Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

COMUNICAZIONE

Il Consorzio Parmigiano Reggiano “sta guardando al futuro lavorando con un piano articolato di investimenti in comunicazione”

Nicola Bertinelli
Nicola Bertinelli

L’Assemblea Generale dei Consorziati del Parmigiano Reggiano, tenutasi oggi, mercoledì 24 maggio, presso l’Auditorium Carlo Gabbi di Crédit Agricole Green Life a Parma, ha approvato a larga maggioranza (91,5% dei consensi) il bilancio consuntivo 2022, che si è chiuso con dati record per quanto riguarda vendite e prezzi. Il giro d’affari al consumo ha infatti toccato il massimo storico di 2,9 miliardi di euro contro i 2,7 miliardi del 2021 (+6,9%); al massimo anche il valore generato alla produzione con 1,8 miliardi di euro contro gli 1,71 miliardi del 2021.

L’Assemblea, aperta dai saluti di Roberto Ghisellini, condirettore generale di Crédit Agricole Italia, è stata l’occasione per fare il punto sulle azioni di comunicazione di sviluppo di mercato. A fronte di uno scenario macroeconomico influenzato dalla pandemia e dalle incognite legate alle incertezze causate dal conflitto in Ucraina, quali il caro energia, l’incremento del costo delle materie prime e un’inflazione crescente che ha ridotto il potere d’acquisto delle famiglie, la sfida principale del 2023 per il Consorzio è rappresentata dalla commercializzazione del picco di produzione più alto nella storia della Dop, quello del 2021.

I primi quattro mesi del 2023 sullo stesso periodo del 2022 hanno registrato un aumento del +2% in volumi, di cui +4,1% in Italia. In lieve calo l’export, che segna un -2% (media tra il +3,8% dei paesi UE e il -8,5% dei paesi extra UE): una flessione che riflette un temporaneo rallentamento nei flussi di esportazione, in particolare verso gli USA, ma con buone prospettive di recupero nella seconda metà dell’anno. Dal 2020 il Consorzio sta lavorando a un piano articolato di investimenti in comunicazione e sviluppo domanda sia in Italia, sia soprattutto sui mercati esteri al fine di assicurare condizioni di equilibrio tra domanda ed offerta in un biennio in cui vengono immesse sul mercato le quantità di prodotto frutto della rilevante crescita produttiva del 2020 e 2021.

È in questo quadro che, di fronte ai confortanti segnali legati all’attuazione delle azioni di sviluppo commerciale 2023, è stata messa a punto una proposta per intervenire con il ritiro di 30.000 forme, in modo da riassorbire l’accumulo “congiunturale” di Parmigiano Reggiano a stagionatura elevata registrato in questo momento di mercato, anche dal confronto con gli operatori. Tale accumulo, seppur di modesta entità, rischia di compromettere le condizioni di equilibrio di mercato fino alla fine dell’anno in corso, quando si dovrebbero toccare con mano i riflessi del calo produttivo iniziato nei mesi estivi del 2023 e attualmente ancora in atto.

«Il 2023 è un anno di grandi sfide per il Parmigiano Reggiano», ha affermato Nicola Bertinelli, presidente del Consorzio. «L’Assembleaha approvato a larga maggioranza il bilancio consuntivo 2022, che si è chiuso con dati record per quanto riguarda vendite e prezzi, con un giro d’affari al consumo che ha toccato il massimo storico di 2,9 miliardi di euro contro i 2,7 miliardi del 2021 (+6,9%), e il valore generato alla produzione che è passato a 1,8 miliardi di euro contro gli 1,71 miliardi del 2021. Il Consorzio sta già guardando al futuro, lavorando con gli operatori e le catene distributive per utilizzare le risorse 2023 ancora disponibili per sostenere i consumi nel corso di un anno in cui viene commercializzato il picco di produzione del 2021, il più alto nella storia della Dop, con un piano articolato di investimenti in comunicazione e sviluppo domanda sia in Italia, sia soprattutto sui mercati esteri, ed evitare così la svalorizzazione del prodotto. Il Consorzio dev’essere al fianco di tutta la filiera per realizzare un grande progetto chiamato Parmigiano Reggiano: questa incertezza economica va governata insieme, senza farsi prendere dall’emotività, passando dalla logica del singolo caseificio a quella del “noi” del Consorzio, per creare nuovi sbocchi di mercato e garantire il futuro della Dop».

Advertisement. Scroll to continue reading.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

COMUNICAZIONE

Le barrette Kellogg’s Special K presentano l’iniziativa “It’s Snack Time”, che farà vivere agli amanti dell’esercizio fisico un’esperienza esclusiva che combina benessere e gusto. Per l’occasione, il brand presenta...

COMUNICAZIONE

Pedon, azienda leader delle soluzioni di prodotto a base di legumi e cereali, rinnova la partnership con RadioDeejay e, come lo scorso anno, sarà tra i...

COMUNICAZIONE

Apulia Distribuzione, leader nel settore della Distribuzione Moderna nel Sud Italia, lancia una campagna radio e tv per far conoscere la sua nuova insegna dei supermercati Rossotono,...

COMUNICAZIONE

È ancora l’amore “l’ingrediente” centrale della nuova campagna nazionale di affissioni di Fabbri 1905, dedicata a uno dei prodotti più sfiziosi del dolce, il...

COMUNICAZIONE

Bake Italy, il marchio di RE PIETRO che realizza presse per gallette e snackdi cereali, presenta la nuova campagna stampa 2024. Una campagna chesi...

COMUNICAZIONE

Sei amici, un loft, solo storie sincere. È così che Birra Moretti decide di rilanciare “Così come siamo”, la web series che, attraverso i racconti inediti delle vite di...

-