Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Foodaffairs

FOOD & COMUNICAZIONE

Nel mirino del governo spagnolo gli influencer che fanno pubblicità al ‘junk food’

Il fenomeno degli influencer, degli sportivi, delle personalità dello spettacolo e dei media che promuovono junk food verso i bambini deve finire. E visto che non c’è modo di far capire loro quanto deleteria possa essere la persuasione esercitata, occorre introdurre una legge severa che vieti qualunque forma di marketing di questo tipo per gli alimenti ad alto tenore di grassi, sale e zuccheri. Così – scrive il FattoAlimentare – la pensa il governo spagnolo, che ha pubblicato una bozza del provvedimento. “Il divieto interessa la comparsa, in comunicazioni commerciali, di genitori, insegnanti, educatori, professionisti che lavorano nei programmi per bambini, personaggi dello sport, influencer, artisti e persone note che a vario titolo – sia nella vita reale che nella finzione – possano rappresentare un modello o un esempio per i minori”.

Il ministero del Consumo specifica che un influencer è “una persona che può condizionare un gran numero di bambini a causa dei molti follower sui social media o nei media digitali, e che interagisce con il pubblico attraverso post, messaggi, video, blog, network di vario tipo”. Si cerca insomma di definire le molteplici figure che oggi compongono il mondo dei media, bloccando i messaggi rivolti ai più piccoli che favoriscono il consumo di alimenti e bevande di pessima qualità, e di conseguenza l’esplosione dell’obesità infantile.


Secondo Food Navigator, che riferisce dell’iniziativa, in base a uno studio pubblicato sulla Revista española de cardiologia nel 2020, il 34% della popolazione tra i 3 e i 24 anni risulta in sovrappeso o obesa, e se ci si concentra sulla fascia compresa tra i 3 e gli 8 anni, la percentuale schizza al 40%. Oggi si stima che il 15% dei bambini spagnoli siano obesi, un tasso che nel 1984 era pari al 3%. E gli altri paesi dell’area europea non stanno molto meglio. Secondo l’Oms, dal 1975 a oggi i tassi di obesità infantile sono triplicati, e nel 2016 nel mondo c’erano 340 milioni di bambini e ragazzi di età compresa tra i 5 e i 19 anni in sovrappeso o obesi, mentre nel 2020 lo erano 39 milioni di under 5.

La Spagna, va detto, non è l’unico paese europeo che si sta muovendo in questa direzione: in Francia ci sono limiti alle pubblicità, oltre a tasse sulle bevande zuccherate, mentre in Germania ci si è affidati alla buona volontà delle aziende, che hanno irrigidito i loro impegni formali per regolamentare le pubblicità di junk food in televisione, radio, media digitali e stampati rivolti ai bambini. Anche nel Regno Unito una legge specifica vieta la pubblicità degli alimenti a elevato contenuto di grassi, sale e zuccheri fino alle 21 in televisione e a qualunque orario online.

Tutto questo, ricorda Food Navigator, fa i conti con gli influencer che, dal canto loro, non sembrano resistere agli ingaggi milionari delle grandi aziende: è noto il caso di Britney Spears che vent’anni fa ballava bevendo una Pepsi, come prevedeva il suo contratto a sei zeri (8 milioni di dollari), mentre in Italia in questo periodo il rapper Ghali promuove i burger Big Mac di McDonald’s, non certo un esempio di alimentazione sana né tantomeno sostenibile, per citare solo un esempio contemporaneo. Non a caso la bozza della legge spagnola contiene anche l’invito, rivolto agli influencer, a farsi promotori di salute, incoraggiando corrette abitudini alimentari e attività fisica e non amplificatori delle tendenze peggiori. (…)

-
-

TM

Altri articoli

FOOD E SOSTENIBILITÀ

Punti chiave del Food Sustainability Index Il Food Sustainability Index (FSI) 2021, sviluppato da The Economist Impact con Fondazione Barilla, analizza il nesso cibo-salute-ambiente...

FOOD & COMUNICAZIONE

Gli chef Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli hanno selezionato i 20 componenti ufficiali della Masterclass, concorrenti per il titolo di MasterChef Italia....

FOOD & COMUNICAZIONE

Occhi color cielo, sorriso che conquista e un percorso ricco di successi nel mondo della cucina: è il primo identikit della splendida figlia (acquisita)...

FOOD & COMUNICAZIONE

Ultima referenza della sua limited edition 2021 che chiude le celebrazioni per il 700° anniversario della morte di Dante L’amor che move il sole...

FOOD & COMUNICAZIONE

A 700 anni dalla morte di Dante, Magnum lancia tre limited edition ispirate ai tre cantici della Divina Commedia, Inferno, Purgatorio e Paradiso. Con...

FOOD & COMUNICAZIONE

Da domani, 14 gennaio, ogni venerdì, alle ore 21.30

FOOD & COMUNICAZIONE

Lo storico pastificio abruzzese torna sugli schermi delle principali emittenti nazionali e satellitari con la prime due puntate della sua “saga pubblicitaria”: protagonisti Claudia...

FOOD & COMUNICAZIONE

All’infuriare delle polemiche su Renatino che, nello spot del Parmigiano Reggiano, è felice di non avere una vita e lavorare 365 giorni l’anno, l’attore...

FOOD E SOSTENIBILITÀ

Quali sono le aziende percepite come più sostenibili? Reputation Science, società leader in Italia nell’analisi e gestione della reputazione, ha elaborato l’indice “ESG Perception...

FOOD & COMUNICAZIONE

Sono aperte le iscrizioni a “MasterChef Academy”, la prima scuola di cucina online firmata MasterChef Italia. Le porte di “MasterChef Academy” si apriranno il 17 gennaio e, da allora, sarà possibile iniziare un percorso di apprendimento con...

FOOD & COMUNICAZIONE

Il Gruppo torna a una nuova collection dopo molto tempo, collegato anche un concorso che coinvolge per la prima volta il latte a lunga...

FOOD & COMUNICAZIONE

Il canale Boing (canale 40 del DTT) annuncia una nuova produzione originale che andrà in onda in esclusiva sul canale nei primi mesi nel 2022: CRAZY COOKING SHOW, condotto...

-