Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

COMUNICAZIONE

Federvini plaude al Governo per l’attività di contrasto al decreto belga sulla pubblicità delle bevande alcoliche

Federvini accoglie con favore la tempestiva azione del Governo, annunciata ieri dal Ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida, che attraverso un parere circostanziato trasmesso alla Commissione europea ha espresso rilievi critici sui contenuti del decreto belga che vorrebbe imporre avvertenze sanitarie da adottarsi in tutte le forme di pubblicità delle bevande alcoliche.

Nel ribadire il sostegno alla promozione di un consumo responsabile e la necessità di tutelare i minori – impegno profondamente condiviso da Federvini – il Governo ha reso noto di aver evidenziato alla Commissione europea alcune sostanziali criticità quali l’incertezza circa il contenuto del messaggio informativo sanitario che dovrà essere definito, l’ampiezza non circoscritta del termine ‘pubblicità’ e il rischio che si producano potenziali limiti alla libera circolazione delle merci con conseguenze ignote per le imprese del settore.

“Rimaniamo fermamente convinti che i consumatori meritino di essere correttamente informati e che sia necessario maggiore impegno nell’educazione per contrastare ogni forma di abuso di alcol. Ciò deve però avvenire nell’ambito di un corpus giuridico omogeneo a livello europeo. Permettere agli stati membri di procedere in ordine sparso non solo è contrario ai principi del mercato unico ma in ultima analisi riteniamo non vada negli interessi dei consumatori europei che finirebbero per essere destinatari di messaggi disomogenei e potenzialmente contraddittori” ha affermato la Presidente di Federvini Micaela Pallini.

L’attenzione delle Istituzioni italiane al mantenimento di un quadro regolamentare armonico nel territorio dell’Unione europea rappresenta un fattore essenziale per la competitività dei comparti produttivi rappresentati da Federvini, oltre che per la corretta informazione dei consumatori.

“Il parere circostanziato che il Governo ha depositato ieri è un atto che conferma ancora una volta l’attenzione e la sensibilità delle nostre Istituzioni allo sviluppo di un settore che ricopre un ruolo strategico per l’economia nazionale. Federvini accoglie positivamente quest’iniziativa che va nella direzione di contrastare un provvedimento come quello belga che rischia di minare l’uniformità del quadro normativo europeo e di determinare un impatto deleterio per gli operatori d’impresa” ha commentato la Presidente di Federvini Micaela Pallini.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Si attende ora l’avvio della fase cruciale di confronto istituzionale che vedrà in sede comunitaria la replica del Belgio ai rilievi formulati dall’Italia.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

NOVITÀ

Sostenibilità e identità territoriale: due le parole chiave alla base di un impegno programmatico, un manifesto di intenti, per il futuro della denominazione Chianti...

CONSUMI

 Nel 2023 si confermano 29,4 milioni i consumatori di vino nel nostro Paese, stabili rispetto all’anno precedente, così anche la quota generale di penetrazione...

RICETTE E CONSIGLI

Nel cuore dell’Italia settentrionale, lì dove il clima mite bacia le dolci colline moreniche, si trova una zona vitivinicola che, negli anni, si è...

COMUNICAZIONE

Oltre 1.150 lotti compongono il catalogo dell’asta di vini pregiati e distillati organizzata da Aste Bolaffi mercoledì 22 e giovedì 23 maggio in modalità...

PROMOZIONE

“L’avevamo detto e l’abbiamo fatto anche prima del previsto. All’inizio ci siamo trovati davanti a meccanismi farraginosi che occorreva sistemare, ma adesso abbiamo ben...

CONSUMI

Debutta il vino Primitivo ICE di Masso Antico di Schenk Italia prodotta con uve Primitivo raccolte dai vitigni biologici in Salento. La novità –...

-