Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

COMUNICAZIONE

Burger King nei guai. Parte la class action: Whopper nelle foto grandi il doppio rispetto alla realtà

Uno li vede in foto enormi e gli viene l’acquolina, poi li ordina e si vede arrivare un hamburger molto più piccolo e non corrispondente a quella foto invitante. E perciò è partita una class action contro Burger King. Un giudice in Florida, negli Stati Uniti, ha stabilito che la catena di fast food dovrà affrontare una class action con l’accusa di pubblicità ingannevole. Era già successo a McDonald’s e a Taco Bell (gli avvocati dei consumatori sono gli stessi che sostengono la class action di Burger King).

La causa – riporta il Messaggero – è stata intentata nel marzo 2020 e ora un giudice federale che sì, si può portare avanti l’accusa.

Immagine: https://m.independent.ie/

Nel mirino ci sono famosi Whopper. Cosa si contesta? Che nelle foto sono grandi il doppio rispetto alla realtà.


La catena, si legge nell denuncia, «si vanta di offrire panini più sostanziosi della concorrenza» ma «le dimensioni dell’hamburger sono state aumentate solo nella pubblicità». La class action è stata presentata da clienti “delusi” in ben 12 stati americani: Florida, New York, Illinois, Massachusetts, Michigan, California, Connecticut, Ohio, Kentucky, Mississippi, Pennsylvania e Arizona.

Ora Roy Altman, giudice federale di Miami, ha dichiarato che alcune parti dell’azione collettiva proposta contro l’azienda possono essere portate avanti. Le dimensioni del panino sarebbero gonfiate del 35%. La causa sostiene inoltre che, in realtà, i Whopper contengono meno della metà della carne pubblicizzata.
Altman ha anche stabilito che i clienti potranno citare in giudizio l’azienda per arricchimento senza causa, ovvero quando un’azienda priva illegalmente i consumatori del loro tempo e del loro denaro, oltre che per la violazione delle leggi sulla tutela dei consumatori.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Burger King non ha commentato subito la decisione del giudice. «Il cibo nelle pubblicità è, ed è sempre stato, modellato in modo da apparire il più appetitoso possibile», avevano scritto tempo fa. «Questo non è certo una novità; i consumatori ragionevoli che guardano la pubblicità del cibo lo sanno da sempre. Questa causa pretende irragionevolmente il contrario», aggiunsero.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

COMUNICAZIONE

Apulia Distribuzione, leader nel settore della Distribuzione Moderna nel Sud Italia, lancia una campagna radio e tv per far conoscere la sua nuova insegna dei supermercati Rossotono,...

COMUNICAZIONE

È ancora l’amore “l’ingrediente” centrale della nuova campagna nazionale di affissioni di Fabbri 1905, dedicata a uno dei prodotti più sfiziosi del dolce, il...

COMUNICAZIONE

Bake Italy, il marchio di RE PIETRO che realizza presse per gallette e snackdi cereali, presenta la nuova campagna stampa 2024. Una campagna chesi...

COMUNICAZIONE

Sei amici, un loft, solo storie sincere. È così che Birra Moretti decide di rilanciare “Così come siamo”, la web series che, attraverso i racconti inediti delle vite di...

COMUNICAZIONE

Esiste una dimensione più antica del cucinare sul fuoco o del correre dietro ad una forma rotonda per divertimento? Sarà per questo che ancora...

COMUNICAZIONE

Everli, principale operatore italiano per la spesa a casa con un fatturato di oltre 100 milioni di euro e recentemente acquisito da Palella Holdings,...

-