Il riconoscimento ottenuto grazie ad Ecogreen, la linea di acqua minerale a impatto zero, che si è distinta come miglior prodotto per lo sviluppo sostenibile

Acqua Minerale San Benedetto conquista il Premio Compraverde Veneto promossodalla Regione Veneto nella categoria “Imprese” con Ecogreen, la linea di acqua minerale con il 100% di CO2neutralizzata attraverso l’acquisto di crediti per finanziare progetti di riduzione di gas effetto serra e realizzata conbottiglie in plastica riciclata (RPET), fino al 50% sul formato 1L Easy.
L’iniziativa dei “Premi Compraverde” fa parte del Forum Regionale Compraverde Buygreen Veneto, evento giunto allasua 5ª edizione e diventato un appuntamento annuale per offrire alle Pubbliche Amministrazioni la possibilità diessere aggiornati sul tema del “Green Public Procurement”, sui CAM (Criteri Ambientali Minimi), e per confrontarsicon vari operatori del settore sui temi della sostenibilità per le Stazioni Appaltanti.
Il Forum Compraverde Buygreen Veneto per l’edizione 2021 si articola in due giornate dedicate a tematiche diinteresse per il Green Procurement pubblico e privato. In particolare durante la prima giornata dell’8 giugno è statotrattato il tema della “Transizione ecologica e la ripresa dell’economia”. Nel corso della mattinata presso il Palazzodella Regione Veneto a Venezia si è tenuta la cerimonia di assegnazione del Premio CompraVerde Veneto categoria“Imprese” che ha visto ritirare il premio, in rappresentanza del Gruppo San Benedetto, Tullio Versace, Consigliere diAmministrazione del Gruppo e responsabile della divisione Supply Chain ed Eco Sostenibilità.
“Siamo onorati di aver ricevuto questo importante riconoscimento a conferma del nostro impegno costante verso unfuturo sempre più sostenibile e ad impatto zero” – afferma Tullio Versace, Consigliere di Amministrazione e direttoreSupply Chain ed Eco Sostenibilità di Acqua Minerale San Benedetto – “Esempio tangibile dell’impegno ambientaledella nostra Azienda è Ecogreen, la prima linea d’acqua minerale in Italia a ricevere dal Ministero dell’Ambiente il logodel Programma per la Valutazione dell’Impronta Ambientale. L’Acqua Minerale San Benedetto Ecogreen è la linea di
prodotti con il 100% di emissioni di CO2 eq neutralizzate – attraverso l’acquisto di crediti per finanziare progetti diriduzione dei gas effetto serra – e realizzata con plastica riciclata, fino al 50%. La linea Ecogreen comprende i formatida mezzo litro, la bottiglia da 1L Easy e i formati famiglia da 1,5L e 2L”.
Negli ultimi sette anni si stima che San Benedetto abbia ridotto le emissioni di gas effetto serra del prodotto Ecogreen1L Easy del -24,5%; un risultato pari alla CO2 assorbita da 63.567 alberi in un anno; Inoltre, dal 2013 al 2020 l’Aziendaha ridotto le emissioni dell’intera linea Ecogreen del 14,6% – pari a 8.826 tonnellate di CO2 eq e alla CO2 assorbita da294.200 alberi in un anno – utilizzando 5.165 tonnellate di RPET. La riduzione delle emissioni complessive delGruppo San Benedetto nel biennio 2019-2020 è stata del 6% pari a -37.900 tonnellate di CO2 eq.
Il percorso verso una piena economia circolare e a impatto zero ha inoltre portato San Benedetto a lanciare di recentela nuova bottiglia Ecogreen Easy realizzata con il 100% di RPET e carbon neutral che si stima permetterà un ulteriorerisparmio delle emissioni di gas effetto serra lungo tutto il ciclo di vita del prodotto del 9%, con un utilizzo di circa 300tonnellate di PET vergine in meno nel 2021.
Acqua Minerale San Benedetto si dimostra ancora una volta un’azienda leader in innovazione come evidenzia anche larecente introduzione del tappo Twist&Drink. Disponibile per il formato 0,5L della linea Ecogreen il nuovo tappo sidimostra pratico e utile per il consumatore e con un importante risvolto green poiché è legato alla bottiglia così danon disperderlo nell’ambiente, agevolando il riciclo. Con questa innovazione San Benedetto ha anticipato la direttivaeuropea 2019/904 che richiede l’obbligo del tappo attaccato alla bottiglia a partire dal 2024.
Infine, nelle politiche ambientali di San Benedetto rientra anche la scelta di diversificare la produzione in cinque sitistrategici in Italia (Scorzè, Popoli, Donato, Viggianello e Atella) avvicinando la produzione ai luoghi di consumo.Attraverso il “Progetto Network”, un programma pensato per valorizzare le reti di acque locali di alta qualità in tutto ilterritorio nazionale, il Gruppo ha ottenuto una maggiore flessibilità produttiva e logistica, riducendo l’incidenza dei
trasporti e ha evitato nel 2020 l’emissione di 23.221 tonnellate di CO2 eq. Grazie a questo progetto, si è evitato chevenissero percorsi 35.876 km “su gomma”.