Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Foodaffairs: news su food, GDO, Horeca, delivery & comunicazione, adv, mktg, sostenibilità

FOOD E SOSTENIBILITÀ

Aqua De Mâ partner di EcoeFISHent

Prende il via il progetto di economia circolare finanziato dall’Unione Europea per l’upcycling degli scarti del pesce e del materiale da pesca. Aqua De Mâ è l’unica azienda di acquacoltura a partecipare.

Recuperare e riutilizzare gli scarti del pesce e del materiale da pesca per ridurre gli sprechi alimentari e salvaguardare gli ecosistemi marini grazie all”innovazione tecnologica: è il virtuoso obiettivo del progetto europeo nato a Genova EcoeFISHent a cui prenderà parte Aqua De Mâ, società di acquacoltura che alleva orate e branzini al largo di Lavagna.

Il progetto è stato presentato ieri sotto la guida di FI.L.S.E. Spa (Finanziaria Ligure per lo Sviluppo Economico) e avrà la durata di cinque anni. 34 partner da 7 Paesi – di cui 5 Stati membri UE (Italia, Spagna, Norvegia, Bulgaria e Francia), un Paese associato al programma Horizon 2020 (Israele) e un paese extra-UE (Kenya – sperimenteranno comportamenti e tecnologie in una logica di Blue Economy.

Grazie a EcoeFISHent sarà possibile ottenere dagli scarti derivanti dalla lavorazione del pesce numerose sostanze bioattive che potranno essere utilizzate in diversi settori: alimenti funzionali, integratori alimentari, cosmetici, farmaci. I residui di queste sostanze saranno a loro volta impiegati per fertilizzanti ad uso agricolo, biodiesel e chitina. In alternativa all’utilizzo di materiale plastico per trasportare e conservare il pesce, il progetto prevede la realizzazione di scatole riutilizzabili in MOCA (materiale destinato al contatto con gli alimenti), già brevettato, biodegradabile e compostabile. Anche le reti e le lenze da pesca abbandonate in mare verranno riutilizzate, attraverso lo sviluppo di un modello di impianto per il recupero e il riciclo dei materiali da pesca, e trasformate in confezioni per prodotti cosmetici oppure cinture di sicurezza per automobili.

Aqua De Mâ è l’unica azienda specializzata in acquacoltura che parteciperà al progetto, gestendo il proprio ciclo produttivo al fine di recuperare tutti i possibili co-prodotti. Nello specifico, il materiale di scarto prodotto da Aqua verrà raccolto da altri partner di EcoeFISHent per il pre-trattamento attraverso una particolare attrezzatura, situata presso la sede della società, che esegue la separazione e il recupero; le reti da pesca saranno raccolte e inviate a una fabbrica di plastica per il riciclo creativo e le scatole utilizzate per il confezionamento del pesce verranno sostituite gradualmente con eco-box compostabili e biodegradabili.

“Si tratta di un progetto virtuoso a cui siamo onorati di prendere parte. Da sempre siamo attenti alla qualità del nostro mare e le analisi che conduciamo periodicamente confermano che il nostro impianto è ecologicamente sostenibile. – commenta Roberto Cò, amministratore delegato di Aqua De M⠖ Questa di EcoeFISHent è però un’occasione unica che ci permetterà di migliorare ulteriormente nella tutela ambientale concretizzando i principi dell’economia circolare”.

-
-

Altri articoli

FOOD E MEDIA

Gli chef Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli hanno selezionato i 20 componenti ufficiali della Masterclass, concorrenti per il titolo di MasterChef Italia....

COMUNICAZIONE FOOD

Ultima referenza della sua limited edition 2021 che chiude le celebrazioni per il 700° anniversario della morte di Dante L’amor che move il sole...

COMUNICAZIONE FOOD

All’infuriare delle polemiche su Renatino che, nello spot del Parmigiano Reggiano, è felice di non avere una vita e lavorare 365 giorni l’anno, l’attore...

COMUNICAZIONE FOOD

Occhi color cielo, sorriso che conquista e un percorso ricco di successi nel mondo della cucina: è il primo identikit della splendida figlia (acquisita)...

-