Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

HORECA

Il cibo è la voce principale del budget della vacanza in Italia con oltre un terzo della spesa destinato alla tavola: valore di oltre 30 miliardi di euro

Il cibo è la voce principale del budget della vacanza in Italia con oltre un terzo della spesa destinato alla tavola per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per cibo di strada o souvenir enogastronomici in mercati, feste e sagre di Paese.

E’ quanto emerge dall’ analisi della Coldiretti, divulgata in occasione della Bit 2024, che sottolinea un impatto economico a tavola stimato in oltre 30 miliardi di euro nel 2023, divisi tra turisti italiani e stranieri.

La nostra battaglia per garantire dignità e giusto reddito agli agricoltori italiani è importante dunque – sottolinea la Coldiretti – anche per tutelare un settore come il turismo il cui successo è trainato dalla qualità dei prodotti che nascono nei campi e nelle stalle italiane, come dimostra la borsa internazionale del Turismo. L’Italia è infatti diventata leader mondiale del turismo enogastronomico potendo contare sull’agricoltura più green d’Europa con – evidenzia la Coldiretti – la leadership Ue nel biologico con 80mila operatori, il maggior numero di specialità Dop/Igp/Stg riconosciute (325), 526 vini Dop/Igp e 5547 prodotti alimentari tradizionali e con Campagna Amica la più ampia rete dei mercati di vendita diretta degli agricoltori.

Senza dimenticare l’agriturismo dove gli arrivi nelle 25849 strutture presenti sul territorio nazionale hanno superato i quattro milioni, registrando quindi un forte recupero rispetto al 2019 (+8,5%), l’anno pre-pandemia, secondo l’ultima indagine Istat. Toscana, Trentino Alto Adige, Lombardia, Veneto, Lazio e Umbria sono nell’ordine le regioni con maggiore presenza di strutture agrituristiche che complessivamente in Italia – continua Coldiretti – sono in grado di offrire oltre 297mila posti letto e quasi 536mila posti a sedere.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Una analisi che dimostra l’immenso valore storico e culturale del patrimonio enogastronomico nazionale che è diffuso su tutto il territorio e dalla cui valorizzazione – conclude la Coldiretti – dipendono molte delle opportunità di sviluppo economico ed occupazionale. Ma la tavola rappresenta anche una straordinaria leva di promozione del Made in Italy alimentare nel mondo dove nel 2023 raggiunge il valore record di 64 miliardi di euro, secondo le stime della Coldiretti.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

AGRICOLTURA

Gli agricoltori custodiscono il 55% del suolo nazionale, con una costante opera di manutenzione che assicura la produzione alimentare e la tutela dei cittadini...

TREND

Le famiglie hanno speso il 5,8% in più per mangiare il 3,9% in meno mentre gli agricoltori sono sottopagati per i prezzi che moltiplicano...

TREND

Sette italiani su dieci (70%) sono contrari alla messa in commercio del cibo artificiale prodotto in laboratorio, dalla carne di pollo fino a quella...

BIO

E’ record storico per l’export agroalimentare che per l’intero 2023 raggiunge il valore massimo di sempre a 64 miliardi, con una crescita del 6%...

SALUTE

Dalle mandorle al petto di pollo, dal provolone, dai legumi fino al tuorlo d’uovo, il Blue Monday si combatte a tavola con i cibi...

SALUTE

La Mediterranea vince la sfida mondiale delle diete per il 2024 e spinge la candidatura a patrimonio Unesco della cucina italiana che si basa...

-