Breaking
Mar. Lug 23rd, 2024

QN il Resto del Carlino invita i rappresentanti delle istituzioni e delle filiere per trattare il tema del turismo enogastronomico, campo nel quale l’Italia, grazie alla sua poliedrica offerta, spicca a livello internazionale.

Gli eventi che hanno stravolto il mondo negli ultimi due anni hanno generato una situazione di emergenza per tutti i settori produttivi, ma attraverso lo sviluppo “glocale”, capace di rendere il contesto globale sufficientemente profittevole per gli ambiti locali, il settore del turismo e quello della produzione agroalimentare si fondono per creare un modello di successo. Il contesto locale, infatti, appare sempre più il nuovo protagonista delle dinamiche globali, dove si giocano le concrete conseguenze della globalizzazione. 

Il turismo enogastronomico è un viaggio che permette di scoprire la cultura enogastronomica di un determinato territorio. Il turista può così entrare in contatto con la cultura locale e sperimentare nuovi sapori. Il viaggio può essere declinato in una moltitudine di opzioni distinte. Tra di esse, il turismo enogastronomico rappresenta una modalità che negli ultimi anni sta conoscendo una forte ascesa, attraendo un sempre più vasto numero di viaggiatori interessati a conoscere le bellezze di un territorio non solo sotto il profilo culturale e naturalistico, ma andando anche alla scoperta dell’arte culinaria locale nonché dei vini associati ad essa.

Si stima che solo in Europa, ogni anno i viaggi che includono attività enogastronomiche siano oltre 20 milioni. La vacanza enogastronomica è una formula di viaggio che attira anche un crescente numero di italiani.

Si stima, inoltre, che negli ultimi tre anni il 98% dei turisti italiani abbia preso parte ad almeno una esperienza enogastronomica durante un viaggio intrapreso. Oltre alla tipica degustazione di prodotti tipici, tra le proposte più apprezzate emergono i tour presso i mercati e i pasti consumati nei bar e nei ristoranti storici. Molto gettonate appaiono anche le visite presso i luoghi di produzione, in special modo presso le aziende agricole  e le cantine.

QN Quotidiano Nazionale, il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno invitano a riflettere su quanto una sempre più ampia propensione da parte dei consumatori verso la scelta di cibi sani, a Km zero e prodotti con tecniche di agricoltura e allevamento biologici. – dichiara Agnese Pini, Direttrice di QN Quotidiano Nazionale, il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno Qualità, rispetto della salute e salvaguardia dell’ambiente sono tre parole chiave intorno alle quali ruotano le decisioni dei consumatori anche nel momento in cui si calano nei panni di viaggiatori, desiderosi di vivere in prima persona esperienze turistiche all’insegna della valorizzazione dei territori, delle tradizioni e della cultura. Non dobbiamo dimenticare l’importanza di questo settore nello sviluppo economico e finanziario del nostro Paese.’

Il turismo enogastronomico interessa tutte le generazioni, partendo dalla “Generazione X”, ovvero i nati tra il 1965 e il 1980, ma coinvolgendo anche i cosiddetti “Millennials”, ossia la fascia di popolazione nata tra il 1981 e il 1998. – aggiunge Valerio Baroncini, Vicedirettore de il Resto del Carlino Dal trend positivo si evince come lItalia del turismo e del turismo enogastronomico non possa prescindere dal Made in Italy. Lattenzione dei viaggiatori si allinea alle nuove abitudini di vita e di consumo che si sono diffuse negli ultimi anni.’

Le Marche contano oltre 26.000 imprese del settore agroalimentare che contribuiscono in modo significativo all’ottima performance dell’export; nei primi nove mesi del 2022 abbiamo esportato cibo e bevande del nostro territorio  per un  valore di 405,4 mln euro, segnando un incremento dell’oltre il 22% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Da una recente analisi sviluppata con ISNART abbiamo rilevato che l’attrattiva enogastronomica è fondamentale per oltre il 16% dei turisti che scelgono le Marche come destinazione turistica- afferma Gino Sabatini, Presidente della Camera di Commercio delle Marche e Vice Presidente Unioncamere – Accoglienza e agroalimentare sono concetti legati a doppio filo, e non è un caso che chiamiamo i prodotti enogastronomici Eccellenze, col titolo che si dà agli ambasciatori: essi ci rappresentano all’estero con autorevolezza.”

BPER Banca è presente nelle Marche con 83 filiali e quasi mille dipendenti, che seguono 224mila clienti privati e oltre 35mila imprese. Una forza importante, che dedica energie allo sviluppo del nostro territorio, a cui la Banca si rivolge anche con prodotti dedicati all’accoglienza attraverso Bper Finanziamento Turismo. Dobbiamo tenere in grande considerazione le eccellenze della nostra regione, che esprime valori e tradizioni particolarmente varie e significative – prosegue Giuseppe Marco Litta, Direttore Territoriale Centro Est di BPER Banca – Siamo a fianco di diversi progetti d’impresa volti a qualificare le infrastrutture e sviluppare forme di ospitalità funzionali alla conservazione e alla cura dell’ambiente’.

Oggi turismo ed enogastronomia possono essere importanti leve per uno sviluppo dei territori che va oltre alla logica della crescita, ma punta a creare un benessere economico e sociale diffuso, per le aziende, per la cognita locale e per i turisti – conclude Roberta Garibaldi, Vicepresidente della Commissione Turismo dell’OCSE – È importante valorizzare le risorse nell’ottica di soddisfare il turista, che oggi desidera una pluralità di esperienze che si connotano per un approccio slow, sostenibile, attivo’.

L’appuntamento è per il 15 dicembrealle 18.00 nella splendida cornice del Salone Metaurense del Palazzo Ducale di Pesaro, sede della Prefetturacon Agnese Pini, Direttrice di tutte le testate del Gruppo Monrif – QN Quotidiano Nazionale, il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno – e Valerio Baroncini – Vicedirettore de il Resto del Carlino che dialogheranno con Francesco Acquaroli – Presidente della Regione Marche, Matteo Ricci – Sindaco di Pesaro, Gino Sabatini – Presidente Camera di Commercio delle Marche e Vice Presidente Unioncamere e Giuseppe Marco Litta, Direttore Territoriale Centro Est di BPER Banca. Interverrà, inoltre, Roberta Garibaldi, Vicepresidente della Commissione Turismo dell’OCSE-Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico.

Al termine della tavola rotonda, introdotta da Roberto Fiaccarini, Responsabile Redazione Pesaro il Resto del Carlino, è previsto un momento conviviale ​nel Loggiato del Genga, ​dove i partecipanti avranno l’opportunità di condividere un momento di networking, degustando insieme alcune delle eccellenze della Regione Marche.

Gli incontri sono aperti al pubblico, previa iscrizione al link http://quotidiano.net/distrettomarche, dove sarà anche possibile assistere alla diretta streaming.

Partner dell’iniziativa BPER BancaCamera di Commercio delle Marche

Con il Patrocinio del Comune di Pesaro

Related Post