Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

COMUNICAZIONE

Nasce l’archivio Riccardo Ricci Curbastro, progetto di digitalizzazione e catalogazione del Museo Agricolo e del Vino

Investiti più di 40mila euro per creare un centro studi digitale a uso di ricercatori e studenti

“Da oggi, dopo un’intensa attività di ricerca, acquisizione, riscoperta e catalogazione di oggetti e documenti di famiglia, datati dal 1600 in avanti e legati alla vita nel mondo agricolo di quei tempi a cavallo tra Franciacorta e Romagna, terra dalla quale la nostra storia è partita, è disponibile un vasto e prezioso archivio digitale aperto a studiosi, ricercatori e studenti. Su questo progetto abbiamo investito oltre 40 mila euro, a testimonianza della volontà di salvaguardare e valorizzare il nostro patrimonio storico e culturale, dando luce ad un passato significativo, fonte di ispirazione per le sfide presenti e future. Parte di questo passato meritava il palcoscenico di una mostra.

È nata così “Piccole storie di comunità”: 50 scatti del bisnonno Raffaele Ricci Curbastro che ritraggono volti, momenti di vita, angoli di Romagna che mi hanno subito affascinato e che urgeva riportare ‘in vita’ per salvarli dall’usura del tempo prima che fosse troppo tardi”.

Con queste parole Riccardo Ricci Curbastro, titolare dell’Azienda Agricola Ricci Curbastro di Capriolo (BS), nel cuore della Franciacorta, presenta l’ambizioso progetto di digitalizzazione e catalogazione dell’archivio e della biblioteca del Museo Agricolo e del Vino, insieme alla mostra fotografica “Piccole storie di comunità. Memoria, identità e lavoro nelle fotografie riscoperte di Raffaele Ricci Curbastro”, evento inserito nel palinsesto di Bergamo Brescia Capitale Italiana della Cultura 2023.

“Del bisnonno Avv. Raffaele Ricci Curbastro – racconta Riccardo Ricci Curbastro – conoscevo le abilità imprenditoriali, non il lato artistico. Grazie ai suoi scatti invece, oggi abbiamo testimonianze autentiche della vita in famiglia, di quella dei mezzadri e della comunità di San Lorenzo di Lugo (Ravenna), tra il 1890 ed il 1915. Scatti che bloccano il tempo e danno forma agli episodi tramandati a voce, come la pesca delle carpe nella marcita, il mercato del bestiame o la Cavalleria schierata a difesa dei mezzadri intenti a mietere il grano. Una lunga schiera di volti contadini che, nella loro naturalezza davanti all’obiettivo della macchina fotografica, sembrano mostrare una confidenza con il “padrone”, oggi diremmo il datore di lavoro, che ho sempre conosciuto in casa ma che non potevo immaginare avesse radici così profonde e lontane”.

“Raffaele Ricci Curbastro – commenta Alessandra Micheletto, Storica dell’Arte e curatrice della fototeca della Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano che ha curato la mostra – utilizzò il medium fotografico principalmente per immortalare l’umanità che lo circondava, con uno sguardo autentico, intimo e attento. Fu un uomo di elevato ingegno, con un’estesa cultura e un senso estetico raffinato. Se la fotografia può essere considerata il primo veicolo della memoria famigliare e sociale dell’epoca moderna, possiamo individuare in Raffaele Ricci Curbastro una personalità che ha saputo coglierne appieno il senso e le potenzialità. Dalle sue fotografie emerge preponderante il desiderio di tramandare valori sociali e culturali, nonché il rapporto e la riconoscenza eterna per la sua terra e per le persone che la abitavano”.

Advertisement. Scroll to continue reading.

La mostra resterà aperta per un mese ad ingresso libero nello spazio dell’ex granaio adiacente al Museo Agricolo e del Vino nella sede dell’azienda agricola di Ricci Curbastro a Capriolo. Sul Museo, che dal 2021 fa parte dell’Associazione Museimpresa, è attivo un progetto di integrazione e miglioramento dell’esposizione esistente con la sistemazione, la digitalizzazione e la catalogazione dell’Archivio Ricci Curbastro, che contiene migliaia di documenti a partire dal 1600 e lastre e fotografie a partire dal 1880. Questi materiali inediti e preziosi hanno trovato espressione in un sito dedicato https://museo.riccicurbastro.it/ che rappresenta un vero e proprio “centro studi e ricerche” in Franciacorta.

Il lavoro di digitalizzazione è stato affidato alla Heritage, una PMI che opera nel campo della progettazione, produzione, sviluppo e comunicazione di contenuti culturali attraverso soluzioni digitali innovative. “Ogni azienda – commenta Elisabetta Bruno, Founder & CEO di Heritage – ha una storia da raccontare, ma in alcuni casi la storia è particolarmente lunga, ricca e significativa: è il caso dell’Azienda Agricola Ricci Curbastro. Il nostro lavoro è stato quello di creare un archivio, una biblioteca e un museo digitale, che per loro natura devono fornire dati tecnici, contenuti standardizzati, gerarchie di informazioni differenziate per ogni ambito. Al tempo stesso abbiamo rappresentato il patrimonio e la storia dell’Azienda in una modalità narrativa e accattivante”.

Nel sito dedicato, con specifici tools digitali, vengono narrate storie, episodi, genealogie e highlights, sempre relazionati con le schede tecniche, scientifiche, le fotografie e le immagini del patrimonio. Ad oggi il sistema ospita già quasi 1000 schede tra documenti d’archivio, oggetti museali e volumi, 4 tools narrativi digitali e una “vite genealogica” che parte dal 1380 e arriva al XX secolo.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

CONSUMI

“Il Belgio oggi sembra proporre etichette analoghe a quelle irlandesi per le bevande alcoliche e noi abbiamo formalizzato la nostra contestazione rispetto a una...

MERCATO & BUSINESS

Nella classifica delle principali cantine italiane per fatturato sono presenti ben 40 cooperative (su un totale di 117), che fatturano 3,7 miliardi di euro,...

MERCATO & BUSINESS

Un sentiero stretto, dal quale uscire in fretta. È quello che sta attraversando il comparto vitivinicolo italiano, chiamato a confrontarsi con diversi fattori di...

AGRICOLTURA

I punti chiave dello studio PwC sull’impatto economico-sociale del settore vitivinicolo nell’UE: L’Unione Europea si conferma leader mondiale nel mercato del vino con oltre...

NOTIZIE

Il formaggio Asiago e la sua grande ecletticità, fatta di un’ampia gamma di stagionature, nicchie emergenti e lunghe maturazioni, rafforza la collaborazione col mondo...

MONDO

Gli Americani amano l’Italia. Dopo il crollo legato al COVID-19, si è assistito ad una crescita impetuosa negli arrivi, che nell’ultimo biennio (2022-2023) sono...

-
Advertisement