Breaking
Mar. Lug 23rd, 2024

Le bevande a base di soia, avena e mandorle possono essere chiamate latte, sostiene la F.D.A. I produttori di bevande a base vegetale hanno accolto con favore la decisione dell’agenzia, ma hanno contestato la raccomandazione di specificare sulle etichette le differenze nutrizionali con il latte vaccino. Scrive il NYT.

Le bevande a base di avena, soia e mandorle possono mantenere la parola latte nel loro nome, ha proposto la Food and Drug Administration, nel tentativo di porre fine a una lunga battaglia tra la potente industria lattiero-casearia e i nuovi produttori a base vegetale che hanno cambiato il modo in cui gli americani consumano i cereali e aromatizzano il caffè.

La maggior parte dei consumatori, ha osservato l’agenzia nella sua bozza di proposta, è consapevole che gli estratti liquidi delle piante non hanno alcuna relazione con le mammelle delle mucche.

Ma in una concessione ai produttori tradizionali di latte, la FDA ha anche raccomandato che le confezioni delle bevande a base vegetale indichino chiaramente le principali differenze nutrizionali tra i loro prodotti e il latte vaccino. Se un cartone di latte di riso contiene meno vitamina D o calcio rispetto al latte vaccino, ad esempio, l’etichetta dovrebbe fornire questa informazione ai consumatori.

Sebbene le nuove raccomandazioni sull’etichettatura siano descritte come volontarie, gli esperti del settore prevedono che la maggior parte delle aziende si adeguerà. L’agenzia prevede di emettere una decisione definitiva dopo un altro periodo di commenti pubblici.

“La bozza di guida di oggi è stata sviluppata per aiutare a far fronte al significativo aumento di prodotti alternativi al latte a base vegetale che abbiamo visto diventare disponibili sul mercato nell’ultimo decennio”, ha dichiarato in un comunicato il Dr. Robert M. Califf, commissario della FDA. “La bozza di raccomandazioni pubblicata oggi dovrebbe portare a fornire ai consumatori un’etichettatura chiara per dare loro le informazioni di cui hanno bisogno per prendere decisioni informate sulla nutrizione e sull’acquisto dei prodotti che comprano per sé e per le loro famiglie”.

LATTE DI SOIA
LATTE DI SOIA

Le linee guida della FDA erano attese con impazienza dai produttori di latte e dall’ampio settore degli alimenti a base vegetale, che si sono scontrati sul fatto che la parola “latte” sui prodotti derivati da frutta a guscio e cereali confonda i consumatori. Il dibattito, iniziato quattro decenni fa con l’introduzione delle bevande a base di soia, è diventato più urgente in seguito al cambiamento sismico delle abitudini alimentari. Prodotti come il latte d’avena continuano a registrare una forte crescita, mentre il consumo di latte è in calo da decenni. Secondo il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, gli americani bevono in media quasi la metà del latte rispetto al 1970.

La crescente diffusione di bevande a base di anacardi, quinoa o semi di lino è stata alimentata in parte da preoccupazioni per la salute; alcune persone le acquistano perché sono intolleranti al lattosio. Inoltre, un numero crescente di americani cita il desiderio di una dieta vegana o il contributo della produzione lattiero-casearia al cambiamento climatico attraverso il letame e il metano prodotti dalle mucche.

Gli attivisti per i diritti degli animali hanno cercato di dipingere l’allevamento dei latticini come intrinsecamente crudele, un’affermazione che è stata respinta dall’industria. Per alcuni consumatori, la svolta verso i prodotti a base vegetale è semplicemente una questione di gusto.

I dirigenti del settore degli alimenti a base vegetale si aspettavano una sentenza meno favorevole, dato lo scetticismo espresso da uno dei recenti predecessori del dottor Califf, il dottor Scott Gottlieb. Nel 2018, egli ha notoriamente dichiarato che “una mandorla non latta” – commenti che hanno suggerito che l’agenzia potrebbe cercare di vietare la parola “latte” per le bevande non lattiero-casearie.

Madeline Cohen, avvocato esperto di regolamentazione del Good Food Institute, che promuove i prodotti alimentari di origine vegetale, ha affermato che la guida della FDA è un gradito riconoscimento del fatto che i consumatori sono abbastanza esperti da sapere che il latte di cocco non è prodotto da animali in lattazione. “Sappiamo che i consumatori escono e comprano di proposito questi prodotti”, ha detto. “Nessuno li acquista per caso”.

L’autrice ha però espresso il suo disappunto per le nuove raccomandazioni in materia di etichettatura, affermando che non sono necessarie e che possono creare confusione, soprattutto se si considera che alcuni componenti nutrizionali del latte, come le proteine e il magnesio, non mancano nella dieta di un adulto tipico. “Semmai, alcuni gruppi di americani consumano troppe proteine”, ha detto, aggiungendo che chi è interessato al contenuto nutrizionale di una bevanda a base vegetale può leggere l’etichetta esistente sul retro del prodotto.

I produttori di latte hanno avuto una reazione altrettanto contrastante alle proposte della FDA. Alan Bjerga, portavoce della National Milk Producers Federation, ha espresso disappunto per il fatto che la parola “latte” possa rimanere sui cartoni delle bevande di origine vegetale. Tuttavia, ha detto di pensare che le nuove raccomandazioni sull’etichettatura nutrizionale potrebbero convincere alcune aziende a passare a parole come “bevanda” o “drink” piuttosto che dover riconoscere che i loro prodotti hanno meno proteine e calcio del semplice latte tradizionale.

“Il fatto che la FDA stia finalmente facendo qualcosa dopo 40 anni è positivo per noi”, ha dichiarato.

Fonte Dagospia (da “The New York Times” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”)

Related Post