Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Foodaffairs: news su food, comunicazione, adv, mktg, sostenibilità

FOOD TREND

Quali sono i vini più diffusi tra gli italiani e chi sono i maggiori consumatori?

vino vini

Quasi la metà dei consumatori di vino sono in Lombardia. Montepulciano, Nero d’Avola e Chianti i rossi preferiti, Ortrugo, Muller Thurgau igt, Pinot Grigio i bianchi

Ottobre mese di fine vendemmie, dei primi vini novelli, delle cantine aperte e delle degustazioni, accompagnate dai colori autunnali. Quando le temperature iniziano a scendere, uno dei tanti piaceri è quello di rimanere al caldo in compagnia di un buon bicchiere di vino.

Ma quali sono i vini più diffusi tra gli italiani? Secondo lo studio realizzato da Tiendeo.it, compagnia attiva nei servizi drive-to-store per il settore retail ed esperti in cataloghi digitali, ad andare per la maggiore tra chi sfoglia i volantini dei punti vendita sono i vini rossi, in particolare Montepulciano, Nero d’Avola e Chianti. Sempre riguardo ai consumatori, i più avvezzi alla ricerca online di offerte e promo di vini, sono i residenti in Lombardia, seguiti da Lazio e Piemonte.

Altro dato interessante riguarda la presenza di etichette DOP e IGT, che conquistano complessivamente più del 22% della sezione vini nei cataloghi dei retailer italiani.

I vini rossi vincono su vini bianchi e rosati

I vini rossi riscuotono grandi consensi durante tutto l’anno, aggiudicandosi il 65% dell’interesse dei consumatori. Seguono i vini bianchi con il 30% e chiudono la classifica i rosati con solo il 5%.

Nella classifica generale infatti, i vini bianchi non appaiono nella top 10. Nella classifica generale il primo vino bianco è l’Ortrugo, che si trova in dodicesima posizione, subito dopo in tredicesima posizione il Muller Thurgau igt e in diciassettesima il Pinot Grigio.

Montepulciano, Nero d’Avola e Chianti i rossi più cercati

Al primo posto della classifica dei vini rossi che hanno riscosso maggiore interesse tra i consumatori troviamo il Montepulciano (12,7%). Sempre sul podio in seconda posizione Nero d’Avola (10,3%) e in terza Chianti (8,7%). A seguire Amarone (6%), Barbera (5,9%), Oltrepo Pavese DOC (5,5), Bonarda (4,4%), Sangiovese (3,8%), Colli Piacentini, Barbaresco, Lambrusco (3,7%) e Morellino di Scansano, Aglianico e Primitivo di Manduria (2,9%).

Ortrugo, Muller Thurgau igt, Pinot Grigio i bianchi più ricercati

Per quanto riguarda invece i vini bianchi, troviamo in prima posizione l’Ortrugo (13,6%), seguito da Muller Thurgau igt (13,3%) e Pinot Grigio (9,2%). Chiudiamo la top cinque con due grandi classici: Falanghina (7,6%) e Gewurztraminer (6,5%). In sesta posizione a pari merito Ribolla Gialla, Pignoletto e Custoza DOC (6%), in settima Forchir (5,6%), ottava Passerina (3,7%), nona Garganega (3,4%) e decima Verdicchio Castelli di Jesi DOC (3,1%).

Oltre il 22% dei vini sono DOP o IGT

I consumatori sono sempre più attenti alle etichette e alla provenienza dei prodotti che decidono di acquistare, soprattutto rispetto a quelli da mettere in tavola. A conferma di questa tendenza in aumento, sono i dati relativi a Denominazione Origine Protetta (DOCG e DOC) e IGP dei vini italiani.

I consumatori, come è ormai noto, dimostrano grande sensibilità alle modalità di produzione, alle materie prime e all’intera filiera. Proprio per questo i retailer, attenti alle esigenze dei clienti, danno sempre più spazio sia nei punti vendita che nei volantini a prodotti km 0, di denominazione protetta e controllata e biologici. Non a caso, in quest’ultimo anno, più del 22% dei vini italiani presenti sui cataloghi dei retailer sono DOCG, DOC e IGP.

Più del 45% dei consumatori provengono dalla Lombardia

Tra i consumatori più affezionati a ricercare promo e offerte di vini, quasi la metà sono residenti in Lombardia (45%). Seguono il Piemonte e il Lazio, rispettivamente con il 14% e il 13%. A continuazione Emilia – Romagna (5,8 %), Veneto (4,8 %).

In particolare, in Lombardia a catturare l’attenzione sono al primo posto Nero d’avola, seguito da Oltrepo Pavese Doc e Montepulciano d’Abruzzo. Mentre in Piemonte Nero d’Avola, Montepulciano d’Abruzzo e Oltrepo Pavese Doc. In Lazio troviamo Montepulciano d’Abruzzo, Nero d’Avola e Muller Thurgau. Il podio di Emilia – Romagna e Veneto è composto rispettivamente da Nero d’Avola, Valpolicella DOC e Montepulciano d’Abruzzo, e quello del Veneto vede al primo posto Morellino di Scansano, Primitivo di Manduria e Soave.

Interesse trasversale

Questi dati rispecchiano come l’interesse per i vini sia totalmente trasversale, e che nelle varie regioni si possano trovare e amare indistintamente vini di tutt’Italia.

-
-

Altri articoli

COMUNICAZIONE FOOD

Ultima referenza della sua limited edition 2021 che chiude le celebrazioni per il 700° anniversario della morte di Dante L’amor che move il sole...

COMUNICAZIONE FOOD

A 700 anni dalla morte di Dante, Magnum lancia tre limited edition ispirate ai tre cantici della Divina Commedia, Inferno, Purgatorio e Paradiso. Con...

FOOD BUSINESS

Fico Eataly World, il parco tematico del cibo italiano, ha riaperto in una versione rinnovata e, secondo una ricerca turistica di questi giorni, si...

COMUNICAZIONE FOOD

Digital Angels, società specializzata nei servizi di digital marketing, SEO e data analytics è stata riconosciuta come caso di successo da Facebook for Business,...

-