Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Foodaffairs

FOOD TREND

Gli alimenti che hanno performato meglio nel 2021? Caffè, cibi funzionali, cioccolato, integratori, prodotti da forno, cibi vegetali e surgelati

  • Il punto di vista delle aziende alimentari sul presente e sul futuro del settore raccolto in un’inedita ricerca realizzata da Unione Italiana Food– la più grande Associazione di categorie alimentari in Europa, che rappresenta oltre 20 settori del Made in Italy e 900 marchi che finiscono sulle tavole di tutto il mondo – presentata in occasione della sua Assemblea annuale
  • Caffè, cibi funzionali, cioccolato, integratori, prodotti da forno, cibi vegetali, surgelati – un mix di tradizione e innovazione nel piatto – sono gli alimenti che hanno performato meglio nel 2021.
  • Le principali preoccupazioni per circa 8 aziende su 10: l’aumento del costo delle materie prime e della componente energetica. Ma l’85,4% delle imprese, nonostante tutto, pensa che la crisi agirà da scossa per il nostro sistema, trasformandosi, grazie all’innovazione, in una nuova opportunità.

Costo delle materie prime (per 8 aziende su 10) e il crescente lievitare dei costi della componente energetica (75,7%) sono i due elementi che figurano in cima alle preoccupazioni del settore del food. Benché molti analisti in questi mesi paventino la fine della globalizzazione, almeno come intesa fino a oggi, per ben 2 aziende su 3 (67,6%) l’export resterà al centro delle loro strategie. Nonostante uno scenario internazionale estremamente complesso, il sistema alimentare è determinato a resistere e getta lo sguardo al futuro con ottimismo. Secondo 7 aziende su 10 le difficoltà attuali non fermeranno gli investimenti in corso, oramai da anni, in sostenibilità e per l’84,5% delle aziende, la crisi darà una spinta al nostro sistema, diventando una vera e propria opportunità.

È questa la fotografia scattatadalla prima e inedita indagine realizzata su un campione di oltre 100 aziende di Unione Italiana Food –  la più grande associazione di categorie alimentari in Europa che rappresenta 550 aziende dell’agroalimentare dislocate su tutto il territorio nazionale – e presentata nel corso della Assemblea annuale dal titolo “L’industria alimentare italiana alla prova del futuro. L’innovazione come strategia per garantire cibo accessibile e sostenibile sulle tavole di domani” con l’obiettivo di promuovere un momento di riflessione sul futuro del cibo e sul ruolo strategico dell’industria alimentare inquella che si annuncia essere una svolta epocale, una vera «Food Revolution».

“Il sistema economico globale è messo a dura prova dalle sfide che stiamo affrontando. Dopo la pandemia di Covid-19 e il conseguente blocco nella logistica dei trasporti, speravamo di essere all’alba di un periodo di ripresa, ma la guerra in Ucraina e gli aumenti dei costi dell’energia ci hanno portato a nuove e inaspettate difficoltà. Per il comparto alimentare la scarsità di materie prime è un problema complesso capace di creare danni significativi. Nonostante lo scenario possa scoraggiare, vogliamo mantenere uno sguardo ottimista: gli imprenditori italiani sono un esempiodi bravura, inventiva e – per quanto oggi come termine molto inflazionato – resilienza. Il futuro del cibo passa anche attraverso il futuro dell’industria alimentare e la sua innata capacità di fare innovazione. I prossimi anni potranno essere comunque caratterizzati da una forte spinta verso la crescita ha commentato il Presidente di UnionFood Marco Lavazza.

Nonostante uno scenario complesso, infatti, 1 azienda su 3 punta sull’ottimismo a 360 gradi vedendo un rientro progressivo delle ragioni che oggi creano tensioni sui mercati per i prodotti alimentari.

L’industria alimentare non si ferma mai e negli anni si è confrontata con sfide sempre nuove che ne confermano il forte ruolo sociale, oltre che economico. Nel secondo Dopoguerra dovevamo sfamare una popolazione che non aveva cibo, poi abbiamo vinto le sfide della qualità e della sicurezza alimentare, portando nel mondo la bandiera del mangiare italiano. La responsabilità della nostra generazione è di garantire al Pianeta l’accesso a cibo di qualità, sano, sicuro e sostenibile. È, in pratica, l’identikit del Made in Italy: da sempre il nostro cibo è sinonimo di eccellenza per gusto, qualità e sicurezza, ma anche di gioia e convivialità” afferma Paolo Barilla Vicepresidente Unione Italiana Food.

UNIONFOOD: FATTURATO +4% (45 MILIARDI DI EURO). LE MIGLIORI PERFORMANCE PER CAFFÈ, CIOCCOLATO, INTEGRATORI, CIBI VEGETALI E PRODOTTI DA FORNO.

Il Rapporto Attività 2021 di Unione Italiana Food conferma l’amore globale per il food italiano e quello che rappresenta: le esportazioni dell’agroalimentare italiano hanno superato la soglia dei 50 miliardi di Euro, di cui circa 40 miliardi imputabili all’industria alimentare. All’indomani di due anni estremamente difficili, i settori merceologici rappresentati da Unione Italiana Food hanno registrato performance nel complesso positive anche nel 2021.

Aumenta infatti, del 4%, il fatturato complessivo del settore, che ormai sfiora i 45 miliardi di euro.

Nel dolciario, bene, in particolare, il cioccolato (+7,8%) e i prodotti da forno (+6,7%). Cresce il caffè (+5,6%), mentre le performance dei prodotti vegetali (+6,7%, con punte per la cosiddetta IV gamma) e dei cibi funzionali (+7%) rispecchiano la nuova attenzione degli italiani a cercare il benessere anche nel cibo che portano in tavola. Bene, infine, anche i surgelati (+5,3%).

Mentre sui mercati esteri la parte del leone la fanno gli Integratori (+20%), il caffè (+ 14,3%) e prodotti vegetali come conserve, marmellate e confetture (+9%).

Questi risultati raggiunti in un anno così difficile per l’economia mondiale – spiega Mario Piccialuti Direttore Generale Unione Italiana Food – sono il segno tangibile di un settore che non si arrende di fronte ai problemi e non rinuncia a guardare al futuro con forza e determinazione. All’insegna dell’ottimismo e della capacità di rigenerarsi. Del resto i settori che hanno performato meglio nel 2021 sono un mix di continuità nella tradizione e grande capacità di fare innovazione. Il tutto nel rispetto, costante oggi come domani, ci dicono le aziende, del Pianeta e dei contesti sociali in cui le aziende operano, visto che la sostenibilità resterà – nonostante gli investimenti che richiede – in cima alle strategie del nostro Made in Italy alimentare”.

-
-

TM

Altri articoli

FOOD & COMUNICAZIONE

Gli chef Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli hanno selezionato i 20 componenti ufficiali della Masterclass, concorrenti per il titolo di MasterChef Italia....

FOOD E SOSTENIBILITÀ

Punti chiave del Food Sustainability Index Il Food Sustainability Index (FSI) 2021, sviluppato da The Economist Impact con Fondazione Barilla, analizza il nesso cibo-salute-ambiente...

FOOD & COMUNICAZIONE

Occhi color cielo, sorriso che conquista e un percorso ricco di successi nel mondo della cucina: è il primo identikit della splendida figlia (acquisita)...

FOOD & COMUNICAZIONE

Ultima referenza della sua limited edition 2021 che chiude le celebrazioni per il 700° anniversario della morte di Dante L’amor che move il sole...

FOOD & COMUNICAZIONE

A 700 anni dalla morte di Dante, Magnum lancia tre limited edition ispirate ai tre cantici della Divina Commedia, Inferno, Purgatorio e Paradiso. Con...

FOOD & COMUNICAZIONE

Medici e genitori dalla parte dei più piccoli. Ci sono ricette, consigli degli esperti, articoli di approfondimento sul mangiare e vivere sano per crescere...

FOOD & COMUNICAZIONE

Lo storico pastificio abruzzese torna sugli schermi delle principali emittenti nazionali e satellitari con la prime due puntate della sua “saga pubblicitaria”: protagonisti Claudia...

FOOD & COMUNICAZIONE

Da domani, 14 gennaio, ogni venerdì, alle ore 21.30

FOOD & COMUNICAZIONE

All’infuriare delle polemiche su Renatino che, nello spot del Parmigiano Reggiano, è felice di non avere una vita e lavorare 365 giorni l’anno, l’attore...

FOOD E SOSTENIBILITÀ

Quali sono le aziende percepite come più sostenibili? Reputation Science, società leader in Italia nell’analisi e gestione della reputazione, ha elaborato l’indice “ESG Perception...

FOOD & COMUNICAZIONE

GRUVI è il nuovo gelato di Sammontana, uno stecco capace di interpretare in modo innovativo l’autentica tradizione del gelato all’italiana. Nasce da una scelta...

FOOD & COMUNICAZIONE

C’è un monastero in Sicilia dove si segue la regola di tramandare antichissime ricette. In prima tv su Food Network canale 33 arriva “LE...

-