Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Food Affairs

COMUNICAZIONE

Giorgio Calabrese risponde alla professoressa Viola: l’altra voce della scienza dimostra che l’alcol può far bene

Il nutrizionista risponde alla biologa, professoressa all’Università di Padova, che in un articoloha denunciato i pericoli di un consumo anche moderato.

Il medico e nutrizionista Giorgio Calabrese: “Cara Viola, l’altra voce della scienza dimostra che l’alcol può far bene”

Estratto dell’articolo di Giorgio Calabrese per “la Stampa” riportato da Dagospia.

Cara Professoressa Viola, le scrivo da medico-nutrizionista clinico a proposito dell’articolo in cui attesta indiscutibilmente che il vino accorcia la vita. La sua affermazione trae spunto […] da una ristretta quantità di «papers in review», quasi un diktat. Ma a tale ristretta mole di papers si oppongono ben 236.068 pubblicazioni scientifiche che sottolineano la bontà di questo «alimento liquido», come amo definirlo.

[…] Il vino consumato con moderazione e intelligenza – e lo dimostrano le evidenze scientifiche – ha effetti benefici, soprattutto se associato ai pasti, specie se in stile mediterraneo. Anche i singoli composti presenti nel vino (polifenoli, minerali e vitamine) sono stati oggetto di studi e lavori scientifici, pubblicati negli ultimi 30 anni, e questi dimostrano il ruolo funzionale e positivo sull’organismo.

[…] La richiesta fatta alla Commissione stessa da parte dell’Irlanda di apporre l’etichetta «Nuoce fortemente alla salute» […] risulta, quindi, abnorme. Non prevede distinzione se a basso, medio o elevato tenore alcolico.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Questa richiesta avrebbe lo scopo di allertare i consumatori sugli eventuali rischi associati all’alcol e nasce da una civilissima nazione, che, però, di base ha un elevato consumo di superalcolici e che per dissetarsi, invece dell’acqua, beve birra. Non è così per l’Italia e il Sud Europa.

[…] In Italia, secondo i dati Istat, si beve all’incirca un bicchiere di vino al giorno e siamo passati negli ultimi 30 anni dai 3-4 bicchieri a questo consumo minimo con un contestuale aumento della qualità del vino medesimo. Una moderata quantità appaga il palato, aiuta la digestione e anche la salute cardio-circolatoria.

Il vino contiene l’85-87% di acqua e il 12-15% di materia alcolica, associata a vitamine, minerali e antiossidanti. Chi scrive, più di 40 anni fa, ha definito il vino «un alimento liquido» al pari del latte e dell’olio e, come lei ben sa, anche questi due alimenti liquidi sono, a loro volta, sotto attacco mediatico e non mi stupirei, alla lettura del suo pensiero, che lei faccia parte di coloro che affermano che il buon latte provochi l’insorgenza del cancro.

Io penso che sia necessaria soprattutto un’azione di educazione alimentare e non solo fra i giovani, che sono i maggiori consumatori di birra, energy drink e shortini.

Esiste in Parlamento un progetto di legge, che mi vede firmatario, inteso a educare i consumatori al moderato introito di alimenti, solidi e liquidi, spiegando che l’introduzione del minimo bicchiere di vino al dì deve avvenire dai 18 anni in su, quando il fegato è in grado di metabolizzare anche la minima quota di alcol, sempre durante i pasti e mai a digiuno, e men che meno come dissetante.

Advertisement. Scroll to continue reading.

I dati qui riportati e le vicende storicamente accertate vogliono essere al contempo un invito a rivedere le posizioni rigide, come quelle da lei esposte, quasi da persona astemia, che risultano parziali, ma anche di confrontare le diverse posizioni. Occorre, invece, una visione più ampia e scientificamente condivisa. Auguro a tutti e anche a lei di seguire il mio motto, coniato decenni fa: «Si beve l’acqua e si gusta il vino». Prosit!

Food ESG Affairs

TM

Food ESG Affairs

Articoli correlati

-