Breaking
Mar. Lug 23rd, 2024

Valoritalia, società leader nelle certificazioni agroalimentari e green italiane, ha rilasciato per la prima volta in Europa, la certificazione di turismo sostenibile ISO 21401. Si tratta di una norma volontaria applicabile a strutture ricettive che definisce le modalità di gestione della sostenibilità in base alla sua dimensione economica, sociale e ambientale. Per ognuno di questi aspetti vengono anche indicati i requisiti minimi che una struttura deve rispettare per ottenere un miglioramento continuo delle performance.

Il traguardo è stato raggiunto da Villa Petriolo, agri-resort sostenibile a Cerreto Guidi, Toscana, impostato sul concetto di rendere lusso e esperienza tutto quello che la terra, il genio di chi ci ha vissuto e lo scorrere del tempo in secoli di storia hanno donato a quel luogo. Un immenso podere in cui si alternano, a perdita d’occhio, cipressi, uliveti e campi di cereali e legumi, coltivati secondo i dettami dell’agricoltura rigenerativa, i cui frutti contribuiscono a rendere speciale il menu farm to table offerto giornalmente agli ospiti della struttura. Lo stesso menu che prevede l’utilizzo dei prodotti di apicoltura e allevamenti allo stato semi brado e pastorizia basati esclusivamente sulla felicità animale.

Il resort è un complesso di edifici arredati in stile classico, per lo più con arredi cinquecenteschi appartenenti alla famiglia Albizzi-Alessandri, antichi abitanti del luogo. Le 35 suites, distribuite in questo piccolo borgo con annessa fattoria biologica che sembra un moderno presepe, sono riscaldate esclusivamente da pannelli fotovoltaici applicati sui tetti, gli stessi che contribuiscono a produrre acqua calda e a riscaldare una piscina scoperta e una infinity pool che svetta sulla collina. Tutto a Villa Petriolo è ideato per riconnettersi con le radici storiche dell’ambiente, dei suoi abitanti e per mettere a sistema tutto quello che la natura offre.

Questa fattoria di lusso, come la definisce Daniele Nannetti, CEO e founder, è l’emblema della sostenibilità: a partire da vino, olio, miele e piatti ricercati serviti nei tre ristoranti della tenuta, un bistrot, un’osteria e un ristorante gourmet, ai sistemi di riscaldamento e refrigerazione, fino ai prodotti biologici e ai trattamenti utilizzati nella spa, che impiegano vinacce e sansa proveniente dagli scarti della produzione agricola.

Il progetto, letteralmente un atto d’amore nei confronti della Toscana, è nato nel giugno 2018 dal pensiero illuminato di Nannetti che insieme alla famiglia Cuadra, ha acquistato la tenuta di Petriolo. Sinora sono riusciti nel difficile intento di recuperare il 100% delle potenzialità̀ agricole dei suoi 166 ettari, creando un lusso basato sulla secolare tradizione agricola toscana, dove la sostenibilità è intesa come un impegno verso la salvaguardia ambientale, sociale e finanziaria, basata su un’economia circolare che elimini gli sprechi faccia parte del DNA e della storia della Tenuta.

Villa Petriolo sorge in un territorio protetto dallo Stato Italiano con vincolo paesaggistico e monumentale. Per la sua realizzazione è stato infatti richiesto il benestare della Soprintendenza per i beni culturali, a riprova del rispetto del management verso la storia e la biodiversità del territorio.

Giuseppe Liberatore, direttore generale di Valoritalia commenta:Si tratta di un incredibile risultato e di una straordinaria opportunità per tutto il settore turistico italiano. L’adesione di Villa Petriolo alla norma ISO 21401 costituisce un punto di partenza di grande valore, perché stabilisce un insieme di best pratices a cui attingere per elaborare piani e strategie di sviluppo nel segno della sostenibilità. Inoltre, la certificazione di turismo sostenibile è utile anche alla redazione del bilancio di sostenibilità aziendale, un documento fondamentale che molto probabilmente nel prossimo futuro diventerà obbligatorio.”

Francesco Liantonio, Presidente di Valoritalia, aggiunge – “La sostenibilità oggi fa parte degli asset che un’azienda deve mettere in campo per essere competitiva sul mercato. Non è più possibile procrastinare. Per questo è importante che la sostenibilità sia certificata a ogni livello aziendale, dalla filiera agroalimentare, a quella tessile, a per arrivare a quella energetica e turistica. La certificazione ottenuta da Villa Petriolo è una pietra miliare per un nuovo modo di concepire viaggi e turismo, nel segno del rispetto per il territorio e le materie prime, con l’obiettivo di ridurre a zero le emissioni.”

Related Post