Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

GDO

Le aziende della Distribuzione Moderna sempre più protagoniste dello sviluppo sostenibile del Paese

Presentato oggi il Report di Sostenibilità di Settore della Distribuzione Moderna 2023 a cura di Federdistribuzione

 È un quadro che mette in evidenza il contributo concreto del settore distributivo allo sviluppo ambientale, sociale ed economico del Paese, quello che emerge dal Report di Sostenibilità di Settore della Distribuzione Moderna 2023, presentato oggi a Roma nella Sala Caduti Nassirya di Palazzo Madama alla presenza del Sen. Gian Marco Centinaio, Vicepresidente del Senato, Stella Gubelli, AD di ALTIS Advisory srl SB, e Carlo Alberto Buttarelli, Presidente di Federdistribuzione.

Il Report, curato da Federdistribuzione e con il supporto metodologico di ALTIS – Alta Scuola Impresa e Società dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, evidenzia le principali direttrici di sviluppo sostenibile sulle quali le aziende del settore distributivo stanno orientando il proprio impegno. Ne emergono alcuni dati salienti: con l’obiettivo di contribuire a ridurre l’impatto ambientale, oggi il 53% delle aziende ha adottato policy formalizzate, il 42% investe in tecnologie innovative per ridurre le emissioni e circa un terzo ha implementato attività di compensazione e campagne informative rivolte a dipendenti e consumatori. In ambito di mobilità sostenibile, il 79% delle aziende ha intrapreso azioni concrete, tra le quali l’installazione di colonnine di ricarica per auto elettriche, l’efficientamento della localizzazione dei depositi e l’uso di mezzi elettrici. Le imprese della distribuzione svolgono inoltre un ruolo di primo piano nella riduzione dei consumi energetici: il 95% delle aziende impiega energia rinnovabile, l’89% autoproduce elettricità da fonti rinnovabili e il 58% acquista energia green da fornitori terzi. Per quanto riguarda l’impegno a incrementare la circolarità, tracciabilità e trasparenza relativa ai prodotti, le aziende dimostrano una crescente attenzione: il 74% ha in essere azioni di sensibilizzazione dei propri dipendenti rispetto alla gestione dei rifiuti non alimentari e il 63% ha in essere iniziative per incrementare la percentuale di rifiuti destinati al recupero. L’89% delle imprese è impegnata a ridurre l’uso di plastica e a introdurre materiali più sostenibili negli imballaggi.

Di fondamentale rilevanza per il settore i temi che riguardano la lotta allo spreco, l’educazione e la sicurezza alimentare: il 92% delle aziende dispone di una politica formalizzata sulla sicurezza dei prodotti alimentari e il 67% effettua rigorosi audit in fase di approvvigionamento dai fornitori. Il 58% promuove iniziative di sensibilizzazione a studenti delle scuole sui temi della corretta alimentazione. Quasi la totalità delle aziende della distribuzione (92%) ha in essere una collaborazione con il Banco Alimentare e l’83% collaborazioni con enti per gestire la donazione e la redistribuzione delle eccedenze alimentari.

L’analisi del Report evidenzia inoltre l’importanza che le aziende assegnano alle persone e alla salute psico-fisica dell’individuo: emerge che 8 aziende su 10 hanno adottato una policy formalizzata per garantire la salute e la sicurezza sul luogo di lavoro. Il 42% delle imprese ha avviato iniziative specifiche per il benessere dei collaboratori, con particolare attenzione al welfare aziendale. Non mancano, infine, le iniziative per favorire equità, difesa delle categorie più svantaggiate e protette: il 63% delle imprese ha formalizzato una policy di equità per garantire pari retribuzione. Il 74% ha adottato un codice etico dedicato al tema dei diritti umani che affianca l’impegno a favorire l’adozione di buone pratiche lungo tutta la catena di fornitura per tutelare i diritti umani e valorizzare le eccellenze del territorio nazionale e le tipicità regionali.

“I dati del Report di Sostenibilità di Settore mettono in evidenza l’impatto positivo, ambientale, sociale ed economico, delle imprese della Distribuzione Moderna, rendendone sempre più rilevante la presenza sul territorio e il valore generato nelle comunità locali”, ha dichiarato Carlo Alberto Buttarelli, Presidente di Federdistribuzione“Crescita sostenibile, responsabilità sociale e attenzione all’ambiente sono valori di riferimento che guidano quotidianamente le aziende del settore distributivo, che si riflettono nel servizio essenziale di cui beneficiano quotidianamente milioni di persone, così come nel ruolo fondamentale a sostegno delle filiere di eccellenza del made in Italy e nello sviluppo di iniziative che contribuiscono all’economia circolare e alla riduzione delle emissioni. Il nostro è un settore che guarda al futuro e investe in innovazione, la Distribuzione Moderna continuerà quindi a svolgere un ruolo da protagonista nella crescita e nello sviluppo sostenibile del Paese”.

Advertisement. Scroll to continue reading.

“Voglio fare i miei complimenti all’intero settore della distribuzione per la sensibilità e l’azione efficace dimostrate nel campo della sostenibilità sociale ed ambientale, come dimostra il Report pubblicato da Federdistribuzione”, ha affermato il Vicepresidente del Senato, Gian Marco Centinaio. “Pubblico e privato devono condividere questi obiettivi e operare insieme per raggiungere risultati importanti per il futuro dei territori, per il benessere dei lavoratori e delle loro famiglie e anche per la nostra economia. A guidarci in questo percorso è l’articolo 41 della Costituzione, che comprende tra i doveri dell’impresa non solo l’utilità sociale ma – dallo scorso anno – anche la tutela dell’ambiente, grazie alla riforma votata dal Parlamento quasi all’unanimità. Se sapremo tutti insieme, imprese e istituzioni, interpretare al meglio questo messaggio, potremo garantire uno sviluppo sostenibile e duraturo al nostro Paese, all’interno del quale la distribuzione moderna potrà svolgere un ruolo sempre più da protagonista”.

“Il report è un ulteriore passo in avanti di un percorso avviato insieme a Federdistribuzione oltre dieci anni fa e che ha portato alla pubblicazione di quattro bilanci di sostenibilità di settore della distribuzione moderna tra il 2012 e il 2020. L’analisi quali-quantitativa condotta, con riferimento al biennio 2021-22, ha evidenziato come i Sustainable Development Goals, gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile previsti dall’Agenda 2030 dell’ONU, siano ormai stati adottati dalle imprese come elemento guida del proprio impegno. Lo mettono in luce i dati raccolti sui sei principali SDGs che sono emersi come i più rilevanti per il contributo fornito dalle aziende grazie alle numerose attività e iniziative in essere, che si configurano come best practice”, ha dichiarato Stella Gubelli, AD di ALTIS Advisory srl SB.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

SOSTENIBILITÀ

Arancio, caffè, anacardo, banano, mangrovia, alloro: sono solo alcuni dei 1.800 alberi che compongono la Foresta Fabbri realizzata in collaborazione con Treedom, realtà italiana che permette di piantare...

GDO

Non tutti i retailer sono uguali e la sostenibilità può fare la differenza. È quanto in sostanza emerge dall’anteprima dell’Osservatorio Shopper Marketing for Conscious...

SOSTENIBILITÀ

Trasformare un’emergenza per l’ecosistema marino in una risorsa economica per il mercato ittico: è il principio cardine da cui nasce Blueat, il progetto di pescheria...

SOSTENIBILITÀ

Più di 6 italiani su 10 provano indignazione. 3 su 10 tristezza. 2 su 10 impotenza. È così che si sentono i nostri connazionali...

SOSTENIBILITÀ

Il Gruppo Nestlé in Italia è partner del progetto sperimentale “Live-Haze”, finanziato da fondi PRIN (Progetti di Rilevante Interesse Nazionale) del Ministero dell’Università e della...

GDO

I dati del primo trimestre 2024 riferiscono di un andamento delle vendite a volume leggermente migliore della chiusura dell’anno 2023. Le bottiglie di vino...

-
Advertisement