Il progetto è stato chiaro fin dall’inizio: dare nuovo lustro ad una storica cantina toscana e festeggiare il ritorno alla produzione dopo i lavori di ristrutturazione e recupero della tenuta, gioiello delle colline del Montalbano. Motore dell’imponente progetto è stato l’attuale proprietario che non si è fermato neanche con l’emergenza sanitaria: George Mc Carroll Rapier III, originario del Texas ma profondamente innamorato di questo angolo della Toscana che combina arte, natura e operosità.  

Dopo due anni di lavori per riportare all’antico splendore la storica tenuta e riprendere la vinificazione, Villa Bibbiani è pronta a consegnare i propri vini direttamente a casa degli appassionati dei rossi toscani. La proprietà – che si estende sulle colline toscane del Montalbano, tra Firenze ed Empoli – ha infatti lanciato il proprio sito e lo shop online dove è possibile ordinare le cinque etichette prodotte nella cantina ottocentesca, completamente rinnovata. La piattaforma di vendita online, così come l’immagine coordinata, è stata sviluppata dall’agenzia milanese DAG Communication che per Villa Bibbiani cura anche l’ufficio stampa.

“Il 2020 era iniziato a Villa Bibbiani con l’entusiasmo di veder imbottigliato il frutto del lavoro degli ultimi due anni e il desiderio che il nostro vino venisse degustato da un pubblico più ampio possibile”, racconta il direttore marketing Simone Pezzatini. “L’attuale emergenza ci ha spinto a rivedere i piani e anticipare progetti, come quello di aprirci alla vendita online sia in Italia sia all’estero. Il primo passo è stato quello di rendere operativo il nostro shop online, ma entro i prossimi tre mesi apriremo i nostri canali Amazon per servire l’Europa e gli Stati Uniti nonché Alibaba, Tmail e Wechat per aprire ai mercati asiatici.”

L’eccellenza dei vini rossi toscani in cinque etichette

I vigneti di Villa Bibbiani coprono un’area diciotto ettari: la maggior parte è piantata a Sangiovese, re indiscusso del territorio, ma sono anche presenti Colorino e Canaiolo nero. Tre ettari sono coltivati a Cabernet Sauvignon che in quest’area riesce a esprimere al meglio le proprie caratteristiche.

Sono questi i vitigni alla base della cinque etichette presenti sulla piattaforma shop.villabibbiani.it, a partire da Chianti Montalbano DOGC, di cui Villa Bibbiani punta ad essere, come in passato, rappresentante di spicco per la qualità superiore delle proprie bottiglie. Il fresco e vibrante rosato Flora IGT, 100% Sangiovese, si ispira ai profumi dello splendido parco botanico della tenuta; il Treggiaia IGT, un blend di Sangiovese e Cabernet Sauvignon, si distingue per la sua intensità e ricchezza aromatica; il Pulignano IGT è un Sangiovese in purezza, suadente e fine, capace di evolversi nel tempo; infine, il Montereggi IGT è un Cabernet Sauvignon in purezza di grande personalità e con un elevato potenziale di invecchiamento. Vini pregiati che raccontano in bottiglia il lavoro, la passione e l’impegno per ricerca della cantina di Villa Bibbiani.

Olio delle colline toscane

La tenuta ospita cinquemila piante di olivo, mentre duemila esemplari si trovano nell’oliveto nei pressi di Vinci. Le varietà sono Leccino, Frantoio e Moraiolo, cultivar tipicamente toscane che producono un olio di grande personalità. Accanto al vino, nello shop online è possibile anche ordinare l’olio extravergine di oliva IGP toscano di Villa Bibbiani.

L’impegno verso la comunità locale

Accolto con calore in quella che considera ormai casa, l’imprenditore texano George Mc Carroll Rapier III, proprietario di Villa Bibbiani dal 2018, sin da subito si è impegnano a favore del territorio. Un’attenzione oggi ancora più forte che si è tradotta in una donazione personale all’ospedale San Giuseppe di Empoli e per il sostegno della comunità locale, e che si riflette anche nei valori etici e solidali della cantina. Agli operatori impegnati a gestire l’emergenza legata al Covid-19, all’interno sia delle strutture ospedaliere sia delle residenze per anziani, e residenti nei comuni limitrofi a Villa Bibbiani la consegna sarà effettuata direttamente dalla cantina senza costi e con uno sconto sull’ordine. “Un piccolo gesto per coloro che stanno assistendo i nostri concittadini senza sosta da settimane”, commenta l’enologo Leopoldo Morara. “Ci auguriamo riescano a ritagliarsi un momento di pausa e che un buon bicchiere di vino possa aiutare ad allentare la tensione”.

Villa Bibbiani è stata inoltre la prima “cantina solidale” ad aderire a Vino vs Virus, progetto che coinvolge esperti e appassionati di vino nella raccolta fondi di Mission Bambini volta a potenziare la strumentazione informatica durante l’emergenza per garantire ai bambini più vulnerabili il diritto all’istruzione.