Terza e ultima giornata di Golosaria, quella chiusasi al MiCo di Fieramilanocity con grande soddisfazione degli organizzatori per le presenze cresciute del +20% rispetto allo scorso anno e un pubblico che, dopo un week-end memorabile, anche oggi si è confermato quello delle grandi occasioni.

Già dall’apertura, quasi mille ristoratori hanno affollato la fiera per la presentazione de ilGolosario Ristoranti 2020, già GattiMassobrio, e il ritiro del riconoscimento che Paolo Massobrio e Marco Gatti ogni anno, sul palco milanese, assegnano alle realtà della guida più interessanti, ambasciatrici della qualità e del genio che rendono la cucina italiana un fenomeno conosciuto e apprezzato in tutto il mondo.

Come da tradizione, la chiusura della manifestazione è stata poi affidata al panettone, che quest’anno ha avuto in Golosaria un ruolo ancor più particolare. Il dolce tipico di Milano, che nel 2018 fu simbolicamente consegnato dai produttori presenti al sindaco di Milano, oggi è tornato protagonista con un testimonial d’eccezione, Giacomo Poretti del trio Aldo Giovanni e Giacomo, e un fine solidale: aiutare l’opera delle Suore di Carità della Casa di Sam.

Le sorelle, beneficiate da un’asta voluta da Gianfranco Soldera prima della sua scomparsa, sono state omaggiate dei panettoni dai produttori di Golosaria in un simbolico viaggio attraverso l’Italia: dalla Sicilia, con Fiasconaro, Candifrucht e Bronte Dolci alla Calabria, con Colavolpe e Scutellà. E poi la Campania con Pepe, la Toscana con Ciolini, l’Emilia-Romagna con Quagliotti e Fantuzzi, il Veneto con Infermentum e la pasticceria Giotto, il Piemonte con Molineris e Liberomondo e la Lombardia, con Viganò, Rizzato, Andreoni e la pasticceria Mastai.