Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

DIGITAL, E-COMMERCE, AI, NFT

La Coca-Cola del futuro? L’ha già creata l’intelligenza artificiale, si chiama Coca-Cola Y3000 e ha il sapore di…

Coca-Cola è la bevanda analcolica più amata in assoluto, e la sua modernità si aggiorna costantemente, e ora è arrivata anche all’intelligenza artificiale, che negli ultimi tempi sta toccando davvero ogni campo del nostro vivere.

Basti pensare – ricorda Adriatico24ore -che è di pochi giorni fa la notizia che un chatbot ha suggerito una diagnosi medica a una mamma che cercava una cura per il figlio da ben 3 anni! Ecco, oggi l’IA ha inventato un nuovo gusto per la Coca-Cola.

Il chatbot ha trasformato in algoritmo (grazie agli input dati dall’uomo, perchè va ricordato che l’intelligenza artificiale funziona bene solo se le vengono immessi i dati giusti) il modo in cui i consumatori vedono, o sperano di vedere, il futuro. Lo ha fatto “attraverso emozioni, aspirazioni, colori, sapori e altro ancora”, come evidenziato dalla Coca-Cola stessa.

Coca-Cola Y3000

Coca-Cola Y3000 Zero Sugar è il nome scelto per questa nuova Coca-Cola inventata da un chatbot, che la multinazionale di Atlanta ha annunciato tramite un fantasioso e particolare video sui social di qualche giorno fa.

Si tratta di un instant drink la cui immissione sul mercato è ancora da definire, ed è una vera e propria bevanda del futuro, riconoscibile già dal suo packaging. La lattina passa dal classico colore rosso ad un lilla metallizzato, e il font chiaro e lineare diventa pixellato. Anche il logo viene rivisitato, diventando elettrizzato, spingendo l’acceleratore verso il futuro già con il primo impatto visivo.

Ad aggiungere enfasi al tutto, le scritte sottostanti: “Zero calorie Cola” e “Futuristic flavour”. Ciliegina sulla torta, un QR code che promette l’accesso a contenuti futuristici e immaginifici entusiasmanti. L’unica cosa non propriamente definita però, è proprio il gusto.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Chi ha avuto il privilegio di assaggiare la nuova bevanda in anteprima ha dato feedback a dir poco contrastanti: chi dice che la nuova Coca-Cola abbia il gusto di banana, chi rimanda allo zenzero, chi ci ha sentito il sapore delle gomme da masticare. Quello che è certo, è che nessuno finora l’ha preferita alla versione originale.

La Coca-Cola Y3000 fa parte del progetto sviluppato dal marchio Coca-Cola tramite la piattaforma “Real Magic”, che aveva lo scopo di captare l’idea che i giovani hanno del futuro, ponendo la sfida di immaginare l’anno 3000, e di immaginare la Coca-Cola al suo interno.
(…)
La Coca-Cola del futuro verrà messa in commercio negli Stati Uniti, in Canada, in Cina, in Europa e in Africa in edizione limitata. Questo perchè la multinazionale ha deciso di non ripetere l’errore fatto nel 1985, quando la New Coke doveva sostituire la Coca-Cola originale. Se c’è una cosa che gli ultimi tempi ci hanno insegnato infatti, è che il futuro attira, ma il ritorno al passato è un’attrazione ancora più forte e le tradizioni non vanno mai abbandonate.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

EVENTI

Coca-Cola e I-Days Milano si preparano per un’altra estate ricca di emozioni e musica. Coca-Cola sarà infatti title sponsor dell’evento musicale per il secondo...

COMUNICAZIONE

Con una piccola cerimonia rivolta a dipendenti e autorità locali, Coca-Cola Italia ha inaugurato i propri uffici milanesi che si troveranno nella sede di...

NOVITÀ

Coca-Cola e Jack Daniel’s annunciano il lancio sul mercato italiano della versione “ready to drink” di Jack Daniel’s & Coca-Cola. Nata dal mix perfetto tra...

COMUNICAZIONE

Come anticipato da Food Affairs qualche giorno fa, “Recycle Me” è il nome della campagna pubblicitaria di Coca-Cola Company. Al centro dello spot: la sostenibilità...

PUBBLICITÀ

Coca-Cola lancia la nuova campagna “Recycle Me” con WPP Open X, guidata da Ogilvy New York con il supporto di Ogilvy PR, adotta un...

PARTNERSHIP

Coca-Cola affianca Special Olympics per i XXXV Giochi Nazionali Invernali in programma fino sabato 8 marzo 2024 in alcuni comuni della provincia di Torino...

-