Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

MONDO

Ricette dai nomi “fuorvianti”. Dall’insalata russa alla Caesar salad i nomi dei piatti che ci ingannano più spesso

Il legame tra lingua e cucina può essere spesso profondo e ricco di sfumature e connessioni. Alcune denominazioni di piatti possono trarre in inganno, evocando determinati Paesi o nomi propri non strettamente legati agli ingredienti effettivi della pietanza, oppure possono derivare da traduzioni errate o false attribuzioni, mettendo in luce la complessità e la diversità del patrimonio gastronomico globale in correlazione alla varietà linguistica.

HelloFresh, il servizio di box ricette a domicilio leader del settore, e Babbel, l’ecosistema leader nell’apprendimento delle lingue, svelano i trend legati ai piatti che derivano da nomi propri o da Paesi, invitando a un viaggio culinario e culturale per scoprire le origini dei dieci nomi di ricette più ricercate e peculiari tra l’Italia e l’Europa.

I nomi propri e le ricette: dal ristoratore Alfredo di Lelio a Lemuel Benedict

Secondo i dati rilevati da HelloFresh1, in Italia il podio delle ricette con maggior trend di crescita per le ricerche online è riservato ai piatti statunitensi: al primo posto le fettuccine Alfredo (235%), seguite in seconda e terza posizione dalle uova alla Benedict (83%) e dalla Caesar salad (22%). In Europa si attestano protagonisti delle ricerche online la pasta alla Norma (per il Regno Unito 23%), le uova alla Benedict (“Huevos Benedictinos”) in Spagna (175%) e in Germania (“Eier Benedict”) con una percentuale di crescita del 124%, mentre il filetto alla Wellington (“Bœuf Wellington”) spopola in Francia (124%).

  • FETTUCCINE ALFREDO: come spiega la linguista Sofia Zambelli, Curriculum Manager presso di Babbel Live, il nome sarebbe riconducibile ad un ristoratore di Roma di inizio Novecento, Alfredo di Lelio. La leggenda racconta che di Lelio abbia ideato il piatto con l’obiettivo di aiutare la moglie a rinvigorirsi dopo la gravidanza. Utilizzando tre semplici ingredienti (pasta, burro e parmigiano), il cuoco creò una salsa ricca e cremosa che conquistò immediatamente il cuore della moglie. Il piatto è diventato poi popolare tra i clienti del suo ristorante, il “Ristorante Alfredo”, attirando anche celebrità e turisti da tutto il mondo. Nonostante le radici italiane, il piatto ha ottenuto grande fama negli Stati Uniti nel corso del XX secolo, dove è conosciuto come “Fettuccine Alfredo” (questa denominazione è rimasta in italiano anche a livello internazionale).
  • UOVA ALLA BENEDICT: il nome di questo piatto non ha niente a che vedere con l’ordine dei Benedettini, come si potrebbe supporre. La versione più accreditata attribuisce la creazione a Charles Ranhofer, cuoco del ristorante di New York “Delmonico’s”. Si narra che uno dei clienti abituali, Lemuel Benedict, desideroso di trovare un rimedio al suo mal di testa, ordinò un piatto composto da uova poché, pancetta e muffin inglesi, il tutto condito con salsa olandese. Questo mix di ingredienti fu così gradito da diventare parte del menù del ristorante, con il nome “uova alla Benedict” in onore del suo “creatore”. 
  • CAESAR SALAD: il piatto risale alla figura del ristoratore piemontese Cesare Cardini che avrebbe creato questa insalata nel 1924, improvvisando con gli ingredienti disponibili in cucina durante un giorno particolarmente affollato nel suo ristorante a Tijuana, in Messico, il “Caesar’s Restaurante-Bar” (lattuga romana, crostini di pane, parmigiano, uova, succo di limone, olio d’oliva, senape, salsa Worcestershire, aglio e acciughe). La popolarità di questo piatto (ancora oggi chiamato così in onore del cuoco italiano) crebbe molto rapidamente tra i clienti del “Caesar’s Restaurante-Bar” al punto da essere diventata una delle insalate più apprezzate in tutto il mondo. La denominazione della ricetta rimane invariata in inglese e italiano, mentre in altre lingue europee viene tradotta letteralmente come, per esempio, in francese “salad César, in spagnolo “ensalada César, e in tedesco “Caesar salat.
  • PASTA ALLA NORMA: l’origine linguistica di questo piatto è comunemente attribuita all’opera lirica “Norma” del compositore catanese Vincenzo Bellini. Tuttavia, ci sono due versioni contrastanti su come questo collegamento musicale sia nato: secondo alcuni, uno chef catanese creò e servì questa pietanza in occasione della Prima dell’opera di Bellini a La Scala (il 26 dicembre 1831); secondo un’altra popolare teoria, lo scrittore, poeta e sceneggiatore Nino Martoglio l’avrebbe assaggiata ospite da amici a Catania e, particolarmente impressionato dalla sua bontà  e dalla bellezza dell’opera di Bellini, avrebbe esclamato: “Questo piatto è una vera Norma”. 
  • FILETTO ALLA WELLINGTON: il famoso duca inglese di Wellington, Arthur Wellesley, è il personaggio che si nasconde dietro questo piatto, creato proprio per celebrare la vittoria del condottiero nella battaglia di Waterloo contro Napoleone nel giugno del 1815. 

Alert nomi e provenienza geografica, tra teorie e tradizioni

A conquistare la curiosità degli italiani, secondo i dati rilevati da HelloFresh, ci sono anche tutti quei nomi di piatti che rimandano a nomi di luoghi o località geografiche, come ad esempio gli hamburger (122%), le french fries (50%) e l’insalata russa (49%). In Spagna cresce l’interesse per la torta Baked Alaska (125%), mentre in Francia suscita maggior attenzione il dolce estivo Eton Mess (89%). Nel Regno Unito, si confermano tra le ricette internazionali più ricercate l’hamburger (400%), e in Germania le French fries (235%).

  • HAMBURGER: deriverebbe dalla città di Amburgo, dove all’inizio del XIX secolo era uso comune servire carne macinata sotto forma di polpette o bistecche, fu introdotta negli Stati Uniti a seguito dell’emigrazione tedesca di quello stesso periodo. La parola sarebbe quindi un prestito linguistico dal tedesco, e più specificatamente, un demotico (ovvero un termine che indica la provenienza e in questo caso, significa “di Amburgo”). La pratica di mettere la carne tra due fette di pane prese rapidamente piede oltreoceano nel corso del XIX secolo, dando origine all’ormai conosciutissimo “panino imbottito”. 
  • FRENCH FRIES: contrariamente a quanto sembra dal nome del piatto, le “French fries” (letteralmente “patatine francesi”) non provengono dalla Francia, ma dal Belgio. Durante la prima guerra mondiale, i soldati nordamericani di stanza nella regione della Vallonia scoprirono questo spuntino di patate fritte; poiché la lingua dominante nel Belgio meridionale è il francese, questa gustosa pietanza venne soprannominata “French fries”. Un’altra teoria suggerisce invece che il termine “French” sia stato utilizzato per indicare lo stile di taglio delle patate “alla francese”, piuttosto che per l’origine geografica. Secondo un’altra versione, infine, il termine “fries” sarebbe da ricondurre alla lingua francese, dove “frire” significa “cuocere in olio bollente”.
  • INSALATA RUSSA: il nome di questa ricetta potrebbe trarre in inganno, poichè non è strettamente legato alla Russia, almeno non in tutto il mondo! Si ritiene che l’insalata sia stata creata nella seconda metà del XIX secolo da un cuoco belga di nome Lucien Olivier, che gestiva un famoso ristorante a Mosca chiamato “Hermitage”. La ricetta originale di Olivier includeva ingredienti come patate, carote, piselli, cetrioli sottaceto, uova sode e carne, maionese, olive e prezzemolo come decorazioni. Quella che in Italia è denominata insalata russa, prende i nomi più diversi negli altri Paesi. In Danimarca, Norvegia e Finlandia, per esempio, è conosciuta come “Italiensk salat” (“insalata italiana”), influenzata da una versione piemontese del piatto risalente al XIX secolo e nota come “insalata rusa” (ossia rossa, poichè prevedeva l’uso di barbabietole). Secondo alcune fonti, il piatto sarebbe stato proposto da un cuoco di corte dei Savoia in occasione della visita dello zar Nicola II in Italia nel 1909. Il piatto sarebbe stato preparato con l’aggiunta di prodotti comunemente coltivati in Russia (carote e patate) – la ricetta non prevedeva l’uso della maionese, ma della panna che voleva rappresentare la neve, tipica del clima russo – lo zar avrebbe poi portato con sé la ricetta, che si sarebbe diffusa in Europa, sostituendo la panna con la maionese ed eliminando le barbabietole. In Olanda “Huzarensalade” (“insalata degli Ussari”) a causa dell’associazione con i cosiddetti “ussari”, una tipica unità di cavalleria dell’esercito russo che introdusse l’insalata nei Paesi Bassi in occasione di eventi militari o diplomatici. In Lituania è nota come “Baltasis salotas” (“insalata bianca”) per il suo colore chiaro e la consistenza cremosa, mentre in Croazia, Slovenia e Ungheria è denominata “Francuska salata” (“insalata francese”), termine che si ricollega alla popolarità della cucina francese. In Romania, infine, è chiamata “Insalata boeuf” a causa della sua associazione a un piatto tradizionale rumeno chiamato “Salată de boeuf” a base di manzo bollito e verdure sottaceto e maionese.
  • BAKED ALASKA: l’invenzione di questo dolce è generalmente attribuita allo chef francese Charles Ranhofer del Delmonico’s Restaurant di New York City e risale al 1867. Tuttavia, l’origine precisa del nome è incerta. Secondo alcuni, “Baked Alaska” deriverebbe dal fatto che il piatto assomiglia ad un paesaggio ghiacciato: in questo caso, il gelato rappresenterebbe l’Alaska e la meringa la neve. Altri suggeriscono che il nome possa essere stato utilizzato per onorare l’acquisto dell’Alaska da parte degli Stati Uniti nel 1867, sebbene questa versione sia meno accreditata. È curioso che questa torta viene chiamata in francese “omelette à la norvégienne” (ovvero “omelette alla norvegese”), così denominata per via della sua somiglianza con un altro dolce francese chiamato appunto “Omelette norvégienne” o “Omelette surprise”: entrambi i dessert presentano infatti uno strato esterno che ricorda la meringa cotta o bruciata, anche se i loro ingredienti e il loro metodo di preparazione possono essere diversi.
  • ETON MESS: l’origine di questo goloso dessert, che combina panna, fragole e meringa sbriciolata, deve il nome all’unione di due parole: la parola inglese “mess” che letteralmente si può tradurre con “disastro” o “pasticcio” e Eton, tra i più prestigiosi college del Regno Unito, nella contea di Berkshire. Secondo la teoria più famosa, alla fine del XIX secolo, durante una partita di cricket presso la rinomata scuola, un cane labrador si sarebbe seduto su un cesto da picnic contenente una torta Pavlova con fragole e panna, schiacciandola completamente. Di fronte a questo caos, gli studenti provarono a salvare il dolce, accorgendosi che risultava ancora ottimo! 

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

TREND

Nelle cucine italiane si racchiude un vero e proprio universo di saperi culinari e sapori, un insieme articolato di regole “non scritte” in cui...

TREND

Una ricerca di HelloFresh commissionata a Censuswide rivela che il 56% degli italiani vorrebbe mangiare più spesso insieme alla propria famiglia

TREND

Negli ultimi anni i consumatori europei hanno dimostrato un elevato grado di curiosità e una sempre maggiore apertura verso la cucina orientale. Nei primi...

TREND

Il Natale è nell’aria. Lo si avverte, lo si respira passeggiando per le strade addobbate, osservando le vetrine dei negozi e in tv dove...

GDO

La quotidianità degli italiani è sempre più orientata verso comportamenti sostenibili, che hanno l’obiettivo di ridurre l’impatto delle nostre scelte di consumo sul pianeta. Lo rivela HelloFresh – servizio...

-