Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Foodaffairs: news su food, comunicazione, adv, mktg, sostenibilità

FOOD TREND

Gli italiani preferiscono le birre nazionali, spopolano le etichette di produzioni locali. Trend: dopo le italiane, olandesi e tedesche

Il 6 agosto è la Giornata Mondiale della Birra.

La birra è da sempre protagonista assoluta delle estati italiane. Grigliate, falò, partite di calcio, aperitivi o semplicemente la classica formula “pizza e birra”, sono una costante nelle giornate e nelle serate estive. Il mercato della birra ha subito grandissimi cambiamenti, e se da una parte la scena è dominata dalle multinazionali che rilevano aziende produttrici di dimensioni medio-grandi, ora sono in tanti a cercare nella birre l’autenticità dei prodotti locali e artigianali.

In occasione della Giornata Mondiale della Birra, che si celebra il 6 agosto, Tiendeo.it, compagnia attiva nei servizi drive-to-store per il settore retail ed esperti in cataloghi digitali, ha realizzato uno studio riguardo alle tendenze nell’immenso mondo delle birre*, che ha rivelato una forte predilezione degli italiani per le birre nostrane, e una grande offerta da parte dei retailer di birre di produzione locale, sia italiane che internazionali, che vanno incontro alle richieste di consumatori sempre più sensibili a tutto ciò che concerne tematiche di produzione locale, km 0, sostenibilità, biologico e tracciabile.

Al primo posto le birre nazionali, seguono le olandesi e le tedesche

Quando si tratta di birre, gli italiani rivelano un certo patriottismo e si mantengono fedeli alle marche tradizionali italiane (etichette che nella maggior parte dei casi sono state comunque comprate da multinazionali straniere, ma che mantengono la loro produzione nel Bel Paese).

Il 50,5% delle ricerche effettuate dagli italiani, sono infatti relative a brand nazionali, anche se i principali appartengono appunto a multinazionali, come Peroni (Asahi Breweries Europe Ltd) e Moretti (Gruppo Heineken), seguite da Ichnusa (Gruppo Heineken) e Poretti (Carlsberg Italia S.p.a).

Seguono al secondo posto le birre olandesi (17%), capitanate da Heineken, e quelle tedesche (8%), con Beck’s, Paulaner e Warsteiner. Completano la top 5 delle più ricercate dai consumatori le birre danesi inglesi (6%) e quelle belghe (5%).

Spopolano le etichette di birre locali

Tra 105 birre prese in esame nello studio effettuato, sono 52 le etichette di birre di produzione locale, in prevalenza di italiane.

Delle 48 birre italiane presenti sui cataloghi infatti, sono 36 quelle di produzione locale che non appartengono a colossi multinazionali, acquistabili presso i punti vendita dei retailer.

Non mancano le birre di produzione locale straniere: polacche, tedesche, belghe, danesi, irlandesi, scozzesi, francesi, norvegesi e slovene.

È evidente come i retailer cerchino di rispondere il più possibile a una domanda da parte di un consumatore che presta sempre più attenzione alle etichette, alla tracciabilità delle materie prime e dei processi di lavorazione, alla provenienza, e che è sempre più incline all’acquisto di prodotti locali.

-
-

Altri articoli

Food Affairs

Ultima referenza della sua limited edition 2021 che chiude le celebrazioni per il 700° anniversario della morte di Dante L’amor che move il sole...

News

Fico Eataly World, il parco tematico del cibo italiano, ha riaperto in una versione rinnovata e, secondo una ricerca turistica di questi giorni, si...

Comunicazione adv mktg

A 700 anni dalla morte di Dante, Magnum lancia tre limited edition ispirate ai tre cantici della Divina Commedia, Inferno, Purgatorio e Paradiso. Con...

Food Affairs

L’amaro più amato sale nuovamente sul podio confermando la sua posizione di leader per buyer, category e direttori acquisti della GDO Vecchio Amaro del...

-