In uno scenario globale di grande criticità, Rizzoli Emanuelli, la più antica azienda di conserve ittiche italiane, non si è mai fermata. Come le altre realtà della filiera agroalimentare ha continuato a operare per garantire la fornitura delle sue specialità ittiche ai consumatori.

L’azienda di Parma ha prontamente attivato tutte le misure di tutela dal Coronavirus e i protocolli anti-contagio, come la distanza degli operatori in linea produttiva, la turnazione e la distribuzione di disinfettante, mascherine e guanti, per continuare la produzione in totale sicurezza. Parallelamente, l’azienda ha avviato la modalità smart working.

Oltre all’attivazione di una copertura assicurativa e sanitaria integrativa in caso di contagio da Coronavirus, per coloro che stanno continuando a lavorare in azienda è stato istituito uno speciale premio di produzione che ammonta al 25% della retribuzione ordinaria. Infine, per sostenere le lavoratrici presenti in azienda con figli minori di 12 anni, Rizzoli ha deciso di erogare un premio extra di 400 euro.

“In questo periodo di estrema criticità, la salute e il benessere dei nostri dipendenti rappresentano per noi una priorità assoluta. Voglio ringraziarli per il grande supporto che ci stanno garantendo, continuando a lavorare tra numerosissime difficoltà. Apprezzo l’attività straordinaria che stanno svolgendo, rispondendo con proattività a questa situazione emergenziale che coinvolge tutto il Paese. Infine, vorrei esprimere la vicinanza di Rizzoli a tutti i medici, infermieri e operatori sanitari che stanno lavorando senza sosta per cercare di bloccare i contagi”, ha commentato Massimo Rizzoli, Amministratore Delegato di Rizzoli Emanuelli.