Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

CONSUMI

A Pasqua “via crucis”per i consumatori italiani a causa dei rincari dagli alimentari ai viaggi

Per cibo andamento prezzi +4%, hotel +6,9%, biglietti aerei +13%. A parità di consumi maggiore spesa da quasi 1 miliardo di euro

Anche la Pasqua 2024 sarà interessata da aumenti di prezzi e tariffe in tutti i comparti, anche se di entità minore rispetto agli ultimi due anni. Lo afferma Assoutenti, che ha realizzato uno studio per analizzare le spese cui andranno incontro le famiglie durante le prossime festività.

Nonostante l’assestamento dell’inflazione allo 0,8% nell’ultimo mese, alcune voci di spesa che interesseranno la Pasqua risultano in forte aumento – spiega Assoutenti – Ad esempio i prezzi degli alimentari crescono in media del 4% su base annua, con picchi del 46,2% per l’olio d’oliva, dell’11,1% per la frutta fresca e del 14,9% per le patate. Un trend al rialzo che interessa anche alcuni prodotti enogastronomici tipici della Pasqua, come la carne ovina, caprina o i salumi, che salgono del +3,8% su anno.

Brutte notizie anche per chi si mette in viaggio per tornare in famiglia durante le festività o per concedersi qualche giorno di vacanza: le tariffe dei treni sono aumentate nell’ultimo mese del 5,9% su base annua, mentre per un biglietto aereo per destinazioni nazionali la spesa sale in media del 13,1%, +5,7% se si sceglie una meta europea; +8,7% i listini dei pacchetti vacanza tutto compreso.

Sarà più costoso anche dormire fuori casa: le tariffe di alberghi e motel crescono infatti al ritmo del +6,9%, addirittura del +9,1% quelle delle altre strutture ricettive (b&b, case vacanza, appartamenti, ecc.).

Per cenare al ristorante la spesa media risulta oggi più cara del 3,9% rispetto lo scorso anno, e anche per visitare musei e monumenti storici si spende il 3,9% in più.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Rincari che si rifletteranno sulla spesa delle famiglie in occasione della Pasqua: a parità di consumi rispetto al 2023, la spesa per imbandire le tavole raggiungerà quest’anno i 2,2 miliardi di euro, mentre si spenderanno 430 milioni di euro per il pranzo di Pasqua al ristorante. La vera mazzata, però, sarà quella su viaggi e spostamenti, con un aggravio di spesa stimato in +700 milioni di euro rispetto allo scorso anno.

“A conti fatti la Pasqua 2024 rischia di costare quasi 1 miliardo di euro in più agli italiani, circa 36 euro in più a famiglia spalmando i dati sull’intera popolazione residente – commenta il presidente Gabriele Melluso – Il nostro timore è che i prezzi dei beni alimentari tipici delle feste e le tariffe in ambito di trasporti e turismo possano subire un ulteriore scossone al rialzo nelle prossime settimane, con l’avvicinarsi della festività e per effetto della maggiore domanda da parte dei consumatori, aumenti che renderebbero la Pasqua degli italiani ancora più amara. Per questo ribadiamo la necessità di istituire Osservatori territoriali antinflazione presso tutte le Prefetture”.

 Spesa 2023Previsioni spesa 2024Differenza
Alimentari2 miliardi2,2 miliardi+200 milioni
Ristoranti400 milioni430 milioni+30 milioni
Viaggi6,1 miliardi6,8 miliardi+700 milioni
TOTALE8,5 miliardi9,43 miliardi+930 milioni

AUMENTI ANNUI DI PREZZI E TARIFFE NELL’ULTIMO MESE:

Alimentari

–         carne ovina e caprina 3,8%

Advertisement. Scroll to continue reading.

–         salumi 3,8%

–         olio di oliva 46,2%

–         frutta fresca 11,1%

–         vegetali freschi 4,2%

–         patate 14,9%

Advertisement. Scroll to continue reading.

–         bevande gassate 6,3%

–         acque minerali 4,4%

Trasporti

–         trasporto ferroviario passeggeri 5,9%

–         voli nazionali 13,1%

Advertisement. Scroll to continue reading.

–         voli europei 5,7%

–         pacchetti vacanza nazionali 8,7%

Viaggi:

–         alberghi e motel 6,9%

–         servizi di alloggio in altre strutture 9,1%

Advertisement. Scroll to continue reading.

–         musei, monumenti storici 3,9%

–         ristoranti 3,9%

–         bar 3,3%

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

GDO

Il Governo deve guardare al futuro, partendo dal presupposto che il caro-prezzi è attualmente la prima preoccupazione delle famiglie italiane. Lo afferma Assoutenti, commentando...

GDO

I dati sulle vendite al dettaglio di novembre dimostrano ancora una volta come l’emergenza prezzi che ha caratterizzato il 2023 abbia modificato le abitudini...

SOSTENIBILITÀ

Ogni anno nel periodo delle festività natalizie 500mila tonnellate di cibo finiscono in pattumiera a causa degli sprechi alimentari che si registrano all’ interno...

GDO

“I dati sulle vendite al dettaglio di agosto dimostrano ancora una volta come l’emergenza prezzi stia modificando profondamente le abitudini delle famiglie italiane, determinando...

MERCATO & BUSINESS

Qualsiasi accordo teso a far diminuire i prezzi al dettaglio è una buona notizia, e per questo ringraziamo il Governo e il Ministro delle...

-
Advertisement