Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

MERCATO & BUSINESS

Un vino da due euro travasato in una bottiglia importante vince un prestigioso concorso enologico

Al concorso Gilbert & Gaillard International Wine Competition di Hong Kong a ricevere il premio è una bottiglia di bassa qualità, reperita in un supermercato.

Un risultato inaspettato, frutto di uno scherzo ben elaborato e realizzato da parte della trasmissione belga “On n’est pas des pigeons”, programma dell’emittente RTBF.

Fregiarsi di adesivi e riconoscimento in etichetta aiuta a vendere, scrive Gambero Rosso. Il team dell’emittente belga ha acquistato una bottiglia tra le più economiche e scadenti dalla catena di supermercati Delhaize, una piquette da € 2.50. Si tratta di un vino prodotto da vinacce pressate cui viene aggiunto zucchero e acqua. Quello che si ottiene è una bevanda che non potremmo nemmeno definire vino.

Prima di spedire la bottiglia al concorso per la valutazione, il contenuto è stato travasato in un’altra costruita ad hoc, con tanto di bella etichetta finta recante il nome di una cantina inesistente e dal nome altisonante “Le Château Colombier”. A questo punto partecipare al concorso è stato piuttosto semplice. “Bisognava inviare il vino tramite pacco espresso. La quota di partecipazione è costata 50 euro. Abbiamo scelto Gilbert et Gaillard perché distribuiscono medaglie ogni tre mesi. Prima di tutto ciò, c’è un solo controllo: devi far analizzare il tuo vino in un laboratorio e provvedere a indicare caratteristiche quali livello di alcol e zucchero. Anche questo costa, 20 euro. Ma anche in questo caso c’è un modo per imbrogliare: si potrebbe inviare quello che si vuole”, ha spiegato Sam Hosni ai telespettatori.

Il finto “Château Colombier” ha portato a casa un’incredibile medaglia d’oro, con tanto di possibilità di acquistare adesivi da apporre sulle bottiglie. Non solo, stando alle parole dei giudici è stato reputato un vino di ottimo livello. “Colore rosso granato brillante. Naso timido che combina frutta a nocciolo, ribes, rovere discreto. Palato soave, nervoso e ricco, con profumi giovani e puliti che promettono una bella complessità. Evoluzione su spezie fini e un tocco di fuliggine. Molto interessante”.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

DRINK

I trend di acquisto di champagne restano sulle maison rinomate, come Dom Perignon, Ruinart, Louis Roederer, Moët & Chandon, e Veuve Clicquot. Tuttavia, ma...

enoturismo

Il Consorzio Lugana fortifica il suo impegno nella valorizzazione della propria DOC: con l’attivazione del Progetto enoturismo,dal 2023 si è fatto promotore della connessione tra...

POLITICA

“La chiusura da parte della Commissione Ue della procedura tris sul Belgio, dopo il riposizionamento del governo belga sull’obbligo di avvertenze sanitarie sulle etichette...

MERCATO & BUSINESS

Come tutelare le filiere nazionali di vini, spiriti e aceti in un contesto globale complesso e alla vigilia delle prossime elezioni europee e della...

TREND

I consumatori e con loro il mercato insieme ai produttori riscoprono i vini bianchi macerati sulle bucce. Ossia, spiega Gambero Rosso, la famiglia a...

NOVITÀ

Sostenibilità e identità territoriale: due le parole chiave alla base di un impegno programmatico, un manifesto di intenti, per il futuro della denominazione Chianti...

-