Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Foodaffairs: news su food, comunicazione, adv, mktg, sostenibilità

Food Affairs

Successo per la seconda edizione di ‘Molini a porte aperte’. Migliaia i visitatori che hanno affollato i 25 Molini aderenti

Strepitoso successo per la manifestazione “Molini a porte aperte” svoltasi lo scorso 11 maggio su iniziativa di Italmopa – Associazione Industriali Mugnai d’Italia (Federalimentare-Confindustria).
Sono stati, infatti, diverse migliaia i visitatori che hanno affollato i 25 Molini aderenti all’iniziativa, di natura non commerciale, facendo registrare il tutto esaurito.

“L’entusiasmo dimostrato nei riguardi dell’evento, che ha assunto la forma di una vera festa, ci ha positivamente colti di sorpresa” precisa Cosimo de Sortis, Presidente Italmopa “E questo costituisce, per tutti, un elemento di riflessione: iconsumatori sono stati i veri protagonisti della giornata. Visitando i nostri impianti, essi si sono riappropriati del sacrosanto diritto di informarsi liberamente, rinunciando ad essere relegati al ruolo di spettatori passivi di un marketing della comunicazione che fa troppo spesso leva, per quanto riguarda il comparto alimentare, sull’allarmismo”.

La giornata “Molini a porte aperte” ha così consentito ai visitatori di acquisire ogni opportuna informazione sull’affascinante processo di macinazione del frumento, tenero e duro, per la produzione di diverse tipologie di farine e semole destinate alla produzione di pasta, pane, pizza e prodotti dolciari.

L’Industria molitoria italiana trasforma annualmente oltre 11 milioni di tonnellate di frumento che consentono di ottenere circa 8 milioni di tonnellate di farine e semole, una quantità che pone il comparto ai vertici nell’Unione europea e che conferma il settore come un’eccellenza che coniuga tradizione e innovazione.

Per quanto concerne il comparto della macinazione del frumento tenero, il 61% del totale delle farine italiane è destinato alla panificazione e ai prodotti sostitutivi del pane (pan carré, friselle, grissini, taralli, crackers…), il 19% alla biscotteria, pasticceria e prodotti da forno, il 9% alla produzione di pizze, il 5% ad uso domestico, il 4% all’export, il 2% alla produzione di pasta.

Per quanto riguarda il comparto della macinazione del frumento duro, il 91% delle semole è destinato alla produzione di m,pasta, il 5% alla produzione di pane, il 3 % all’export e l’1% ad uso domestico.

-
-

Altri articoli

COMUNICAZIONE FOOD

Ultima referenza della sua limited edition 2021 che chiude le celebrazioni per il 700° anniversario della morte di Dante L’amor che move il sole...

COMUNICAZIONE FOOD

A 700 anni dalla morte di Dante, Magnum lancia tre limited edition ispirate ai tre cantici della Divina Commedia, Inferno, Purgatorio e Paradiso. Con...

FOOD BUSINESS

Fico Eataly World, il parco tematico del cibo italiano, ha riaperto in una versione rinnovata e, secondo una ricerca turistica di questi giorni, si...

COMUNICAZIONE FOOD

L’amaro più amato sale nuovamente sul podio confermando la sua posizione di leader per buyer, category e direttori acquisti della GDO Vecchio Amaro del...

-