Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Foodaffairs

FOOD E SOSTENIBILITÀ

Packaging di plastica compostabile? Uno studio Uk avverte che il 60% non si decompone del tutto

Che la si chiami bioplastica oppure plastica compostabile o biodegradabile, il vero problema di questo nuovo materiale da imballaggio, eco-friendly a monte, sta in sostanza a valle, ovvero nello smaltimento. Attualmente – scrive Fruitbookmagazine – questo packaging è incompatibile con alcuni sistemi di gestione dei rifiuti e non esiste uno standard internazionale che ne definisca il corretto fine vita. Ecco allora che la plastica certificata come compostabile domestica alla fine viene destinata alla discarica, o all’inceneritore, cosa di cui la maggior parte dei consumatori è ignara. A dirlo è uno studio dello University College di Londra, pubblicato sulla rivista Frontiers in Sustainability, secondo cui il 60% della bioplastica non si decompone del tutto e quindi è un problema se viene riutilizzata inconsapevolmente come compost per orti e giardini.

Lo studio, guidato dalla ricercatrice Danielle Purkiss, ha coinvolto 9.701 cittadini britannici per indagare il loro grado di consapevolezza relativo alla plastica compostabile e al suo corretto smaltimento. Di questi, 1.648 cittadini hanno smaltito la bioplastica nella compostiera domestica, per testare le prestazioni ambientali di questo materiale. I risultati dello studio mostrano innanzitutto che il pubblico è confuso sul significato delle etichette riportate sulle plastiche compostabili e biodegradabili, che spesso risultano fuorvianti, portando ad un errato smaltimento dei rifiuti. Dai dati raccolti è emerso inoltre che il 14% degli imballaggi in bioplastica campionati era certificato solo come “compostabile industriale”, mentre il 46% non aveva la certificazione compostabile. Delle plastiche biodegradabili e compostabili testate in diverse condizioni di compostaggio domestico, la maggior parte non si è completamente degradata, compreso appunto il 60% di quelle certificate ufficialmente come “compostabili domestiche”.

Per entrambi questi motivi, dice lo studio, il compostaggio domestico degli imballaggi biodegradabili o compostabili – essendo incontrollato – non è quindi ritenuto un metodo di trattamento dei rifiuti efficace o vantaggioso per l’ambiente nel Regno Unito.

Sebbene la lavorazione della plastica compostabile e biodegradabile sia regolamentata da processi di gestione dei rifiuti organici industriali, l’esistenza di sistemi di raccolta e compostaggio industriale per questo materiale è infatti rara nel Regno Unito, spiega lo studio. Le plastiche compostabili e biodegradabili sono attualmente incompatibili con la maggior parte dei sistemi di digestione anaerobica (AD) e dei sistemi di riciclaggio (WRAP, 2020). Quindi il loro destino è appunto o la discarica o l’inceneritore. Lo smaltimento degli imballaggi compostabili nelle discariche non è vantaggioso per l’ambiente, tuttavia – precisa lo studio – in alcuni casi in cui i processi di incenerimento utilizzano l’energia proveniente dal recupero dei rifiuti, l’incenerimento degli imballaggi compostabili può offrire alcuni vantaggi in termini di riduzione delle emissioni complessive. Il destino tipico della discarica o dell’incenerimento non viene però solitamente comunicato ai consumatori, per questo secondo i ricercatori britannici le affermazioni ambientali fatte per gli imballaggi compostabili e biodegradabili possono essere fuorvianti.

-
-

Altri articoli

FOOD & COMUNICAZIONE

Medici e genitori dalla parte dei più piccoli. Ci sono ricette, consigli degli esperti, articoli di approfondimento sul mangiare e vivere sano per crescere...

FOOD & COMUNICAZIONE

Occhi color cielo, sorriso che conquista e un percorso ricco di successi nel mondo della cucina: è il primo identikit della splendida figlia (acquisita)...

FOOD & COMUNICAZIONE

Lo storico pastificio abruzzese torna sugli schermi delle principali emittenti nazionali e satellitari con la prime due puntate della sua “saga pubblicitaria”: protagonisti Claudia...

FOOD & COMUNICAZIONE

Gli chef Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli hanno selezionato i 20 componenti ufficiali della Masterclass, concorrenti per il titolo di MasterChef Italia....

FOOD & COMUNICAZIONE

A 700 anni dalla morte di Dante, Magnum lancia tre limited edition ispirate ai tre cantici della Divina Commedia, Inferno, Purgatorio e Paradiso. Con...

FOOD & COMUNICAZIONE

Ultima referenza della sua limited edition 2021 che chiude le celebrazioni per il 700° anniversario della morte di Dante L’amor che move il sole...

FOOD & COMUNICAZIONE

Benedetta Rossi, star del web e volto amatissimo di Food Network e Real Time si trasforma in “SUPER BENNY”  – prodotta da KidsMe, la Content Factory di De Agostini Editore, per Warner Bros. Discovery, la...

FOOD TREND

Attenzione,. la classifica Altroconsumo (che riportiamo ripresa da Trendonline) si riferisce al 2021. Siamo in attesa di quella aggiornata di quest’anno. Ormai troviamo mille...

FOOD E SOSTENIBILITÀ

Punti chiave del Food Sustainability Index Il Food Sustainability Index (FSI) 2021, sviluppato da The Economist Impact con Fondazione Barilla, analizza il nesso cibo-salute-ambiente...

FOOD & COMUNICAZIONE

C’è un monastero in Sicilia dove si segue la regola di tramandare antichissime ricette. In prima tv su Food Network canale 33 arriva “LE...

FOOD & COMUNICAZIONE

GRUVI è il nuovo gelato di Sammontana, uno stecco capace di interpretare in modo innovativo l’autentica tradizione del gelato all’italiana. Nasce da una scelta...

FOOD & COMUNICAZIONE

All’infuriare delle polemiche su Renatino che, nello spot del Parmigiano Reggiano, è felice di non avere una vita e lavorare 365 giorni l’anno, l’attore...

-