Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

GDO

Per Todis 2022 in crescita e grande attenzione alla sostenibilità con una campagna in arrivo per gli affiliati

L’insegna, operante nel settore della GDO, chiude il 2022 in crescita, superando il traguardo del miliardo di euro di vendite e aprendo 23 nuovi store per un totale di oltre 280 supermercati nel centro-sud Italia

Massimo Lucentini
Massimo Lucentini

Un 2022 ancora in crescita per Todis, insegna italiana di proprietà di Iges Srl – società controllata dalla cooperativa Pac2000A Conad – operante nella grande distribuzione organizzata, che raggiunge un importante traguardo, superando 1 milIardo di euro di vendite, +12% rispetto al 2021.

Negli ultimi 5 anni (2018-2022), il sell out di Todis, che sviluppa il suo business con la formula franchising, con 285 punti vendita distribuiti in tutto il centro-sud Italia, ha registrato un incremento cumulato del fatturato del 37% , mentre il numero di punti vendita è cresciuto nello stesso periodo del 21%.

La quota di mercato è rimasta costante: 4.1% a livello nazionale nel canale di riferimento, posizionandosi tra le prime tre insegne in alcune delle 10 Regioni dove è presente.

Prosegue anche la strategia di espansione nell’ottica della prossimità che rappresenta il 70% della rete totale: nel 2022 sono stati inaugurati 23 nuovi punti vendita, mentre per il 2023 Todis prevede di aprirne altri 32, con un investimento di circa 40 milioni di euro tra nuovi negozi e restyling di quelli già esistenti.

Attualmente gli store dell’insegna occupano una superficie di vendita compresa tra 400 mq e gli oltre 1000 mq, sviluppando quattro format: Todis Rione, nato l’anno scorso e ad oggi adottato solo nella città di Roma di circa 200 mq; il “sotto casa” con una superficie media di 300-400 mq; “la prossimità” tra i 400 e i 600 mq e un concept di “attrazione”, tra gli 800 e oltre 1000mq, in cui grande rilevanza è data all’area dei freschi e dei servizi.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Sul fronte dell’assortimento, dove la marca privata Todis è protagonista con un’incidenza sul fatturato del 75%, il 2022 è stato un anno cruciale che ha visto il consolidamento del piano di rafforzamento e revisione di tutta l’offerta della MDD, ad oggi oltre 3.000 referenze. Oltre all’introduzione di un livello di fascia di prezzo intermedio tra il premium e il mainstream, Todis ha aumentato la segmentazione dello scaffale, focalizzandosi su tre asset strategici: rapporto qualità- prezzo, freschezza, grazie alla presenza di banchi assistiti, e regionalità dei prodotti.

“L’ambizioso traguardo raggiunto è una conferma che la formula Todis: un “unicum” sul mercato italiano di supermercato monomarca di prossimità, allineato nella competitività del mainstream al discount, ma con un’offerta di prodotti più segmentata con un focus sui freschi, è vincente.” – ha dichiarato Massimo Lucentini, Direttore Generale Todis – “Per il 2023 abbiamo diversi progetti in cantiere, tra questi: l’implementazione di un nuovo modello di gestione dell’e-commerce, più capillare ed efficiente, il lancio di una app dedicata ai clienti ed infine un piano di sostenibilità sui nostri prodotti a marchio volto a migliorarne le caratteristiche, rendendoli ancora più trasparenti per i consumatori”.

Il 2022 è stato un anno importante anche in tema sostenibilità, un ambito su cui Todis ha investito circa 1,5 Mio di euro, con la conclusione dei lavori dell’impianto fotovoltaico (della potenza di 500kW) del centro di distribuzione Riano, in provincia di Roma , che gli consentirà un autoconsumo dell’energia prodotta grazie allo sfruttamento delle fonti rinnovabili.

Nello specifico: la produzione annua prevista calcolata sarà di circa 675.000kWh equivalenti al 95% del consumo energetico diurno dell’edificio, rendendolo quasi del tutto autosufficiente in termini di approvvigionamento.

L’impianto fotovoltaico permetterà, inoltre, di evitare l’emissione in atmosfera di 360 tonnellate di CO2 all’anno, circa 9.000 tonnellate in 25 anni (ciclo di vita media dell’impianto).

In questa direzione, Todis ha in previsione, entro il 2023, di lanciare una campagna a favore degli affiliati per aiutarli a sviluppare gli impianti fotovoltaici sui loro punti vendita, sostenendoli da un punto di vista tecnico e finanziario. Da maggio, inoltre sul sito www.todis.it, sarà consultabile il “Report sulla sostenibilità”: un documento che descrive i risultati e gli obbiettivi futuri dell’insegna in termini socio-ambientali.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

SOSTENIBILITÀ

Arancio, caffè, anacardo, banano, mangrovia, alloro: sono solo alcuni dei 1.800 alberi che compongono la Foresta Fabbri realizzata in collaborazione con Treedom, realtà italiana che permette di piantare...

GDO

Non tutti i retailer sono uguali e la sostenibilità può fare la differenza. È quanto in sostanza emerge dall’anteprima dell’Osservatorio Shopper Marketing for Conscious...

SOSTENIBILITÀ

Trasformare un’emergenza per l’ecosistema marino in una risorsa economica per il mercato ittico: è il principio cardine da cui nasce Blueat, il progetto di pescheria...

SOSTENIBILITÀ

Più di 6 italiani su 10 provano indignazione. 3 su 10 tristezza. 2 su 10 impotenza. È così che si sentono i nostri connazionali...

SOSTENIBILITÀ

Il Gruppo Nestlé in Italia è partner del progetto sperimentale “Live-Haze”, finanziato da fondi PRIN (Progetti di Rilevante Interesse Nazionale) del Ministero dell’Università e della...

GDO

I dati del primo trimestre 2024 riferiscono di un andamento delle vendite a volume leggermente migliore della chiusura dell’anno 2023. Le bottiglie di vino...

-
Advertisement