Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

MERCATO & BUSINESS

Indagine anti-dumping cinese sui distillati europei. Federvini: i rischi per il settore derivanti dall’approccio di Pechino verso la Ue

 Il Ministero del Commercio della Repubblica Popolare cinese ha dato avvio ad un’indagine finalizzata a verificare la sussistenza di pratiche di dumping commerciale riguardo l’importazione di distillati di vino di origine comunitaria.

Tale misura è stata intrapresa alla luce di sollecitazioni giunte dalla China Liquor Industry, l’associazione nazionale che rappresenta i produttori di spiriti che lamenta un danno all’industria locale.

L’iniziativa desta preoccupazione tra i produttori nazionali, oltre che europei. A seconda dei suoi esiti, e delle decisioni che verranno prese dal Governo della Repubblica Popolare cinese, potrebbe infatti configurarsi, per il settore italiano della produzione e commercializzazione di acquaviti, in particolare il Brandy, una nuova limitazione al commercio internazionale nonché un probabile innalzamento dei dazi all’importazione, già a partire da due mesi dall’avvio dell’indagine, presentata il 5 gennaio 2024.

Commenta la Presidente di Federvini Micaela Pallini:” Ancora una volta ci troviamo di fronte ad una vera e propria ritorsione che rischia di colpire ingiustamente un settore estraneo ad una querelle di natura politica, supponiamo in parte legata all’indagine attivata dalla Ue sui veicoli elettrici cinesi”.

Non dimentichiamoci – aggiunge la Presidente Pallini – che il settore, in virtù della controversia Airbus-Boeing ha subìto dazi ad valorem pesantissimi negli Stati Uniti per circa due anni dal 2019 al 2021. In uno scenario internazionale così incerto e delicato, segnato da conflitti, non è auspicabile intraprendere nuove guerre commerciali. Tra l’altro non è la prima volta che la Cina colpisce duramente uno dei settori emblema del Made in Italy, circa 10 anni fa già il vino fu oggetto di un’indagine simile e grazie ad un intenso lavoro di diplomazia europea si riuscì a trovare una soluzione condivisa”.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Federvini, l’associazione confindustriale dei produttori di vini, spiriti e aceti, auspica che le istituzioni nazionali e comunitarie non facciano mancare il proprio supporto e che a livello diplomatico sia attivato un confronto costruttivo per scongiurare misure di ritorsione.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

COMUNICAZIONE

Dopo il lancio dello scorso anno, culminato con la campagna di comunicazione “Te la bevi? Non bertela troppo” realizzata grazie al supporto del Comune...

COMUNICAZIONE

Il 6 febbraio alle ore 10.30 presso il Centro Congressi La Sapienza, a Roma, avrà luogo la cerimonia di premiazione della seconda edizione del...

COMUNICAZIONE

“Il Governo intende continuare e rafforzare il dialogo con le imprese e le associazioni di categoria, alimentando un modello virtuoso di collaborazione a beneficio...

MERCATO & BUSINESS

Le dimensioni di impatto economico dei comparti Vini, Spiriti e Aceti rappresentati da Federvini, nello studio elaborato da Nomisma: oltre 2.300 imprese, 21,5 miliardi...

DIGITAL, E-COMMERCE, AI, NFT

È LinkedIn la piattaforma preferita dalle aziende vinicole italiane. Lo rivela la decima edizione della ricerca condotta da Omnicom PR Group Italia, e ripresa...

COMUNICAZIONE

La campagna promossa a livello internazionale dall’associazione WiM (Wine in Moderation) allo scopo di promuovere la cultura del bere responsabile e moderato è culminata...

-