Breaking
Gio. Lug 25th, 2024

Coca-Cola HBC Italia ha presentato “Con le parole giuste”, il proprio Manifesto in 10 punti per un linguaggio rispettoso e inclusivo, destinato a tutta la popolazione aziendale.

Un’iniziativa che prosegue il percorso intrapreso dall’azienda per valorizzare ogni tipo di diversità, personale e professionale, e garantire ai propri dipendenti un ambiente di lavoro più stimolante e sicuro.

Il Manifesto nasce dalle testimonianze raccolte nel corso dell’anno durante 8 focus group organizzati negli stabilimenti produttivi dell’azienda, con la forza vendite e nella sede centrale, coinvolgendo più di 200 colleghi e colleghe con diversi profili personali e professionali, selezionati da tutte le funzioni aziendali. Le testimonianze raccolte durante i focus group sono diventate la base per costruire e identificare le aree da valorizzare all’interno del Manifesto, al fine di promuovere, tramite 10 semplici suggerimenti di uso quotidiano, un ambiente di lavoro sempre più inclusivo, sicuro e rispettoso.

 Federica di Michele
Federica di Michele

“Vogliamo garantire un contesto lavorativo in cui tutti possono sentirsi davvero valorizzati e rispettati nell’esprimere appieno il proprio potenziale” commenta Federica di Michele, Direttrice People & Culture di Coca-Cola HBC Italia. “Lo facciamo lavorando da ormai vent’anni su formazione, sensibilizzazione e coinvolgimento in numerose aree: dalla parità di genere all’inclusione LGBTQIA+, passando per il sostegno alla genitorialità e alla corretta gestione del work-life balance. Un percorso anche riconosciuto da certificazioni, come quella di IDEM per la parità di genere ottenuta nel 2022 o il riconoscimento Top Employer che riceviamo da 9 anni consecutivi. Con questo Manifesto vogliamo invitare le nostre persone a riflettere su quanto anche il nostro modo di relazionarci con il prossimo, il tono di voce, le battute, le parole scelte, abbiano un impatto enorme sul clima che costruiamo attorno a noi “.

IL MANIFESTO “CON LE PAROLE GIUSTE” PER UN LINGUAGGIO RISPETTOSO E INCLUSIVO

  1. Con un BUONGIORNO riempiamo di energia la nostra giornata
    Il saluto è per noi un comportamento essenziale che va oltre i confini delle gerarchie aziendali e delle diverse funzioni e rafforza i legami interpersonali.
  2. ASCOLTIAMO in modo attivo tutte le persone
    Accogliamo tutti i punti di vista aiutando le persone a esprimere il loro contributo più autentico.
  3. PROMUOVIAMO un ambiente senza discriminazioni nelle parole e nelle azioni
    Riconosciamo l’unicità di ciascuno e comprendi le esperienze, i sentimenti e le caratteristiche fisiche o personali delle altre persone offrendo loro sostegno e solidarietà.
  4. Nei momenti difficili DIALOGHIAMO per trovare insieme una soluzione
    Condanniamo tutti gli atteggiamenti offensivi e di superiorità e non consideriamo mai lo stress una giustificazione per comportamenti aggressivi.
  5. EVITIAMO ETICHETTE E FORME DI UMORISMO che possono risultare offensive
    Segnaliamo le offese mascherate da “battute” con il solo scopo di ferire direttamente o ledere alle spalle l’integrità di una persona, perché favoriamo relazioni professionali sane e solide.
  6. RICONOSCIAMO le sfide personali extra lavorative e rendiamo più facile la vita delle persone intorno a noi
    Consideriamo le genitorialità, le responsabilità di cura e i bisogni personali occasioni di crescita per tutte le nostre persone e rispettiamo le esigenze quotidiane di ciascuno.
  7. CHIEDIAMO SCUSA quando le persone possono essere state ferite, anche da una parola
    Crediamo che il dialogo esprima coraggio, riduca le incomprensioni nei rapporti e riavvicini le persone.
  8. RISPETTIAMO la dignità e la privacy di ogni persona
    Tuteliamo la sfera privata dei nostri colleghi in ogni situazione, evitando gossip e allusioni per creare uno spazio di fiducia e collaborazione.
  9. SCRIVIAMO prestando attenzione alle parole e ai fraintendimenti
    Nelle e-mail, nei social media e nelle chat, evitiamo conflitti e momenti di disagio, promuovendo un clima di lavoro armonioso.
  10. Se identifichiamo comportamenti molesti, CONDIVIDIAMO la nostra esperienza con l’azienda
    Superando la barriera del silenzio, segnaliamo attraverso le piattaforme sicure messe a disposizione dall’azienda l’uso di un linguaggio discriminatorio offrendo il nostro contributo per la promozione della sicurezza psicologica per tutti noi.

+.

Related Post