Breaking
Mer. Lug 24th, 2024

E’ stato inaugurato ieri, a Milano, Merlata Bloom, nuovo centro commerciale che fa parte del più ampio progetto di trasformazione urbana in Italia, nel quadrante nord ovest del capoluogo lombardo.

Il ‘mall’ rappresenta un ulteriore tassello del futuro completamento di un nuovo distretto urbano sostenibile, che funge da ‘cerniera’ tra il quartiere residenziale UpTown di Cascina Merlata e il distretto dell’innovazione Mind, che mese dopo mese sta prendendo forma nelle aree che ospitarono l’Expo 2015.

Merlata Bloom Milano è pronto per offrire servizi e soluzioni di socialità ai primi residenti del nuovo distretto, circa 7.000 persone equivalenti a 2.500 famiglie, allo storico quartiere del Gallaratese-Rho, fino ad arrivare agli oltre 3.600.000 possibili clienti, in arrivo grazie alle 210 unità commerciali di cui 43 unità food & beverage avvolte da un ‘winter garden’ in legno e vetro con ampi affacci sul parco circostante e numerose prime aperture internazionali o di format inediti per il mercato italiano.

Sono state oltre 700 le maestranze impiegate nelle fasi di cantiere, e oltre 3.000 nelle fasi di allestimento. A pieno regime, Merlata Bloom Milano avrà un impatto economico positivo rilevante sulla comunità locale, a partire dalle previsioni di occupazione che, tra collaboratori diretti e indiretti, porterà a circa 2.000 nuovi posti di lavoro. Un’opportunità aperta anche alle categorie più fragili grazie all’accordo con il fondo ‘Diamo Lavoro’ di Fondazione Caritas Ambrosiana nella Diocesi di Milano, che offre formazione e accompagnamento al lavoro a persone disoccupate e in profonda difficoltà economica e l’hub Afolmet RedPoint realizzato da Afol Metropolitana con il supporto di Merlata Bloom Milano e la collaborazione di Nhood ed EuroMilano, promosso dal Comune di Milano e da Città metropolitana di Milano.

Gli accessi sono facilitati dal collegamento diretto alle principali arterie autostradali e alla rete ciclopedonale urbana, con un parcheggio biciclette dedicato. E in un prossimo futuro sarà direttamente collegato alla nuova stazione ferroviaria del passante Mind/Cascina Merlata.

Il progetto, realizzato a cura della società Merlata Mall, co-finanziato da Ceetrus, ImmobiliarEuropea e Sal Service, rappresenta un esempio unico a livello nazionale ed europeo nel panorama dei centri commerciali per il suo concentrato di soluzioni architettoniche iconiche e sostenibili, la tecnologia e l’innovazione: due in particolare gli elementi che contraddistinguono Merlata Bloom Milano: da un lato, la reattività climatica e l’uso di legno per compensare le emissioni; dall’altro le componenti a uso misto, strategicamente progettate per riunire la nuova comunità milanese in continua evoluzione.

L’analisi condotta da uno studio indipendente ha dimostrato che Merlata Bloom Milano è allineato ai principi definiti dalla tassonomia Europea del Dnsh (Do no significant harm, Non arrecare danno significativo all’ambiente), ad oggi il principale riferimento europeo che definisce in maniera completa e rigorosa principi da seguire per assicurare la sostenibilità degli investimenti. L’allineamento con questi principi dimostra che Merlata Bloom Milano, con mirate scelte progettuali, limita le proprie emissioni di Co2, massimizza la propria resilienza ai cambiamenti climatici, rispetta e salvaguarda le risorse idriche, implementa i principi dell’economia circolare e minimizza l’inquinamento dell’aria.

Related Post