La parola all’immaginequando il Piano di Sostenibilità si fa arte. C’è anche Eridania tra i protagonisti della mostra fotografica “Il futuro è guardare oltre-Industria di Marca e Sostenibilità”, promossa dall’Associazione italiana dell’Industria di Marca, in programma dal 3 al 31 ottobre 2020 in via Mercanti, nel cuore di Milano. L’evento, patrocinato da Comune di Milano, è inserito nel calendario del Festival per lo Sviluppo Sostenibile.

Il brand leader della dolcificazione dall’iconico colore rosso, insieme ad altre imprese associate a Centromarca, è stato chiamato ad illustrare il suo impegno sul fronte della sostenibilità, con l’obiettivo sia di valorizzare il rapporto tra la marca e la Corporate Social Responsability, sia di sensibilizzare e diffondere una presa di coscienza ecologica collettiva.  

Eridania nasce nel 1899 a Genova, oltre 120 di storia, in cui il marchio scrive e riscrive il proprio percorso, evolvendo sé stesso e il modo di presentarsi sul mercato, rimanendo però sempre legato alla sua missione: guidare un vero e proprio cambiamento culturale nella categoria della dolcificazione in Italia

Il concetto di cambiamento culturale si riflette allora nel nuovo Progetto di Sostenibilità denominato “Eridania Green”, il fulcro fondante delle best practices messe in campo a salvaguardia del pianeta, che in occasione dell’exhibition fotografica milanese si traduce e si sintetizza iconograficamente nell’omonimo framework, con l’intento di comunicare il proprio modo di essere e di operare attraverso azioni concrete e responsabili in una visione di lungo periodo. 

Nello specifico il Progetto di Sostenibilità “Eridania Green”, nasce da una revisione critica della filiera e dei processi, con l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale di tutte le sue attività, integrando sempre più nel business i valori della sostenibilità: dagli elevati standard di certificazione di qualità e sicurezza a tutti i livelli, alla gestione responsabile della supplychain, fino al costante impegno verso il consumatore finale. Numerosi i progetti realizzati in questi anni nell’ambito del progetto: dalla realizzazione di un terminal ferroviario che ha ridotto del 40% le emissioni di CO₂ sui flussi in entrata, all’ottimizzazione della logistica in uscita anche mediante l’utilizzo di mezzi di trasporto a basso impatto ambientale.  

Inoltre, grazie ainterventi mirati al miglioramento dell’efficienza, Eridania ha ridotto il consumo energetico e utilizza, nel Centro di Confezionamento di Russi (Ravenna), energia 100% da fonti rinnovabili. Complessivamente il 75% dei packaging primari sono in carta, materiale altamente sostenibile e ora certificato FSC, certificazione internazionale che garantisce la provenienza del materiale da foreste e filiere di approvvigionamento gestite responsabilmente. Un lavoro mirato di R&D e marketing sul packaging ha reso possibile la riduzione dell’utilizzo della plastica per le confezioni, sostituita ove possibile da materiali di ultima generazione con minore impatto. Oggi il 95% degli imballi in plastica è riciclabile. 

L’impegno di Eridania sul fronte della sostenibilità e della responsabilità sociale d’impresa, asset fondamentali per affrontare i principali impegni e sfide, è lo stesso che la vedrà impegnata a plasmare, nel suo ruolo di market leader, il futuro della dolcificazione. Un obiettivo che non può prescindere da una profonda connessione con i temi legati alla salvaguardia del pianeta, della nutrizione, della tutela del consumatore e del sostegno alle persone e alle comunità.  

La mostra open air si svolge in collaborazione con il Festival dello Sviluppo Sostenibile 2020, mentre la versione online dell’esposizione sarà visibile dal 30 settembre al 31 dicembre sul sito https://centromarca.it.