dopo la prova. Per rendere l’inganno ancora più convincente, il team di “burloni” ha pensato di inviare alla giuria i dati di laboratorio di un vero vino di ottima qualità, molto distante dalla bevanda pagata 2,50€ al supermarket.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Alla fine, il presunto gran vino si è aggiudicato la medaglia d’oro al concorso: un risultato che forse è andato persino oltre le aspettative di chi aveva escogitato lo stratagemma! L’intera beffa è stata poi resa nota dallo stesso gruppo di RTBF, che ha spiegato che il suo intento fosse proprio quello di smascherare certi meccanismi e verità che spesso interessano concorsi vinicoli come quello a cui hanno partecipato.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

COMUNICAZIONE

Nostromo torna protagonista all’interno dei punti vendita con il progetto “Esperienze di Gusto”, affidandosi nuovamente alle grandi competenze di BBoard Com, già partner del brand negli ultimi anni....

MERCATO & BUSINESS

Come tutelare le filiere nazionali di vini, spiriti e aceti in un contesto globale complesso e alla vigilia delle prossime elezioni europee e della...

COMUNICAZIONE

Un doppio incarico ottenuto a seguito di una gara con esito positivo per ATC – All Things Communicate. Un’attività per la GDO che ha...

COMUNICAZIONE

Nuova acquisizione nell’ambito della ristorazione per l’agenzia milanese LE VAN KIM diretta da Elizabeth Le Van Kim, che dal mese di giugno si occuperà...

COMUNICAZIONE

Iper La grande i, una delle più importanti realtà nel panorama nazionale della Grande Distribuzione Organizzata, lancia il nuovo e avvincente concorso “Vinci con noi” con protagonisti...

COMUNICAZIONE

Air Action Vigorsol, brand leader nel mercato dei chewing gum e sinonimo di freschezza, lancia “Vigorsol Mannequins”, il nuovo spot realizzato da BBH London che collega l’iconico claim KEEP...

-