10 trentenni per un test multisensoriale alla cieca. Obiettivo? Eleggere il miglior panettone tradizionale disponibile al supermercato, tra 10 prodotti di una fascia di prezzo tra 10 e 15 euro. E’ quanto ha fatto Cucchiaio.it inaugurando così il tanto atteso periodo pre-natalizio.

Il panettone che ha ricevuto più preferenze, secondo i 5 parametri considerati, è “Il Viaggiator Goloso”, marchio dei supermercati Unes. Al secondo posto, per solo un punto, il panettone
Giovanni Cova & C., marchio milanese del 1930. Ad aggiudicarsi la terza posizione sul podio il panettone Corsini, marchio toscano originario di Castel Del Piano, in provincia di Grosseto, che ha ottenuto il massimo del punteggio nella valutazione gustativa.

Online tutti i voti e le fasi del test: https://www.cucchiaio.it/idee-in-cucina/natale-2019-il-miglior-panettone-da-supermercato-secondo-i-millennial-la-nostra-classifica/

La classifica, dall’ultimo al primo posto

10. Motta

 Al decimo posto della nostra classifica troviamo il panettone Motta da 1 chilo e mezzo, marchio storico che ha ottenuto una votazione complessiva sotto la media. Innanzitutto, evidenziamo una forma esterna alta e classica ma non particolarmente attraente. Notiamo una scarpatura appena accennata. I nostri giurati hanno poi individuato una presenza di uvetta maggiore rispetto ai canditi. La forma interna è stata valutata nella media dalla nostra giuria ma l’impasto è stato ritenuto troppo secco, così come l‘odore e il tatto non molto gradevoli.

Prezzo: euro 9,90 (1kg e mezzo)
Voto: 48/100

9. Vergani

 Al nono posto troviamo il panettone Vergani, prodotto dall’azienda industriale milanese. Notiamo che nonostante il posizionamento basso nella nostra classifica questo panettone si piazza primo nella valutazione della forma interna e con un punteggio nella media per la forma esterna. E’ vero che l’occhio vuole la sua parte ma alla fine è l’odore unito al gusto a determinare il giudizio finale, che non ha soddisfatto i nostri 10 giurati per un giorno.

Quindi, in questo caso la vista ha creato aspettative alte che sono state poi disattese al momento della valutazione olfattiva-tattile e infine gustativa. E’ stato infatto registrato un retrogusto acidulo.

Prezzo: euro 17,49 – con sconto del 20% euro 13,99
Voto: 52/100

8. Bauli

 All‘ottavo posto troviamo il panettone Bauli, prodotto dalla storica azienda veronese con l’iconica confezione lilla. La forma esterna è stata giudicata convincente, leggermente sopra la media, ma è l’interno ad esser valutato in modo deludente: pochi canditi, poca uvetta e alveolatura poco pronunciata, sintomo di una lievitazione non ottimale. Giudizio negativo che infatti trova corrispondenza in una consistenza secca e poco burrosa, sia al tatto che al gusto.

Prezzo: euro 7,98, prodotto scontato a euro 4,98.
Voto: 54/100

7. Loison

 Al settimo posto troviamo il panettone Loison, prodotto dall’azienda in provincia di Vicenza, nata nel 1938 per volere dell’omonima famiglia.

Notiamo che la valutazione olfattiva-tattile complessiva è nella media e anche il gusto è stato giudicato nei parametri medi. In questo caso è quindi soprattutto la forma del dolce, sia esterna che interna, a non aver soddisfatto i nostri giurati.

Prezzo: euro 16,24 (750g); con uno sconto applicato del 20% abbiamo speso euro 12,99.
Voto: 55/100

6. Terre d’Italia

 Al sesto posto troviamo il panettone Terre d’Italia, marchio italiano in vendita nei supermercati Carrefour Italia. Il packaging strilla sulla confezione del prodotto il richiamo alla tradizione milanese, come vediamo anche nel caso di Motta, Tre Marie, Chiostro di Saronno, G. Cova e Vergani. Una forma di marketing in nome di una dichiarata autenticità.

Notiamo che la valutazione olfattiva-tattile complessiva è superiore alla media, mentre il gusto è stato giudicato nei parametri medi. Anche in questo caso è quindi soprattutto la forma del dolce, sia esterna che interna, a non aver soddisfatto i nostri giurati.

Prezzo: euro 10,90; con uno sconto del 18% lo abbiamo acquistato a euro 8,90.
Voto: 58/100

5. Chiostro di Saronno

 Al quinto posto troviamo il panettone marchiato Chiostro di Saronno. La forma esterna è stata giudicata nella media, così come la forma interna. La valutazione olfattiva e tattile ha ottenuto invece un punteggio superiore: il profumo del dolce è stato ritenuto particolarmente invitante e ricco. Infine, il gusto è stato valutato in media. Questo è quindi un dolce che si attesta in pieno a metà classifica, senza eccedere in nessuno dei parametri considerati.

Prezzo: euro 11,90
Voto: 62/100

4. Tre Marie

 Al quarto posto troviamo il panettone Tre Marie: la forma è bassa, il colore esterno dorato e quello interno giallo. Notiamo la presenza di pezzetti di cedro candito nell’impasto, il che è un bene. La valutazione della forma esterna e interna ha raggiunto un buon punteggio, superiore alla media. Lo stesso vale per la valutazione olfattiva e tattile. Insomma, un dolce gradevole alla vista, con un buon rapporto qualità-prezzo e con un sapore più che buono.

Prezzo: euro 10,90
Voto: 67/100

3. Corsini

 Eccoci sul podio. Il terzo posto vede il panettone Corsini, marchio toscano originario di Castel del Piano, in provincia di Grosseto.

Registriamo che tra il terzo e il quarto classificato i punteggi finali si distanziano di un solo punto. Il panettone Corsini è stato valutato soffice al palato e armonioso; da segnalare accanto a uvetta e canditi la presenza del cedro. La valutazione olfattiva e tattile è risultata sopra la media. Pur essendo la forma esterna non molto seducente, la valutazione gustativa ha ottenuto il massimo del punteggio. Insomma, in questo caso l’estetica non è indicativa. Di fatto, il panettone Corsini si rivela essere il più buono tra quelli degustatidolce quanto basta e soffice.

Prezzo: euro 9,90
Voto: 68/100

2. Giovanni Cova & C.

Al secondo posto si piazza il panettone Giovanni Cova & C., marchio milanese nato nel 1930. Premettiamo che pasticceria confetteria Cova, in via Montenapoleone a Milano e panettoni Giovanni Cova & C. non sono la stessa cosa: dal 2016 i loro rapporti sono regolati da una sentenza di primo grado del Tribunale di Milano.

Questo è un panettone basso, con una forma esterna valutata essere molto bella grazie a una scarpatura pronunciata. Al gusto: morbido e convincente, subito dopo il panettone Corsini, che ha avuto il punteggio più alto nella valutazione gustativa. Al naso e al tatto il panettone
Giovanni Cova & C. è stato giudicato bilanciato nelle diverse componenti. Per un solo punto questo lievitato non ha raggiunto il primo posto della classifica, conquistando però il massimo dei voti alla voce – corrispondenza all’idea del dolce.

Prezzo: euro ND
Voto: 70/100

1. Il Viaggiator Goloso

Il dolce con la sua confezioneIl panettone de Il Viaggiator Goloso tagliato a metàIl primo posto della nostra classifica dei panettoni da supermercato è conquistato da Il Viaggiator Goloso, marchio dei supermercati Unes, presente anche in altri punti della grande distribuzione. Notiamo che tra il primo e il secondo classificato lo scarto è di un solo punto.

All’esterno il panettore de Il Viaggiator Goloso si presenta con crosta ben salda alla pasta, abbastanza spessa, di colore bruno-dorato e senza bruciature.  All’interno: è presente un buon numero di canditi e uvetta, e qualche cedro candito. Il panettone è poi caratterizzato da una distribuzione uniforme dell’alveolatura, l’insieme dei buchi d’aria all’interno del dolce. Un odore gradevole e intenso superiore alla media corrisponde a un gusto equilibrato, valutato però leggermente meno buono rispetto a quello di G. Cova. A posteriori possiamo affermare che questo è un panettone con un ottimo rapporto qualità-prezzo.

Prezzo: euro 7,99
Voto: 71/100