Attraverso Moët Hennessy, il gruppo Lvmh si è assicurato la maggioranza (55%) di Château d’Esclans, azienda della Provenza specializzata nel vino rosé e leader di mercato negli Stati Uniti, dove i rosati provenzali spopolano negli aperitivi e nelle occasioni festose. Basti pensare che nel 2018 le vendite di rosé negli Usa hanno raggiunto i 18,7 milioni di casse, 1,2 milioni in più rispetto al dato 2015 secondo le rilevazioni di Shanken’s Impact Databank. Sempre lo scorso anno, secondo l’agenzia governativa Business France, i vini rosati prodotti in Provenza hanno aumentato del 14% l’export negli Stati Uniti, superando i due milioni di casse.

A vendere Château d’Esclans al gruppo di Bernard Arnault è stata Alix Am, la holding di Hervé Vinciguerra, partner dal 2008 di Sacha Lichine, che a sua volta ha ceduto il 5% mantenendo il restante 45% delle quote. Imprenditore di Bordeaux considerato il genio del rosé. Lichine aveva acquisito l’azienda nel 2006, quando produceva poco più di 100mila bottiglie. Dieci anni dopo, era arrivato a oltre 2,5 milioni e da allora la produzione è ulteriormente aumentata, rivoluzionando il concetto stesso del “vino rosa” da uve Grenache e Vermentino vinificate al modo dei migliori vini con invecchiamento in demi-muid (botti da 500 litri) di quercia. “Sacha Lichine ha rivoluzionato il mondo dei vini rosati della Provenza ed è stato l’attore principale del loro sviluppo internazionale”, ha affermato Philippe Schaus, ceo di Moët Hennessy. La considerazione del lavoro svolto da Lichine è tale da spingere il gruppo francese a confermare il socio di minoranza al comando dell’azienda, che opera nel mercato con brand quali Garrus, considerato il più prestigioso rosé del mondo, e Whispering Angel, l’etichetta più venduta negli Stati Uniti.

Per Lvmh si tratta della seconda operazione consecutiva conclusa nel mondo dei rosati. A maggio, era stata la volta di Château du Galoupet, azienda di 68 ettari a Saint Nicolas, in Côte d’Azur. Questa operazione aveva interrotto una “calma” di due anni ovvero da quando, nel 2017, il gruppo di Arnault si era assicurato la proprietà di Colgin Cellars in Napa Valley.

Le proprietà di Château d’Esclans comprendono un castello del XIX° secolo di ispirazione toscana e 267 ettari di tenuta, di cui 74 a vigneto a denominazione protetta, nel dipartimento del Var. Sono in arrivo altri 60 ettari di viti. (Fonte Panbianconews)