Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Foodaffairs

FOOD & COMUNICAZIONE

L’Europarlamento valuta il divieto delle sponsorizzazioni di birra, vino e altri alcolici nelle competizioni sportive

(…) Non è un mistero che ogni manifestazione sportiva di respiro internazionale debba fare i conti con la logica degli sponsor. Marchi che investono cifre elevatissime per posizionare i loro prodotti in ottima visibilità, così da ottenere una pubblicità tale da consentire di rientrare del proprio investimento. Il gesto di CR7, che sposta una bottiglia di Coca-Cola dal tavolo delle conferenze, invitando i giovani atleti a bere acqua, non ha mancato di provocare un’ondata polemica. Anche perché, poche ore dopo, è arrivato il medesimo gesto da parte del francese Pogba, che ha rimosso una bottiglia di birra per motivazioni religiose. Al di là della querelle sui social, il problema si è avuto principalmente proprio a livello di sponsor, in quanto il posizionamento di quelle bottiglie era regolato da precisi (e onerosi) contratti. E’ quanto riporta Contocorrenteonline che prosegue:


Quella che a giugno era sembrata nient’altro che l’ennesima polemica da social, rischia ora di diventare un problema serio. Secondo quanto previsto dall’articolo 16 della nuova normativa al vaglio dell’Europarlamento, l’Ue potrebbe a breve vietare la sponsorizzazione di marchi di vino e birra nelle competizioni sportive a squadre. Un divieto che varrebbe per tutte le categorie, dai dilettanti ai professionisti. Un passo che rientra a pieno titolo nella stretta che l’Europa sta operando su tutte le produzioni ritenute dannose per la salute, specialmente dal punto di vista cancerogeno. Il vino ad esempio, al pari di altre bevande alcoliche, rischia di ricevere il “bollino nero” che contraddistingue il commercio delle sigarette. I marchi di queste, già da tempo, sono ormai lontani da qualsiasi competizione sportiva. Ben diverso è il discorso per altisonanti nomi del commercio della birra.

Il divieto potrebbe creare un buco milionario nei contratti di sponsorizzazione. L’eurodeputato leghista, nonché membro della Commissione Beca contro la lotta al cancro (che ha già approvato la normativa) Angelo Ciocca, ha sollevato la questione al Parlamento europeo. Il punto, secondo l’europarlamentare, è che un tale provvedimento metterebbe in pericolo l’economia che gira attorno a tali marchi. Specie in Italia, dove la produzione di vino rappresenta un settore particolarmente florido per i marchi Made in Italy. Una decisione simile, secondo Ciocca, a fronte di sostanziali danni economici non avrebbe “nulla a che vedere con il reale contrasto al lotta contro il cancro”.

Il punto è anch’esso economico. Migliaia di realtà sportive rischierebbero di ritrovarsi senza finanziamenti, correndo il serio pericolo di chiudere i battenti. L’Ue però sembra aver deciso di seguire questa strada. All’orizzonte, oltre ai divieti, spuntano anche le tassazioni sul mercato interno degli alcolici. Assieme all’etichetta di avvertenza sanitaria che, secondo i produttori, affosserebbe quasi totalmente il mercato. Ancora una volta, il dibattito tra tutela della salute e logica di mercato entra in rotta di collisione.

-
-

TM

Altri articoli

FOOD E SOSTENIBILITÀ

Punti chiave del Food Sustainability Index Il Food Sustainability Index (FSI) 2021, sviluppato da The Economist Impact con Fondazione Barilla, analizza il nesso cibo-salute-ambiente...

FOOD & COMUNICAZIONE

Gli chef Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli hanno selezionato i 20 componenti ufficiali della Masterclass, concorrenti per il titolo di MasterChef Italia....

FOOD & COMUNICAZIONE

Occhi color cielo, sorriso che conquista e un percorso ricco di successi nel mondo della cucina: è il primo identikit della splendida figlia (acquisita)...

FOOD & COMUNICAZIONE

Ultima referenza della sua limited edition 2021 che chiude le celebrazioni per il 700° anniversario della morte di Dante L’amor che move il sole...

FOOD & COMUNICAZIONE

A 700 anni dalla morte di Dante, Magnum lancia tre limited edition ispirate ai tre cantici della Divina Commedia, Inferno, Purgatorio e Paradiso. Con...

FOOD & COMUNICAZIONE

Da domani, 14 gennaio, ogni venerdì, alle ore 21.30

FOOD & COMUNICAZIONE

Lo storico pastificio abruzzese torna sugli schermi delle principali emittenti nazionali e satellitari con la prime due puntate della sua “saga pubblicitaria”: protagonisti Claudia...

FOOD & COMUNICAZIONE

All’infuriare delle polemiche su Renatino che, nello spot del Parmigiano Reggiano, è felice di non avere una vita e lavorare 365 giorni l’anno, l’attore...

FOOD E SOSTENIBILITÀ

Quali sono le aziende percepite come più sostenibili? Reputation Science, società leader in Italia nell’analisi e gestione della reputazione, ha elaborato l’indice “ESG Perception...

FOOD & COMUNICAZIONE

Sono aperte le iscrizioni a “MasterChef Academy”, la prima scuola di cucina online firmata MasterChef Italia. Le porte di “MasterChef Academy” si apriranno il 17 gennaio e, da allora, sarà possibile iniziare un percorso di apprendimento con...

FOOD & COMUNICAZIONE

Il Gruppo torna a una nuova collection dopo molto tempo, collegato anche un concorso che coinvolge per la prima volta il latte a lunga...

FOOD & COMUNICAZIONE

Il canale Boing (canale 40 del DTT) annuncia una nuova produzione originale che andrà in onda in esclusiva sul canale nei primi mesi nel 2022: CRAZY COOKING SHOW, condotto...

-