Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

COMUNICAZIONE

Per un italiano su 2 il tempo libero è più importante del guadagno ma ogni generazione ha le sue priorità. L’importanza del “work life balance” in uno studio Heineken

Oggi tante generazioni diverse condividono il medesimo ecosistema lavorativo, portando con sé valori, aspettative e obiettivi professionali molto diversi tra loro. Un’inedita indagine realizzata da HEINEKEN Italia e condotta da AstraRicerche fa luce su valori e aspettative professionali di quattro generazioni a confronto.

Work life balance, formazione e flessibilità. È il triplete di caratteristiche dell’azienda ideale per gli italiani, che – senza distinzione di età – nella scelta del lavoro rompono le barriere generazionali e guardano più al benessere personale che al guadagno. In tema di qualità dell’azienda ideale in cui lavorare, gli italiani mettono infatti al primo posto il tempo libero per altre attività della vita (51,5%), al secondo la possibilità di crescere e sviluppare competenze attraverso l’offerta formativa (40,7%) e al terzo la flessibilità nei tempi e nei luoghi di lavoro (40,5%). Dopo, compaiono l’attenzione ai temi di pacchetti welfare (34,5%), parità di genere, diversità e inclusione (27,5%) e stipendi superiori alla media dei propri coetanei (27%). In ultima posizione il guadagnare molto a fronte di molte ore lavorate (11%).

È quanto emerge dalla ricerca “Rapporto tra generazioni nel mondo del lavoro” realizzata da HEINEKEN Italia e condotta da AstraRicerche su un campione di oltre 1.000 lavoratori per indagare il rapporto fra Baby Boomers (1946-64), GenX (1965-80), Millennials (1981-96) e GenZ (1997-2012).

L’indagine mette al centro le differenze generazionali nell’indicazione dell’elemento più rilevante in assoluto: se GenZ (20%) e Millennials (21%) danno più importanza al tempo libero, per la GenX lo sviluppo delle competenze ha la priorità (22%). Un argomento importante anche per i Millennials (18%) che lo prediligono rispetto alla flessibilità (16%). Resta un’ambizione comune il posto fisso (43%, in particolare per GenX e Baby Boomers), soprattutto in un’azienda storica (34%), di grandi dimensioni (37%), e dal respiro internazionale (35,5%). Per tutte le generazioni, ad ogni modo, è imprescindibile l’attenzione al lavoratore come ‘persona’ (per l’86% molto o abbastanza e per il 54% molto importante).

“HEINEKEN Italia ha da sempre a cuore il benessere delle persone con cui condivide il piacere di stare insieme, la passione e la determinazione di guidare la crescita del mercato in maniera sostenibile. La nostra priorità è mettere le persone al centro – dichiara Teresa Ferro, People Director di HEINEKEN Italia – favorendo un percorso di crescita continuo e dando sempre più attenzione al work life balance e al tema della flessibilità, oltre che all’equità e all’inclusione, alla base di ogni nostra azione quotidiana. In qualità di leader di mercato che crea occupazione per oltre 2000 persone, abbiamo voluto indagare i bisogni e le visioni delle quattro diverse generazioni presenti oggi in azienda, per tracciare insieme nuove strade e guidare il cambiamento”.

LA GENERAZIONE PREFERITA SUL LAVORO: QUELLA DI CUI SI CONDIVIDONO GLI IDEALI

In tema di persone, dall’indagine emerge che le generazioni preferite con cui lavorare sono la GenX (69,5%) e la GenY/Millennials (63%) per la condivisione dei valori e degli ideali (41%) e perché sanno rapportarsi al meglio con i colleghi (31%).

Advertisement. Scroll to continue reading.

La GenZ, apprezzata principalmente per il suo rapporto con la tecnologia (41%), per il suo essere più creativa (39% contro il 16% dei Millennials e l’11% dei Baby Boomers) e per avere meno pregiudizi (32%) si auto-sceglie nel 54% dei casi, ma è anche apprezzata anche dalle altre generazioni per la capacità di dialogo e confronto con persone diverse (40%), ma sanche per la capacità di guardare avanti e avere una visione differente (41%) e competenze digitali (47%). Millennials e GenX sono preferiti invece per capacità di dialogo e di lavorare in gruppo (42% e 43%), mentre i Baby Boomers hanno l’esperienza utile per apprendere il lavoro da svolgere (51%) e allo stesso tempo sono “quelli che ascoltano di più capiscono i problemi e difficoltà sul lavoro ed aiutano quando serve” (29%).

Nella stragrande maggioranza dei casi, molti sono i punti di contatto e le diversità sono spesso una ricchezza.

LO SCAMBIO TRA GENERAZIONI: UN’OPPORTUNITA’ DI CRESCITA

Secondo lo studio, il rapporto intenso e positivo tra persone di età molto diversa in azienda, appartenenti a diverse generazioni, è considerato un grande vantaggio quando viene raggiunto (68%) ma anche qualcosa difficile da ottenere (49%). Tante le opportunità di crescita e di creazione di valore create dal rapporto intergenerazionale positivo in azienda: miglior clima aziendale grazie a stimolanti momenti di socialità, networking e attività di squadra (40%), eterogeneità di visione (39,5%), consolidamento delle competenze funzionali grazie alla combinazione di esperienze e studi aggiornati (38,5%), maggiore capacità di intercettare i bisogni delle diverse fasce di consumatori (38%) e maggiori competenze digitali per la popolazione aziendale (36,7%).

Come dare valore alle differenze generazionali? Prima di tutto creando un ambiente inclusivo dove vengano valorizzate le diversità attraverso team eterogenei (42,8%) e gruppi di lavoro intergenerazionali (42,7%). Più in generale tra le azioni di DE&I ritenute prioritarie dai lavoratori, in testa i programmi di formazione (41%), seguite dal sostegno parentale (31%), politiche di assunzioni inclusive (29%), gruppi di lavoro dedicati (28%), collaborazioni con organizzazioni esterne specializzate (24%) e reverse mentoring 21%.

STABILITA’ LAVORATIVA, BENEFIT, FORMAZIONE E PERCORSI DI CRESCITA GLI ELEMENTI PIU’ IMPORTANTI PER CONTRASTARE LA “FUGA DEI CERVELLI” E AIUTARE IN GIOVANI AD AFFRONTARE IL FUTURO.

La ricerca punta anche lo sguardo alle aspettative nei confronti delle aziende e su cosa può essere importante per fermare o rallentare la fuga dei giovani dall’Italia. Secondo la GenZ le cose più importanti che le aziende possono fare sono garantire stabilità lavorativa (56%), dare maggiori benefit (48%), prospettive e percorsi di crescita chiari e stimolanti (30,5%) e investire nella formazione (30,5%). Un dato che arriva al 47% per la GenX. Per la GenZ è inoltre importante che le aziende offrano posizioni in linea con i percorsi di studi (38,5% vs 32% della media).

Advertisement. Scroll to continue reading.

Benefit e premi di produzione commisurati agli obiettivi sono le migliori azioni che possano essere messe in campo per aiutare i giovani ad affrontare l’incertezza del futuro secondo il 41% degli intervistati (soprattutto per Millennials e GenZ), seguita dalla formazione continua da parte dell’azienda (39%).

La formazione è infatti considerata un elemento chiave che le aziende dovrebbero fornire per supportare i dipendenti e metterli nelle condizioni di affrontare al meglio il futuro, alla luce del fatto che problem solving (57%), competenze digitali (49%) e pensiero strategico (44%) sono considerate le competenze chiave per affrontare il mondo del lavoro.

FERRO (HEINEKEN): ORGOGLIOSA DEL PERCORSO INTRAPRESO IN HEINEKEN

“I risultati della ricerca confermano che HEINEKEN Italia sta lavorando nella direzione giusta, grazie all’impegno continuo per far crescere e valorizzare le nostre persone, come singoli e come team. Diversità, equità e inclusione sono valori che HEINEKEN Italia integra nel quotidiano, anche con partnership qualificate (Parks-Liberi e Uguali e Fondazione Libellula) e a favore del confronto fra le generazioni. – continua Teresa Ferro – Un esempio tra tanti il Programma RI_GENERAZIONI, con cui le quattro diverse generazioni in azienda dialogano su valori, modalità di apprendimento e approccio ai cambiamenti, condividendo esperienze e competenze. Sono sempre stata convinta che solo dal confronto e dal feedback continuo ognuno di noi possa crescere e valorizzare il proprio talento; compito dell’azienda è promuovere questo approccio e offrire una formazione adeguata che consenta a tutti di sviluppare questo modo di lavorare tanto quanto le competenze funzionali. Sono veramente orgogliosa del percorso che stiamo facendo in HEINEKEN Italia puntando sulla formazione e lo sviluppo della leadership collettiva, sulla crescita personale di ognuno ma anche sulla crescita dei team, indispensabili per garantire il benessere delle persone tanto quanto tutte le misure volte a promuovere flessibilità e work-life balance.”

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

MANAGEMENT & LAVORO

Dopo quattro anni, a partire dal 1° agosto 2024, Wietse Mutters lascia la carica di Amministratore Delegato di HEINEKEN Italia per diventare Amministratore Delegato...

COMUNICAZIONE

Dopo il lancio della campagna The Boring Phone alla Milano Design Week e la partnership con Nameless Festival, Heineken porta "The Offline Experience” in...

EVENTI

Oggi, con gli smartphone che mirano a coinvolgere l’utente a 360°, è facile essere costantemente connessi, ma è sempre più difficile vivere reali momenti...

COMUNICAZIONE

Heineken e Bodega lanciano in anteprima mondiale alla Milano Design Week la nuova campagna “The Boring Phone”, con un’edizione limitata di “dumb phones” progettati...

MANAGEMENT & LAVORO

HEINEKEN apre le porte a 10 giovani di talento nel birrificio di Massafra (TA), il secondo più grande birrificio in Italia e polo della produzione di...

PUBBLICITÀ

Heineken celebra la stagione della UEFA Champions League con la nuova campagna “Un brindisi ai tifosi, quelli veri” – in partenza dal 24 marzo...

-