Insieme c’è più gusto? Assolutamente sì! Ma come fare in un periodo in cui per la salute di tutti è necessario isolarsi e stare lontani dai propri cari e dalle persone che ami? Gli aperitivi su Skype e le cene via Zoom stanno aiutando amici, parenti e innamorati a trovare conforto e vicinanza, ma a Pasqua la lontananza dalla normalità si farà ancora più sentire.

Per abbattere le distanze Kraft offrirà gratuitamente nei giorni di Pasqua e Pasquetta il servizio “corriere” di Glovo a tutti quelli che vorranno condividere con i propri cari i piatti preparati in casa. Un modo per essere vicini alle famiglie italiane e per condividere l’emozione e il calore del buon cibo. Quindi cucina il tuo piatto per le persone che ami e Kraft e Glovo lo porteranno al posto tuo da una parte all’altra delle città. L’iniziativa è valida nelle principali città italiane in cui è attivo il servizio di Glovo, come Roma, Milano, Torino, Genova, Padova, Verona, Firenze, Bologna, Bari e tante altre”.

Per ogni consegna effettuata Kraft e Glovo doneranno 2€ ad AIL, Associazione italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma che da 50 anni, promuove e sostiene la ricerca scientifica per la cura delle malattie ematologiche ed assiste i malati e le loro famiglie in tutte le fasi del lungo percorso della malattia.

In questo periodo difficile abbiamo scoperto nuovi modi per accorciare le distanze e non perdere il legame con i nostri affetti. In occasione di questa Pasqua così particolare, abbiamo pensato che Kraft potesse fare qualcosa che andasse proprio in questa direzione, connettendo tra di loro famiglie e amici attraverso la condivisione di un piatto preparato in casa, per sentirci tutti un po’ più vicini” – spiega Luca Filetti, Brand Manager Kraft.

“Molte persone trascorreranno forse per la prima volta i giorni di Pasqua senza essere in compagnia dei propri cari e degli amici. Come piattaforma di consegne multi-categoria, siamo convinti che in questa emergenza il delivery, attuato garantendo la sicurezza di tutti, sia diventato uno strumento ancora più essenziale per riscoprire le piccole cose che ci fanno sentire parte di una famiglia o di un gruppo, anche a distanza” – spiega Niccolò Francalanci, Head of Marketing & Growth di Glovo Italia. 

“AIL da sempre, e oggi più che mai, mette al primo posto il paziente con diagnosi di tumore del sangue, che è particolarmente fragile in quanto il suo sistema immunitario è gravemente depresso – dichiara il Professor Sergio Amadori, Presidente Nazionale dell’Associazione – Ogni anno finanziamo 116 centri ematologici in tutta Italia, l’assistenza e l’accoglienza gratuita per oltre 7500 pazienti. AIL, attraverso l’opera delle sue 81 sezioni, sta lavorando a pieno ritmo in questa emergenza e con impegni concreti, fornendo mascherine, guanti e gel disinfettanti alle aziende sanitarie, sostenendo le spese per spostare a domicilio la consueta attività di Day Hospital per i pazienti ematologici, avviando studi per valutare l’impatto del Coronavirus sui pazienti affetti da malattie del sangue. Siamo grati per l’aiuto che Kraft e Glovo ci offrono per continuare a sostenere la ricerca scientifica ed assistere i pazienti ematologici”.