Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

INFLUENCER

L’Influencer marketing in Italia vale oltre 300 milioni di euro, ma solo il 30% delle imprese ha persone dedicate alla gestione di queste attività

Nuovo white paper di FLU (realtà specializzata nel mondo dell’Influence Marketing e della Creator Economy), realizzato con il contributo di IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) e dello studio legale DGRS

Entro il 2025 i brand spenderanno circa 22 miliardi di dollari in Influencer Marketing a livello mondiale (fonte: https://collabstr.com/2023-influencer-marketing-report ).

Sempre più aziende oggi inseriscono questa leva all’interno del proprio marketing mix, in sinergia con altri touchpoint. L’Influence Marketing appare dunque come un settore multi sfaccettato, che non può più essere affrontato con superficialità, sia per la rilevanza a livello di investimenti, sia per tutte le implicazioni che porta con sé.

Il maggiore spazio che trova all’interno dei piani di comunicazione ha trasformato, inoltre, le dinamiche del settore, creando la necessità di lavorare con metriche più puntuali e di avere una regolamentazione aggiornata.

Stando alle stime di UPA in Italia questo settore vale oltre 300 milioni, ma in controtendenza a una crescita costante solo metà delle aziende italiane utilizza tool per monitorare e garantire la brand safety e solo il 30% ha una figura o un team dedicato alla gestione delle attività di influence marketing.

I dati, da un certo punto di vista sorprendenti, emergono da una nuova ricerca condotta da FLU, realtà specializzata in influence marketing parte di Uniting Group, che ha da poco pubblicato “BRAND SAFETY e Influence Marketing: strumenti legali e guideline per tutelare la tua campagna”, white paper realizzato con il contributo di IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) e dello studio legale DGRS.

Advertisement. Scroll to continue reading.

“BRAND SAFETY e Influence Marketing: strumenti legali e guideline per tutelare la tua campagna” (PDF)

White-Paper-FLU-IAP-DGRS-2_compressed-1

Uno strumento che mira a rispondere ad alcune delle domande più comuni da parte di aziende e attori del settore sul rapporto tra Influencer e sicurezza del brand, ma anche sulla tutela degli stessi creator e dei loro intermediari.

Tra le principali evidenze che emergono dalla ricerca non sorprende invece che per l’80% dei marketer l’elemento più importante quando si parla di brand safety è la credibilità, mentre 7 marketer su 10 sono preoccupati per l’accostamento con influencer e talent che spesso prendono posizione su tematiche eticamente controverse.

La ricerca, grazie al coinvolgimento di un campione selezionato di importanti aziende italiane e multinazionali operanti in Italia, mira ad esaminare i principali rischi, gli strumenti legali e linee guida da seguire quando si affronta una campagna di influence marketing per poter garantire la brand safety.

Il white paper dedica poi un approfondimento alla Digital Chart (il testo normativo di riferimento per le campagne di influence marketing creato e recentemente aggiornato da IAP. Qui il Regolamento aggiornato), strumento particolarmente importante dato che, come emerge dal white paper, solo 1 brand su 2 utilizza clausole di esclusività nei contratti di influence marketing e solo il 40% inserisce eventuali penali.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Oltre cinque anni di esperienza nel settore, ci hanno permesso non solo di monitorare l’evoluzione dell’Influence Marketing e dell’utilizzo di questo asset all’interno del marketing mix, ma anche di constatare come, ancora oggi, le aziende si approccino in maniera molto differente. La tipologia di interlocutori con cui dialoghiamo è molto ampia e questo è un indicatore piuttosto eloquente del fatto che a questa tipologia di attivazioni siano attribuiti differenti obiettivi – afferma Rosario Magro, Co-Founder e Chief Operating Officer di FLUEsistono, ovviamente, casi specifici e tantissime eccezioni, ma è interessante creare correlazioni ricorrenti per capire la percezione dell’Influence Marketing da parte delle aziende e studiare progetti il più possibile su misura rispetto alle loro esigenze”

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

INFLUENCER

Quarta Edizione di dati dell'Osservatorio InSIdE: Emerge un primo grande cambiamento, che si è andato articolando man mano nel tempo ma che segna uno...

INFLUENCER

C’erano una volta i profili instagram da milioni di follower: ci sono ancora, ma l’ultima novità dal fronte dell’influencer marketing procede in direzione opposta...

INFLUENCER

Il 97% degli influencer attivi in Europa pubblica contenuti commerciali, ma solo uno su cinque indica sistematicamente che il loro contenuto è pubblicitario.E’ quanto...

INFLUENCER

Il mondo dell’Influencer Marketing si sta evolvendo e con esso deve si evolve l’approccio di comunicazione dei brand. Christoph Kastenholz, Co-Founder & CEO di...

INFLUENCER

"Il nuovo regolamento sugli influencer non è una conseguenza del caso Balocco ma di un lavoro partito molto prima"

INFLUENCER

Quasi il 90% degli utenti si fida degli influencer che segue e oltre 2 su 3 acquistano un prodotto che hanno visto sponsorizzato sui...

-