Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

SOSTENIBILITÀ

E’ verde, sostenibile e instagrammabile (ma non proprio economico) il primo “grillo burger”. Le reazioni di chi lo ha provato

Tocca al “milanese imbruttito” collaudare il primo hamburger di grillo messo in commercio in Italia. E non è solo ironia, è proprio la capitale meneghina a inaugurare quella che potrebbe essere una nuova tendenza gastronomica. Lanciato dalla catena Pane e Trita che comprende sette ristoranti in Lombardia, il Grillo Cheesburger è presentato con lo slogan “sostenibile e instagrammabile”. Ha debuttato il 15 febbraio, riporta TiscaliNews..

(…)

La curiosità è tanta e la voglia di provarlo pure.

LEGGI ANCHE Il primo hamburger di farina di grillo? Si può già mangiare a Milano. Ecco dove

Advertisement. Scroll to continue reading.

Perché il pane con cui è realizzato il Grillo Cheesburger è così verde?

Il colore viene dall’alga spirulina contenuta nell’impasto e, sì, decisamente instagrammabile.

Di cosa è fatto, quanti insetti contiene e che sapore ha?

La ricetta comprende patate, fagioli cannellini, acqua, lievito, sale, malto d’orzo, pane grattugiato e, eccola, la farina di grillo. Questo ingrediente, dal sapore molto deciso e che altrove è stato definito vicino alla nocciola, è presente solo con l’1,6%. Sì ma di cosa sa? I pareri all’assaggio sono vari, c’è chi lo trova simile alla bottarga, chi più “patatoso” e chi sottolinea come l’insieme di cavolo, patate croccanti e scamorza con cui è servito mettano in risalto soprattutto il formaggio (d’altra parte è un cheeseburger). Nessun sapore strano o insolito, c’è chi lo trova perfino “casereccio”. Successo al primo lancio, al prezzo di 13,90.

La farina di grillo comune sgrassato è costosa, arriva in questo caso dalla Finlandia e il panino viene venduto a prezzo “promo” contenuto, altrimenti dovrebbe costare attorno ai 20 euro. Pane e Trita anticipa di star pensando al lancio di altri prodotti fatti con farina degli insetti autorizzati dall’Unione europea. Ma c’è chi si preoccupa delle allergie.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Su questo l’Ue è stata chiara nelle indicazioni dello scorso 5 gennaio: non è consigliato per chi è già allergico a molluschi, crostacei e acari della polvere. Inoltre, non dovrebbero essere mangiati da persone al di sotto dei 18 anni d’età. E l’etichettatura deve indicare con chiarezza gli allergeni, come avviene già per altri alimenti.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

SOSTENIBILITÀ

Wonderful Pistachios&Almonds sta lanciando in questi giorni in Europa una nuova confezione in plastica riciclabile per la sua vasta gamma di prodotti a base...

SOSTENIBILITÀ

Too Good To Go, il più grande marketplace mondiale delle eccedenze alimentari, festeggia il primo anno di Box Dispensa, la soluzione nata per contrastare lo...

SOSTENIBILITÀ

Pam Panorama continua il suo impegno per la salvaguardia dell’ambiente: consapevole dell’importanza di proteggere il nostro pianeta per le generazioni future, la Storica Insegna...

SOSTENIBILITÀ

Un nuovo progetto di circolarità voluto e realizzato da Despar Nord (Aspiag Service S.r.l.), concessionaria dei marchi Despar, Eurospar e Interspar per il Triveneto,...

SOSTENIBILITÀ

Si rinnova anche quest’anno, l’appuntamento con l’European Innovation for Sustainability Summit (EIIS), giunto alla terza edizione, che si terrà a Palazzo Taverna a Roma, il...

SOSTENIBILITÀ

Con l’obiettivo di valorizzare sul mercato i prodotti italiani con ottime prestazioni ambientali, promuovere modelli sostenibili di produzione e consumo, favorire scelte informate e...

-