Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Foodaffairs: news su food, GDO, Horeca, delivery & comunicazione, adv, mktg, sostenibilità

Food Affairs

Milano al tempo del Coronavirus. Beintoo rivela come cambiano realmente le abitudini di consumo dei cittadini. Analizzati anche gli accessi a ristoranti e supermercati

La città della Madonnina sta vivendo una fase storica ricca di incertezze e timori.

La popolazione sembra nettamente divisa, si passa dai catastrofisti, agli inerti, dai prudenti, ai timidi intraprendenti, fino ad arrivare ai più temerari sostenitori attivi del #milanononsiferma.

Molti sono stati i decreti ministeriali e regionali, le ordinanze,i provvedimenti, le raccomandazioni e i ricorrenti bollettini ospedalieri che inesorabili fanno la conta dei casi di questo nuovo Covid-19.

Se però provassimo per un attimo a mettere da parte gli schieramenti, le voci caotiche e le paure delle ultime settimane, potremmo provare a comprendere il vero impatto di questa emergenza sulla città e sui consumi.

Quanto, di ciò che è stato detto, corrisponde alla realtà dei fatti?

Beintoo è andata oltre le opinioni e ha ricercato risposte tangibili conducendo uno studio di visit trend su alcuni dei luoghi fisici più frequentati della città, per capire come si è evoluto il traffico di persone nelle ultime settimane.

Nello specifico, mediante la loro tecnologia proprietaria di location intelligence, sono stati analizzati gli accessi a ristoranti, negozi di abbigliamento, catene di supermercati, agli aeroporti di Malpensa e Linate, e alle stazioni Centrale e Garibaldi, evidenziando i cambiamenti nelle abitudini di consumo dei milanesi.

Lo studio, che ha preso in considerazione il periodo dal 1 Febbraio al 4 Marzo 2020, si è concentrato sulle persone, appartenenti al panel di Beintoo, che normalmente frequentano i census block della città di Milano.

I dati ricavati dal segnale gps degli smartphone (tramite app partner) sono stati poi normalizzati, come da prassi, per eliminare gli effetti stagionali e i cambiamenti nel modello di campionamento, dal momento che differenti abitudini di consumo hanno anche comportato differenti utilizzi di mobile application.

Variazione visite vs media inizio mese Grocery e Fast Food (periodo 1 Feb – 4 Mar)

Il primo grafico rappresenta lo scostamento delle visite in store rispetto alla media delle prime due settimane di Febbraio nei comparti grocery e fast food, all’interno della città di Milano.

Come si può vedere il primo comparto (in verde) mantiene un trend di accessi in linea con la media, ad eccezione di un picco verificatosi durante il primo weekend di emergenza, quello del 22 febbraio.

Il comparto fast food, invece, mostra un calo drastico a partire da domenica 23 anche se il trend degli ultimi giorni sembra indicare un leggero ritorno verso la normalità.

-
-

Altri articoli

FOOD E MEDIA

Gli chef Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli hanno selezionato i 20 componenti ufficiali della Masterclass, concorrenti per il titolo di MasterChef Italia....

COMUNICAZIONE FOOD

Ultima referenza della sua limited edition 2021 che chiude le celebrazioni per il 700° anniversario della morte di Dante L’amor che move il sole...

COMUNICAZIONE FOOD

All’infuriare delle polemiche su Renatino che, nello spot del Parmigiano Reggiano, è felice di non avere una vita e lavorare 365 giorni l’anno, l’attore...

COMUNICAZIONE FOOD

Occhi color cielo, sorriso che conquista e un percorso ricco di successi nel mondo della cucina: è il primo identikit della splendida figlia (acquisita)...

-