Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Foodaffairs: news su food, comunicazione, adv, mktg, sostenibilità

FOOD BUSINESS

Accordo tra Intesa Sanpaolo e Associazione consorzi vitivinicoli lombardi

Supporto all’innovazione, digitalizzazione, internazionalizzazione ed export

La crescita sostenibile va stimolata e finanziata. Nasce con questa filosofia
il protocollo tra Ascovilo (Associazione dei consorzi vitivinicoli lombardi) e Intesa Sanpaolo siglato durante il Vinitaly e divenuto operativo. Un primo passo per il sostegno delle aziende attraverso il supporto all’internazionalizzazione e allo sviluppo dell’export oltre alla definizione di un tavolo di lavoro finalizzato allo studio e all’analisi della filiera vitivinicola lombarda con approfondimenti sui
principali andamenti economici.

Nell’anno della pandemia da Coronavirus, questi accordi sono strategici per il sostegno del sistema produttivo legato alle aziende vitivinicole lombarde. La Direzione Agribusiness ha già messo a disposizione risorse e servizi per sostenere un comparto fondamentale per l’economia reale del Paese proponendosi come interlocutore qualificato per accompagnarne gli operatori in tutte le fasi dello
sviluppo, nonché sostenere investimenti finalizzati a promuovere nuovi progetti imprenditoriali, con una particolare attenzione ai criteri della sostenibilità e della circular economy.

L’accordo prevede inoltre l’accesso delle aziende associate al “pegno rotativo sui vini DOC”, la soluzione finanziaria di Intesa Sanpaolo che consente di effettuare una valutazione puntuale delle scorte di vino da affinamento e di convertirle in garanzie utili per ottenere nuove linee di credito.


Da una ricerca della Direzione Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo emerge che nel 2020 il sistema agroalimentare italiano ha generato un valore aggiunto di quasi 64 miliardi di euro e ha occupato oltre 1,4 milioni di persone, con un peso sull’economia rispettivamente del 4,3% e del 5,7%. L’export di vino italiano ha totalizzato circa 6,3 miliardi di euro nel 2020, in contrazione del 2,2% rispetto al 2019.

Le esportazioni di vino in Lombardia evidenziano una contrazione nel 2020 del -11,7%. Nei primi sei mesi del 2021 l’export di vino italiano ha superato i 3,3 miliardi, in crescita del 15,6% rispetto allo stesso periodo del 2020. Per la Lombardia la crescita è stata dell’11,7%. Rispetto al primo semestre del 2019, le esportazioni di vino della Lombardia non hanno ancora recuperato i livelli precovid (-7,3%). La provincia di Pavia è tra le prime venti province italiane per produzione di vino nel
2020 (20ma posizione), Brescia si colloca al 33simo posto.


Il distretto dei Vini e distillati del bresciano è cresciuto del 28% dal 2008 al 2020, passando da 102 a oltre 130 milioni di euro. Nel 2020 ha registrato una parziale battuta d’arresto (-13,9% tendenziale).
Nel primo semestre del 2021 l’evoluzione è ancora negativa (-2.2% vs. 1 sem del 2020; -15,8% vs. 1sem 2019).
In Italia circa il 70% della produzione di vino è certificata DOP/IGP; in Lombardia la percentualesupera il 90% contando 41 vini certificati DOP/IGP. Nel 2019 il valore imbottigliato del vinoDOP/IGP nella regione ha raggiunto i 422 milioni di euro (ottava regione per impatto, il 4,6% sultotale Italia). Nel 2020, l’Associazione Italiana Sommelier ha assegnato il massimo riconoscimentodelle “Quattro Viti” a 43 etichette lombarde.
“Al centro mettiamo la sostenibilità e l’economia circolare nella filiera vitivinicola lombarda – harimarcato Giovanna Prandini, presidente di Ascovilo – spingendo il supporto alla promozione eformazione in collaborazione con il mondo universitario e gli istituti Tecnici superiori”. ProseguePrandini “L’agroalimentare è senz’altro un comparto strategico per la Lombardia, in grado dicrescere anche nei periodi di crisi grazie alle stesse caratteristiche strutturali che ne hannodeterminato il successo sui mercati mondiali – ha concluso il presidente Prandini. – Il settore è, infatti,
sostenuto da produzioni di maggiore qualità che esprimono un elevato valore aggiunto e ci spingonoai vertici nel ranking internazionale delle quote di mercato nella fascia top di gamma”. In questosolco è nato l’accordo tra Ascovilo e Intesa Sanpaolo che dovrà sostenere l’economia agricola con uno sguardo attento all’internazionalizzazione.
Renzo Simonato, responsabile Direzione Agribusiness Intesa Sanpaolo: “Siamo molto soddisfatti di aver intrapreso con l’Associazione Consorzi Tutela Vini Lombardi un percorso condiviso a beneficio della filiera vitivinicola lombarda. Una collaborazione in cui mettiamo a servizio delleimprese importanti competenze nell’ambito dell’internazionalizzazione, della sostenibilità e dell’economia circolare, oltre a servizi finanziari dedicati. Interventi coerenti con gli indirizzi del PNRR e che abbiamo in questi mesi ampiamente implementato con numerose realtà Consortili per supportare le diverse filiere del settore agroalimentare”.

-
-

Altri articoli

COMUNICAZIONE FOOD

Ultima referenza della sua limited edition 2021 che chiude le celebrazioni per il 700° anniversario della morte di Dante L’amor che move il sole...

COMUNICAZIONE FOOD

Digital Angels, società specializzata nei servizi di digital marketing, SEO e data analytics è stata riconosciuta come caso di successo da Facebook for Business,...

COMUNICAZIONE FOOD

A 700 anni dalla morte di Dante, Magnum lancia tre limited edition ispirate ai tre cantici della Divina Commedia, Inferno, Purgatorio e Paradiso. Con...

FOOD BUSINESS

Fico Eataly World, il parco tematico del cibo italiano, ha riaperto in una versione rinnovata e, secondo una ricerca turistica di questi giorni, si...

-