Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

COMUNICAZIONE

Valtellina taste of emotion è official supporter dei Giochi di Milano-Cortina 2026. Varnier: il Distretto Agroalimentare valtellinese è luogo chiave dei prossimi Giochi Invernali

Siglato l’accordo tra il Comitato Organizzatore dei Giochi Olimpici e Paralimpici Invernali e il Distretto Agroalimentare di Qualità della Valtellina per rafforzare il legame tra Milano Cortina 2026 e le tradizioni dei territori che ospiteranno le prossime Olimpiadi e Paralimpiadi Invernali italiane.

La Fondazione Milano Cortina 2026 e Valtellina Taste of Emotion, il Distretto Agroalimentare di Qualità della Valtellina, hanno annunciato l’avvio di una collaborazione che esprime la condivisione di valori e di obiettivi in vista dei Giochi di Milano Cortina 2026.

L’accordo segna l’inizio di un viaggio emozionante che permetterà al territorio della Valtellina di condividere le proprie eccellenze con un pubblico internazionale, celebrando il connubio con l’evento sportivo più importante al mondo.

Le Olimpiadi e Paralimpiadi invernali di Milano Cortina 2026 si svolgeranno rispettivamente dal 6 al 22 febbraio 2026 e dal 6 al 15 marzo 2026 e coinvolgeranno i territori di Lombardia e Veneto e le Province autonome di Trento e Bolzano, coprendo un’area di oltre 22.000 km quadrati.

Con l’ingresso del marchio Valtellina in veste di Official Supporter nella squadra di Milano Cortina 2026, gli incantevoli territori, circondati dalle maestose Alpi Retiche e Orobie, rinomati per la loro bellezza paesaggistica, la naturale biodiversità e le tradizioni enogastronomiche, si preparano a diventare protagonisti su un palcoscenico mondiale.

Advertisement. Scroll to continue reading.

La partnership, che rafforza il legame tra la Valtellina e l’edizione dei Giochi più diffusi di sempre, offre un’occasione straordinaria per far conoscere e valorizzare l’agroalimentare valtellinese come la terra nel cuore delle Alpi che vanta prodotti unici per varietà e qualità.

Una cultura centenaria unita a una solida tradizione locale e a un territorio montano dedito all’agricoltura costituiscono le basi di una produzione genuina e autentica. Valtellina Taste of Emotion rappresenta 9 denominazioni Dop e Igp, per un valore di 300 milioni di euro (+3,63% sul 2022): parliamo della Bresaola della Valtellina IGP, dei prodotti DOP Bitto e Valtellina Casera, del Valtellina Superiore DOCG, dello Sforzato di Valtellina DOCG, del Rosso di Valtellina DOC e degli IGT Alpi Retiche, della Mela di Valtellina IGP e dei Pizzoccheri della Valtellina IGP. Importanti sono anche le ricadute in termini di indotto, con oltre 5200 occupati nei 9 comparti tradizionali.

“Con grande entusiasmo diamo il benvenuto a Valtellina Taste of Emotion – ha commentato l’Amministratore Delegato della Fondazione Milano Cortina 2026 Andrea Varnier – Il Distretto Agroalimentare valtellinese rappresenta la profonda tradizione di un luogo chiave dei prossimi Giochi Invernali, il cui ingresso conferma il solido rapporto che abbiamo con i territori che ospiteranno le discipline Olimpiche e Paralimpiche Invernali nel 2026”.

“Considerata la loro portata internazionale, le Olimpiadi e Paralimpiadi Invernali di Milano Cortina 2026 rappresentano un’opportunità unica di crescita e visibilità per la Valtellina” – ha dichiarato Claudio Palladi, Presidente del DAQ –Da parte nostra c’’è la volontà di cogliere questo riflettore acceso sul nostro territorio presentandoci in maniera integrata come sistema territoriale e sfruttando sinergicamente l’enogastronomia insieme agli altri elementi che rendono celebre questa zona, per valorizzare le nostre eccellenze attraverso un pacchetto unico che è proprio la Valtellina. L’obiettivo è costruire una rete tra gli attori del territorio nei prossimi due anni per offrire ai visitatori, anche internazionali, che seguiranno le Olimpiadi e Paralimpiadi Invernali del 2026, un’esperienza indimenticabile, in termini di ospitalità, attività e prodotti tipici di qualità, che coinvolga l’intera provincia”. 

Advertisement. Scroll to continue reading.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

-