Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

SOSTENIBILITÀ

Bene l’iniziativa #Ancheapasqua di Too Good To Go contro gli sprechi. Ecco alcune ricette di dolci di recupero

Secondo i recenti dati NielsenIQ, nel 2022 le vendite di alimenti durante la Pasqua hanno superato i 18 milioni di kg tra colombe e uova di cioccolato,ma quante di queste si salvano dal macero? Difficile quantificarlo, ma ciò che sappiamo è che oggi il 40% del cibo prodotto viene sprecato, in particolar modo durante le feste.

Per questo motivo, dopo il successo dello scorso anno dove sono state salvate 5000 Surprise Bags, che corrispondono a 11 tonnellate di CO2e, Too Good To Go, il più grande marketplace al mondo per le eccedenze alimentari, torna nel 2023 con #ancheapasqua, l’iniziativa nata per contrastare gli sprechi di cibo durante il periodo delle festività di Pasqua.

Quasi 1000 partner partecipano all’iniziativa

Con #ancheapasqua, Too Good To Gosi propone di salvare tutti quei prodotti pasqualiche altrimenti andrebbero sprecati, grazie a una bag speciale, disponibile dall’11 al 23 aprile. I consumatori potranno scegliere le Surprise Bags sulla piattaforma da quasi 1000 esercenti commerciali, tra cui pasticcerie, supermercati e forni. Tra le realtà che hanno deciso di aderire all’iniziativa presenti anche Carrefour Italia e Eataly, i quali metteranno a disposizione nei loro punti vendita le speciali bags di Pasqua.

Siamo felici di lanciare anche nel 2023 questa iniziativa, con l’obiettivo di supportare i commercianti e le aziende del settore agro-alimentare, che ogni anno si trovano a dover gestire l’invenduto e ad affrontare gli sprechi dei prodotti legati alle festività. Spesso, e soprattutto durante le feste, la produzione di alimenti è, infatti, ben superiore alla richiesta stessa dei consumatori: per questo motivo vogliamo mettere a disposizione la piattaforma di Too Good To Go come strumento per evitare gli sprechi e, allo stesso tempo, per sensibilizzare i consumatori sul tema di un acquisto più attento e consapevole, specialmente durante questi periodi di festa”, ha dichiarato Mirco Cerisola, Country Director per l’Italia di Too Good To Go.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Cioccolato: le indicazioni relative alla data di scadenza e come conservarlo

Uova di cioccolato, colombe pasquali e molto altro: una produzione eccessiva può essere un problema per l’intera filiera. Per fortuna, secondo il Food Sustainability Index, realizzato dalla Fondazione Barilla, lungo l’intera filiera di produzione, ovvero dalla fase di post raccolto fino al prodotto finale, le perdite alimentari corrispondono solo al 2% del totale del cibo prodotto. Diverso ciò che accade nelle nostre case, dove lo spreco alimentare domestico rappresenta ancora oggi un’enorme sfida.

Non si tratta solo di spreco alimentare lungo la filiera: sempre secondo il report di Fondazione Barilla, in Italia ogni persona getta nel cestino una media di 65 kg di cibo all’anno. Per questo motivo ogni giorno cerchiamo di essere sempre più di supporto per i consumatori e per il nostro Pianeta, cercando di responsabilizzare tutti a ridurre lo spreco alimentare domestico, invertendo la tendenza che vede ancora il 40% del cibo prodotto totalmente sprecato” ha aggiunto Mirco Cerisola, Country Director per l’Italia di Too Good To Go.

Un passo verso questa direzione è legato, anche, ad una maggior educazione del consumatore nei confronti della corretta lettura delle etichette alimentari, delle date di scadenza e delle modalità di conservazione più adatte ai diversi cibi.

Molti alimenti, infatti, possono essere consumati anche oltre la data di scadenza indicata: è questo il caso del cioccolato, che è considerato un alimento non deperibile, ovvero che non scade e non va a male. Certamente, il periodo di consumo può variare in base alla sua tipologia: ad esempio, il cioccolato fondente si conserva più a lungo rispetto al cioccolato al latte o ai cioccolatini ripieni, poiché la presenza di ingredienti deperibili come il latte tende a far perdere compattezza al prodotto più velocemente.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Spesso, però, si viene ingannati dalla patina bianca che si forma su tavolette, uova e altri dolci a base di cioccolato, un elemento che ad una prima occhiata porta i consumatori a pensare che il prodotto sia scaduto e quindi non più commestibile. Al contrario, la presenza della patina bianca non deve destare alcun tipo di preoccupazione sull’effettiva commestibilità del prodotto, ma è solo una diretta conseguenza della conservazione del cioccolato: questo effetto si verifica quando viene esposto a temperature troppo alte o basse provocando la scissione dei grassi che affiorano in superficie acquisendo quel colore. In ogni caso, il cioccolato, se conservato in maniera ermetica o in frigorifero, può essere infatti consumato per molto tempo, mantenendo inalterato il suo sapore e profumo.


I dolci di recupero di Pasqua suggeriti da Too Good To Go per evitare gli sprechi



Come fare quindi per evitare che questi e altri alimenti vengano sprecati? Oltre a prestare maggiormente attenzione alla quantità di cibo che si acquista, alle date di scadenza e all’effettiva deperibilità degli stessi, l’ideale è utilizzare le rimanenze di cioccolato e colombe per preparare alcune ricette di recupero nei giorni successivi alle feste di Pasqua.

Salame di cioccolato
Con il cioccolato avanzato delle uova di Pasqua, aggiungendo solo biscotti, burro e zucchero si può realizzare uno dei dolci più amati: il salame di cioccolato. Basteranno 200g di cioccolato fondente, 100 gr di burro, 150gr di zucchero e 100 gr di biscotti secchi per realizzare una deliziosa ricetta antispreco.

Granola al cioccolato
Per una ricetta sana e allo stesso tempo gustosa, con gli scarti delle uova di cioccolato avanzate è possibile realizzare la granola fatta in casa, perfetta per una colazione ricca e nutriente. Pochi ingredienti: bastano 4 tazze di avena, frutta secca a scelta, 2 cucchiai di olio di cocco e 4 cucchiai di sciroppo d’acero. Distribuite il composto su una teglia ricoperta di carta da forno e infornate per 30 minuti. Infine, per renderla ancora più buona, una volta che la granola è cotta e ancora calda, aggiungere i pezzi di cioccolato delle uova di Pasqua avanzate!

French Toast di Colomba
Aggiungendo solo 4 ingredienti alla colomba avanzata di Pasqua, sarà possibile realizzare degli ottimi french toast. Basta mescolare 2 uova con zucchero e latte e immergete le fette di colomba nel composto. Fare sciogliere un po’ di burro in un pentolino e cuocere le fette di colomba per qualche minuto per lato, finché non saranno croccanti e dorate. Una volta che i French Toast di colomba saranno pronti decorate le fette con frutta fresca.

Colombamisù
Un classico rivisitato: il Tiramisù di Colomba è un dolce al cucchiaio semplice da realizzare e che vi permetterà di utilizzare la colomba avanzata dal pranzo di Pasqua. Basterà sostituire le fette di colomba ai savoiardi, immergerle nel caffè, accompagnarle alla crema al mascarpone e ricoprire il tutto di cacao.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

SOSTENIBILITÀ

Rio Mare,brand della Business Unit Food & Tri Marine di Bolton e leader in Italia nelle conserve ittiche, festeggia quest’anno il decennale della sua collaborazione...

SOSTENIBILITÀ

Parmalat Educational, divisione di Parmalat e parte di Lactalis Italia ha decretato i vincitori del concorso didattico 2023/2024 “AVANZI CON GUSTO!” e, in occasione della fine dell’anno...

MONDO

«Vuoi vedere che il piatto più rappresentativo del nostro paese è la pasta e ceci?». A dirlo è Arcangelo Dandini, chef romano ambasciatore del...

SOSTENIBILITÀ

Wonderful Pistachios&Almonds sta lanciando in questi giorni in Europa una nuova confezione in plastica riciclabile per la sua vasta gamma di prodotti a base...

SOSTENIBILITÀ

Too Good To Go, il più grande marketplace mondiale delle eccedenze alimentari, festeggia il primo anno di Box Dispensa, la soluzione nata per contrastare lo...

SOSTENIBILITÀ

Pam Panorama continua il suo impegno per la salvaguardia dell’ambiente: consapevole dell’importanza di proteggere il nostro pianeta per le generazioni future, la Storica Insegna...

-