Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Foodaffairs

TREND

Tè caldo o freddo? Nero o verde? Fa dimagrire? Svelate le preferenze degli italiani e i falsi miti sulla bevanda più bevuta al mondo

Everli svela le preferenze degli italiani sul tè, la bevanda più bevuta al mondo:

·         Lombardia e Veneto amano il tradizionale tè in bustina, mentre in Piemonte e Friuli-Venezia Giulia si apprezza di più quello freddo in bottiglia;

·        Gli infusi preferiti? Per gli italiani non ci sono dubbi: il tè nero è la varietà più acquistata in formato bustina;

·         Non solo limone o pesca, nella sfida per il tè freddo in bottiglia prediletto entra un nuovo concorrente: il tè verde.

Advertisement. Scroll to continue reading.

 Esistono ben 1.500 tipologie differenti di tè e, secondo la FAO, ogni anno ne vengono bevuti circa 300 miliardi di litri, rendendo questa bevanda la più consumata al mondo dopo l’acqua. Ma quali sono le preferenze degli italiani in fatto di tè? Lo preferiscono caldo o freddo, nero o verde? Le risposte arrivano da Everli – il marketplace della spesa online – che ha analizzato gli ordini effettuati sul sito e via app nel corso del 2022, riscontrando interessanti curiosità sui gusti degli utenti del Bel Paese. Inoltre, per esplorare le proprietà nutrizionali del tè e sfatare qualche falso mito sul suo consumo, Everli ha coinvolto la Dottoressa Francesca Maria Laguzzi, nutrizionista di MioDottore.

Regione che vai, tè che trovi: la mappa delle preferenze dello Stivale di questa beveanda

In base ai dati di Everli, sembra che in alcune aree italiane si apprezzi particolarmente una fumante tazza di tè caldo mentre in altre si preferisca un più rinfrescante e pratico bicchiere di tè freddo già pronto. Nello specifico, in Lombardia e in Veneto si opta per il “fai-da-te” e si acquista maggiormente il tè in formato bustina: entrambe le regioni annoverano infatti due province nella top 10 di quelle con la spesa maggiore per questa categoria di prodotto, rispettivamente Milano (2° posto) e Varese (10°), Padova (4°) e Verona (7°). Al contrario, il tè in bottiglia è maggiormente consumato in Piemonte e Friuli-Venezia Giulia: la classifica delle 10 località che più hanno speso per questa bevanda già pronta vede infatti una predominanza di province piemontesi e friulane, ossia Torino (2°) e Vercelli (7°), Trieste (3°) e Gorizia (9°). Ex aequo in Emilia-Romagna, regione con due province presenti in entrambe le graduatorie. Eppure, se Bologna sembra apprezzare entrambi i formati – tanto da posizionarsi al 6° posto della classifica delle province con la spesa maggiore in tè in bustine e in 4° posizione per quello in bottiglia – Forlì-Cesena si schiera dalla parte dell’infuso tradizionale, mentre a Rimini si beve maggiormente la versione fredda e già pronta.

La top 10 delle province italiane in cui si si pende di più per l’acquisto di tè in bustina
1.Roma (Lazio)6.Bologna (Emilia-Romagna)
2.Milano (Lombardia)7.Verona (Veneto)
3.Torino (Piemonte)8.Genova (Liguria)
4.Padova (Veneto)9.Forlì-Cesena (Emilia-Romagna)
5.Trieste (Friuli-Venezia Giulia)10.Varese (Lombardia)
La top 10 delle province italiane in cui si spende di più per l’acquisto di tè in bottiglia
1.Milano (Lombardia)6.Pesaro e Urbino (Marche)
2.Torino (Piemonte)7.Vercelli (Piemonte)
3.Trieste (Friuli-Venezia Giulia)8.Genova (Liguria)
4.Bologna (Emilia-Romagna)9.Gorizia (Friuli-Venezia Giulia)
5.Bolzano (Trentino-Alto Adige)10.Rimini (Emilia-Romagna)

Tè nero, l’infuso dal gusto “British” più acquistato nel Bel Paese

Gli italiani che preferiscono il tè in bustina sembrano tutti concordi sulla tipologia preferita: il tè nero. Infatti, se si guarda alle 10 province che secondo Everli hanno speso di più per questo formato, tutte nel 2022 hanno acquistato prevalentemente tè dal colore scuro e dal gusto forte e deciso. Entrando maggiormente nel dettaglio, nelle province lombarde, emiliane e romagnole sembra esserci una predilezione particolare per i sapori speziati e fruttati propri della miscela di tè nero di Ceylon e di Assam, mentre in Veneto si beve maggiormente il tè nero aromatizzato al limone (il più acquistato dai veronesi) o al bergamotto (il preferito a Treviso). Al secondo posto nel cuore – e nelle tazze – del Bel Paese c’è il tè verde, che con il suo sapore agrumato si è fatto spazio nei carrelli della spesa online, soprattutto a Milano, Trieste e Genova. Infine, c’è chi non vuole rinunciare a una tazza di tè ma neanche eccedere con la caffeina, per questo la terza tipologia di tè più acquistato su Everli è quello deteinato, comprato in particolar modo a Roma, Milano e Bologna.

Tè in bottiglia? Non solo limone o pesca, si fa spazio anche il tè verde

Nella sempre viva “lotta” tra chi preferisce il tè freddo al limone e chi quello alla pesca, sembra non ci siano dubbi: è il tè in bottiglia al limone a vincere. Infatti, nella top 10 delle province che spendono maggiormente per l’acquisto di tè imbottigliato secondo Everli, sono sei le città a scegliere la versione al limone, mentre solo milanesi e bolzanini rientrano tra i sostenitori del tè freddo alla pesca. In questa speciale sfida tra tè in bottiglia, però, compare anche un rivale inaspettato: il tè verde, in cima alla lista della spesa a Bologna e a Pesaro-Urbino.

Tra benefici e falsi miti di questa bevenda: tutta la verità sul tè

Come spiega la nutrizionista di MioDottore, la Dottoressa Francesca Maria Laguzzi, il tè gode di sostanze estremamente positive per l’essere umano, come polifenoli, in particolare catechine e flavonoli, che “hanno la capacità di alterare la patogenesi di alcune malattie grazie alle loro proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, antiproliferative, antibatteriche e antivirali. Nello specifico, “il consumo di tè è associato a una riduzione delle patologie cardiovascolari, alla modulazione della glicemia, alla promozione della digestione, a un effetto tonico e alla protezione da patologie neurodegenerative”, commenta l’esperta. 

Forse è proprio perché si tratta di una bevanda con molti benefici per l’organismo e consumata fin dall’antichità che, negli anni, attorno al tè si sono creati alcuni falsi miti.

Advertisement. Scroll to continue reading.

La nutrizionista di MioDottore fa luce su 5 credenze ricorrenti:

  1. Il tè non fa dimagrire ma, poiché più salutare di altre bibite zuccherate o gassate, è possibile annoverarlo tra le bevande “dietetiche”, sempre che non venga arricchito con zucchero, miele o sciroppi.
  2. Bere tè con il limone non ne potenzia gli effetti positivi, può però essere un buon espediente per stimolare la funzionalità epatica, soprattutto se consumato appena alzati prima della colazione.
  3. Il tè deteinato non è sempre la scelta più salutare, perché potrebbe essere prodotto tramite l’utilizzo di solventi non propriamente salutari.
  4. Il tè verde non è per tutti, anzi può interferire con il metabolismo di determinati farmaci, poiché le catechine in esso presenti inibiscono degli enzimi, come il CY3A4.
  5. Il tè non è dannoso per la salute epatica, o meglio, le normali quantità di assunzione non ne compromettono la funzionalità, ma è bene non esagerare: la presenza di tannini può interferire con la corretta assunzione del ferro, soprattutto se lasciato a lungo in infusione.
-
-

Articoli correlati

COMUNICAZIONE

PMI innovativa attiva nel settore del packaging con un’ampia gamma di macchine e soluzioni tecnologiche per il confezionamento di prodotti alimentari, cosmetici e medicali, comunica di...

COMUNICAZIONE

Da venerdì 26 maggio all’8 ottobre 2023 Palazzo Bonaparte, sito in Piazza Venezia a Roma, ospiterà la prima esposizione italiana consacrata alle sculture iperrealiste...

GDO

Le nuove abitudini del Bel Paese al supermercato: meno acquisti superflui (42%), più prodotti in offerta (33%) e programmi fedeltà per ottenere sconti speciali...

COMUNICAZIONE

In occasione della stagione dei gelati 2023, Froneri – la seconda più grande azienda di gelati confezionati al mondo, la prima nella produzione di private label – presenta le sue novità...

TREND

Beverfood.com ha analizzato il fenomeno con riferimento specifico alle bevande analcoliche dolci. Le bibite e i succhi si differenziano sostanzialmente dall’acqua (dissetante di base)...

PLANT BASED FOOD

I plant-based sono ormai entrati nel cuore degli italiani, soprattutto dei più giovani, che li scelgono perché “amici dell’ambiente”. Secondo una survey AstraRicerche per...

-