Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

COMUNICAZIONE

I consumatori italiani vogliono informazioni affidabili (e leggi più stringenti) sul trattamento degli animali in allevamento

Indagine Altroconsumo: Il 96% degli intervistati ritiene importante introdurre nuove norme per garantire il benessere degli animali da allevamento, il 63% lo considera molto importante.

Da un’indagine svolta da Altroconsumo insieme a Beuc e Icrt (organismi che raccolgono diverse organizzazioni dei consumatori in Europa e nel mondo) per conoscere l’opinione dei consumatori sul benessere degli animali da allevamento, emerge che il tema è molto importante per il 41% degli italiani, mentre per il 50% lo è abbastanza e solo il 9% pensa che sia un aspetto poco rilevante.

Riguardo alla predisposizione a pagare un sovrapprezzo per alimenti prodotti secondo standard di benessere animale più elevati, 1 intervistato su 4 (24%) non è disposto a farlo, i restanti 3 sì, ma in misura diversa; il 38% sarebbe invece incline a pagare al massimo il 5% in più, il 25% fino al 10%, e solo il 13% sarebbe disposto a pagare oltre il 10% in più. In caso di aumento del prezzo della carne, indipendentemente dalla causa, il 30% del campione afferma che, per risparmiare, consumerebbe sicuramente più legumi o sostituti vegetariani, il 24% passerebbe a tipologie di carne più economiche, mentre il 23% ridurrebbe il consumo di carne.

I consumatori manifestano una crescente richiesta di informazioni sul benessere degli animali. Infatti, la maggioranza degli intervistati (88%) desidera trovare su tutti i prodotti di origine animale un’etichetta simile a quella attualmente in uso per le uova che indica il metodo di allevamento. Si tratta di un’informazione rilevante per i consumatori, infatti il 67% degli intervistati prende in considerazione le etichette quando acquista le uova, anche se solo il 50% le comprende adeguatamente. La questione dell’etichetta sul benessere animale è un tema di grande rilevanza in Italia: nei supermercati o nei negozi specializzati si trovano confezioni di carne e prodotti derivati che riportano diciture come “benessere animale” o “100% al pascolo”, tuttavia, tali affermazioni sono spesso autoattribuite dai singoli produttori. Altroconsumo ha indagato sul grado di fiducia degli intervistati su queste etichette, rilevando che solo il 23% le ritiene affidabili. In caso di scoperta di informazioni false, il 50% dei rispondenti ha dichiarato che non acquisterebbe più quel marchio, mentre il 30% perderebbe fiducia in quel tipo di messaggio. Sebbene sia prevista l’introduzione di un’etichetta nel piano nazionale per le politiche agricole dei prossimi anni, essa consisterà solo in una dicitura generica come “benessere animale”, senza fornire dettagli specifici sul tipo di allevamento utilizzato.

In generale, gli intervistati si considerano poco informati sul benessere animale (il 71% afferma di esserlo poco o per nulla) e in effetti lo sono. Altroconsumo ha proposto loro un test sulle pratiche di allevamento e su 8 domande le Immagine che contiene testo, schermata, Pagina Web, software

Descrizione generata automaticamenterisposte corrette sono state, in media, poco più di 2. Nonostante la scarsa informazione, quando è stato chiesto ai rispondenti quanto è importante assicurare con nuove leggi il benessere animale, il 63% ha risposto molto e il 33% abbastanza.

L’indagine svolta mette in luce che per i consumatori dell’Unione europea il benessere degli animali è una questione di grande importanza. Basti pensare che la petizione per eliminare le gabbie dagli allevamenti ha raccolto in un anno 1,4 milioni di firme e che quasi 9 consumatori su 10 sono favorevoli a nuove leggi per migliorare il benessere degli animali d’allevamento nell’UE, ad esempio fornendo più spazio vitale, vietando i sistemi a gabbie e le mutilazioni. La conferma di questo interesse emerge anche dall’indagine di Altroconsumo dove l’81% degli intervistati dichiara di volere più fondi per gli allevatori che scelgono pratiche rispettose per gli animali.

Il 52% degli intervistati inoltre ritiene che i negozi offrano pochi alimenti che rispettano il benessere animale. Il 38% pensa invece di non poter far nulla per il benessere animale: è una percentuale abbastanza alta che nasce anche dalla necessità di maggiori informazioni e dal fatto che manca un’etichetta affidabile sui prodotti che consenta al consumatore di scegliere e quindi di influenzare il mercato come è successo per le uova. Infine, circa 4 persone su 5 sono convinte che un migliore benessere degli animali si rifletta in alimenti più sicuri.

Advertisement. Scroll to continue reading.

“Il modo in cui trattiamo gli animali da allevamento ha un impatto rilevante sulla salute delle persone. Situazioni di stress e condizioni di scarso benessere per gli animali possono avere come conseguenza la maggiore predisposizione a contrarre malattie infettive, generando tra l’altro anche un rischio per la salute dei consumatori finali. Un numero sempre crescente di consumatori, nello specifico l’88%, richiede di avere informazioni relative a come gli animali sono stati allevati, e sempre meno si fidano degli slogan delle aziende relativi alla loro cura. Al fine di raggiungere standard più elevati a tutela del benessere degli animali, ed evitare fenomeni di “animal welfare-washing”, l’UE e i Governi nazionali devono impegnarsi affinché i costi di questa transizione non siano scaricati sul consumatore finale, ma condivisi lungo l’intera filiera.” Ha dichiarato Federico Cavallo, Responsabile relazioni esterne di Altroconsumo.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

CONSUMI

Quattro uova per chilo di semola è quanto prevede la norma di legge, ma 1 prodotto ne contiene meno e altre sono al minimo

GDO

La capacità di spesa delle famiglie italiane continua ad essere debole: sebbene il peggioramento costante registrato a partire dal 2021 sembri essersi fermato, nel...

SALUTE

Altroconsumo ha condotto un’indagine che ha coinvolto 20 marche di riso carnaroli, è emerso che la maggior parte dei campioni analizzati presenta un livello di cadmio che...

SOSTENIBILITÀ

Comincia a prendere forma il futuro di chi, al momento, non è ancora passato al mercato libero dell’energia elettrica. A partire dal prossimo luglio, infatti, il servizio...

GDO

Dal 1° ottobre al 31 dicembre 2023 è stata attiva l’iniziativa concordata tra governo, Grande distribuzione e produttori, nota come il trimestre anti-inflazione. L’obiettivo...

GDO

Fare la spesa al supermercato risulta sempre tra le voci che gravano maggiormente sul portafoglio degli italiani. È pertanto opportuno prestare attenzione tra gli...

-
Advertisement