Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Foodaffairs: news su food, comunicazione, adv, mktg, sostenibilità

Food Affairs

Il 72% degli italiani rinuncerebbe alla pausa pranzo per staccare prima dal lavoro. Veepee svela le abitudini di pausa pranzo e back to work: l’incubo peggiore è il collega stakanovista

È scientificamente provato che la pausa pranzo è un momento essenziale nella vita di tutti i giorni: aiuta il benessere psicofisico, rendendoci più produttivi e concentrati nel pomeriggio. Secondo gli esperti la durata ottimale si aggira attorno all’ora e un quarto ma, anche se si ha meno tempo a disposizione, è importante fermarsi e ‘far riposare’ la mente a metà giornata, relazionarsi con gli altri e ricaricare le batterie.

Nel mondo anglosassone, cresce la tendenza del deskfast: particolarmente amata dai pendolari che partono da casa molto presto, la colazione in ufficio permette di iniziare la giornata con gusto ed energia.

E in Italia? Per saperne di più Veepee, creatore e leader delle vendite evento online, ha scelto di indagare le abitudini dei suoi iscritti per sfatare i luoghi comuni sulla loro pausa pranzo, raccontando in quale modo amano trascorrerla, anche svelando alcuni segreti fra colleghi.

ITALIANI SEMPRE PIÙ ‘SCHISCIA’ MASTER

Nonostante siano riconosciuti i benefici di fermarsi in pausa pranzo, secondo il sondaggio condotto tra i soci di Veepee, il 72% degli intervistati non ha dubbi e sacrificherebbe questo momento per guadagnare un’ora di libertà e fuggire prima dal lavoro. Un desiderio che, al rientro dopo la pausa vacanziera rischia di essere ancora più irrefrenabile con l’estate in piena esplosione.

Quali soluzioni adottano, dunque, gli italiani per rendere la pausa pranzo più piacevole possibile nel back to work? Il pocket lunch, conosciuto dai più come schiscetta, non è più soltanto una necessità, ma una scelta precisa, salutare e un’autentica tendenza dalle molte sfaccettature.

Infatti, sull’onda della passione per il food-entertainment portato in auge da chef-superstar e a conferma della naturale inclinazione degli Italiani per la buona cucina, un importante 66%afferma di scegliere il pranzo al sacco per mangiare in maniera più sana, mentre il 29% lo sceglie per il risparmio economico.

Per i soci di Veepee la preparazione della ‘schiscetta’ è un vero e proprio rito e oltre il 37% di loro dichiara di ideare menù ad-hoc e preparare il pranzo accuratamente la sera prima. I cibi preferiti dello schiscia master? Riso freddo e insalata di pollo d’estate, mentre d’inverno via libera a varianti di zuppe e torte salate.

Il sondaggio di Veepee intercetta un altro trend amato dagli Italiani, soprattutto da quelli che lavorano in città: il food deliveryIl 15% degli intervistati non sa rinunciare a questo piccolo lusso quotidiano e dichiara di ordinare il pranzo da asporto almeno una volta a settimana. Insomma: quello che voglio, all’ora che voglio!

SOCIAL EATING E SPORT: LE ABITUDINI DI CHI SCEGLIE UNA PAUSA RIGOROSAMENTE OFF

Tra le tendenze emerse cresce il social eatingche crea importanti momenti di convivialità in ufficio, ma soprattutto fuori: il 62% degli intervistati ama trascorrere la pausa pranzo in compagnia di amici e parenti, per staccare totalmente dal lavoro e non farsi trascinare in chiacchiere e pettegolezzi da ufficio. Ma il social eating è una tendenza che va al di là della settimana lavorativa e della cerchia di family&friends: sono ormai numerosi anche in Italia gli home restaurant di privati che, grazie a numerose app, permettono di aprire le porte di casa, cucinando pasti a tema per un gruppo di sconosciuti, che presto diventeranno amici!

Una parte di coloro che lascia la scrivania in pausa pranzo lo fa per sfruttare questo momento della giornata per un po’ di sport: piscina, palestra, jogging sono la scelta del 21% del campione per scaricare la tensione, mantenersi in forma e liberare endorfine. C’è anche chi approfitta della pausa pranzo per darsi una sistemata dal parrucchiere o dall’estetista (13%) e chi la utilizza per cercare un nuovo lavoro e fare colloqui (7%).

DOS E DONTS DELLA PAUSA PRANZO

Tra le curiosità, dal sondaggio è emerso che per il 37% degli intervistati l’incubo peggiore della pausa pranzo è rappresentato dalle fastidiose riunioni fissate dal collega stakanovista (e guastafeste) alle h13.00. Al secondo e al terzo posto, rispettivamente con il 29% e il 28% delle preferenze, troviamo il collega che parla al telefono ad alta voce interrompendo la pace della pausa pranzo, e quello che infesta l’aria con l’odore del suo cibo.

Via libera invece allo shopping online in pausa pranzo, un’attività che viene praticata dal 66% degli intervistati. Questa tendenza è confermata anche dai dati di traffico su Veepee.it che all’ora di pranzo vedono un’impennata del traffico da desktop, un classico da pausa in ufficio in compagnia delle proprie colleghe.

-
-

Altri articoli

COMUNICAZIONE FOOD

Ultima referenza della sua limited edition 2021 che chiude le celebrazioni per il 700° anniversario della morte di Dante L’amor che move il sole...

COMUNICAZIONE FOOD

A 700 anni dalla morte di Dante, Magnum lancia tre limited edition ispirate ai tre cantici della Divina Commedia, Inferno, Purgatorio e Paradiso. Con...

FOOD BUSINESS

Fico Eataly World, il parco tematico del cibo italiano, ha riaperto in una versione rinnovata e, secondo una ricerca turistica di questi giorni, si...

COMUNICAZIONE FOOD

L’amaro più amato sale nuovamente sul podio confermando la sua posizione di leader per buyer, category e direttori acquisti della GDO Vecchio Amaro del...

-