Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

COMUNICAZIONE

Fenomeno shrinkflation. Carrefour Francia mette un bollino arancione ai prodotti più piccoli e più cari

“Questo prodotto ha visto il suo litraggio scendere e il prezzo praticato dal nostro fornitore salire”. L’etichetta con la quale Carrefour, all’interno dei suoi punti vendita in Francia, ha voluto accompagnare alcuni prodotti riassume perfettamente la nuova puntata dello scontro in atto tra grande distribuzione e industria, indotto dal nuovo mondo a elevato tasso di inflazione. In pratica, il colosso d’oltralpe ha voluto attirare l’attenzione dei clienti su come alcuni prodotti si siano incredibilmente rimpiccioliti a fronte di un prezzo invariato se non addirittura salito. E’ il fenomeno “shrinkflation” ovvero ridurre le dimensioni delle confezioni mantenendo il prezzo invariato.

Carrefour Francia per denunciare la sgrammatura dei prodotti a fronte di un aumento delle tariffe da parte di produttori ha adotatto una specifica etichetta color arancione.

La misura – come riporta la testata Le Figaro ripreso da Italfruit.it – è stata presa in autonomia dall’insegna nonostante il Governo avesse promesso di affrontare il fenomeno direttamente con il ministro dell’economia Bruno Le Marie.

Ospite nei giorni scorsi della trasmissione “C dans l’air” su France 5, il direttore generale della marca Carrefour, Alexandre Bompard aveva annunciato che da questa settimana in tutti i negozi del retailer, ci sarebbe stata “un’etichetta sui prodotti su cui si è verificata la sgrammatura riportante la seguente dicitura: questo prodotto ha visto diminuire la sua quantità e aumentare il suo prezzo. In questo modo avremo le informazioni più affidabili possibili per i consumatori, perché è inaccettabile questo comportamento da parte dei produttori”.

Come prevedibile, il mondo dell’industria non l’ha presa bene e il capo dell’associazione nazionale delle industrie alimentari (Ania), Jean-Philippe Andrè è intervenuto con una risposta piccata: “Su questi prodotti non esiste alcuna truffa. Dire che c’è una truffa è un’ipocrisia. I distributori hanno accettato questi prodotti come tali”.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Sarebbero 122 i prodotti di marchi noti interessati nella misura, secondo quanto riportato dal canale di notizie BFMTV.

E mentre il confronto tra industria e distributori diventa sempre più aspro, si attendono le misure del governo francese: è atteso per inizio ottobre un progetto di legge che obbliga le industrie a far figurare la sgrammatura nel caso in cui la confezione rimasse la stessa”.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

GDO

Fare la spesa al supermercato risulta sempre tra le voci che gravano maggiormente sul portafoglio degli italiani. È pertanto opportuno prestare attenzione tra gli...

COMUNICAZIONE

In Francia si sperimenta una nuova formula che abbina gli acquisti tramite e-commerce all’intrattenimento in streaming. Se la partnership darà i risultati sperati, il...

GDO

Carrefour toglie i prodotti PepsiCo dai suoi scaffali. La grande catena francese – scrive QN – ha sospeso le vendite di tutti i prodotti...

GDO

La “shrinkflation“ è un’operazione di marketing che prevede la riduzione delle dimensioni delle confezioni e del peso del contenuto mantenendo i prezzi sostanzialmente invariati...

SOSTENIBILITÀ

Lotta agli sprechi e alla povertà alimentare, riduzione delle proprie emissioni, degli impatti energetici e degli imballaggi, promozione della biodiversità in tutta la filiera,...

SOSTENIBILITÀ

A distanza di pochi mesi dall’annuncio della conversione a Società Benefit, Carrefour Italia presenta il Bilancio di Sostenibilità per l’anno 2022, che certifica gli sforzi messi...

-
Advertisement