Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Foodaffairs

FOOD e SALUTE

Il caffè da nemico ad amico della pressione sanguigna. Una ricerca scientifica ribalta quello che abbiamo sempre pensato

Da nemico giurato a prezioso amico della pressione sanguigna. Nessuno lo avrebbe mai detto ma il caffè aiuta a mantenerla bassa. E non lo sostiene qualche marchio interessato direttamente ma una ricerca dell’Università di Bologna e dell’IRCCS Azienda Ospedaliero- Policlinico di Sant’Orsola, pubblicata sulla rivista Nutrients. Lo riporta Tiscali News.

Perché il caffè è stato “assolto”?


Chi consuma due o tre tazzine al giorno della bevanda tanto amata dagli italiani ha valori più bassi rispetto a chi non ne consuma niente, sia a livello periferico sia per la pressione aortica centrale, quella più vicina al cuore.

Ma come mai questa inversione di tendenza quando abbiamo sempre saputo che l’espresso, assieme al sale, non era di certo un toccasana per le nostre arterie? “La caffeina – spiegano i ricercatori – è solo uno dei diversi componenti del caffè e certamente non è l’unico che ha un ruolo attivo: infatti anche per chi preferisce il decaffeinato si sono registrati effetti positivi”.

Quindi, anche se “la caffeina può contribuire ad aumentare la pressione sanguigna, altri componenti bioattivi nel caffè sembrano controbilanciare questo effetto, con un risultato finale positivo”.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Il campione preso in esame


A questo risultato i ricercatori sono arrivati analizzando i valori della pressione di un campione di 720 uomini e 783 donne. Lo studio è stato coordinato da Claudio Borghi, professore al Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche dell’Università di Bologna.

I risultati della ricerca


I dati hanno rivelato valori più bassi per chi assume due o tre caffè al giorno sia nella pressione sistolica che nella pressione di pulsazione, e sia anche a livello di circolazione periferica che per la pressione aortica centrale. Insomma, il caffè non solo ma anzi svolge un ruolo importante nella prevenzione di malattie cardiovascolari.

Advertisement. Scroll to continue reading.
-
-

Articoli correlati

FOOD e SALUTE

Ripartire dalla corretta informazione scientifica approfondendo l’impatto del macronutriente oggi più dibattuto: le proteine, è essenziale per orientare consapevolmente le scelte alimentari dei cittadini. ...

FOOD e SALUTE

Grazie alla Direttiva europea 2020/2184 riguardante la qualità delle acque destinate al consumo umano, per la prima volta, vengono stabiliti requisiti uniformi anche per i materiali...

FOOD & COMUNICAZIONE

Torna l’appuntamento settimanale con gli editoriali di Fruchthandel Magazin, scrive MyFruit.it. (…) Daniel Smith affronta l’aspetto legato alla pubblicità. La soluzione non è demonizzare zucchero,...

FOOD TREND

Dall’Università degli Studi di Bergamo la più recente fotografia dei profili dei consumatori italiani disposti ad includere alimenti a base di farina di insetti...

FOOD e SALUTE

Lunedì 20 marzo in tutto il mondo si celebrerà la Giornata Internazionale della Felicità, quale argomento migliore per farlo se non quello dell’alimentazione. Per...

FOOD & COMUNICAZIONE

“Abbiamo scritto una lettera al presidente del Comitato europeo delle Regioni (CdR) e l’abbiamo sottoposta alla firma degli altri Paesi mediterranei e che hanno...

-