Connect with us

Ciao, cosa stai cercando?

Foodaffairs: news su food, comunicazione, adv, mktg, sostenibilità

COMUNICAZIONE FOOD

A Romagnoli F.lli Spa la menzione speciale del Premio Innovatori Responsabili

Dalla ricerca sul campo, una nuova linea di patate ‘resilienti’ che si adatta ai cambiamenti climatici e resiste alle malattie senza residui chimici. Per una agricoltura sempre più rispettosa del suolo e dell’ambiente”. È con questa motivazione che la Regione Emilia-Romagna ha conferito la menzione speciale al progetto “Patate Residuo Zero” di Romagnoli F.lli Spa, nell’ambito della sesta edizione del Premio Innovatori Responsabili, iniziativa con cui sono valorizzati i progetti che contribuiscono all’attuazione dei 17 obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

“Questa menzione ci rende orgogliosi poiché riconosce e premia l’obiettivo del progetto ‘Patate Residuo Zero’, cioè la promozione di un modello agricolo responsabile, che coniuga sostenibilità economica, ambientale e sociale – commenta Giulio Romagnoli, amministratore delegato Romagnoli F.lli Spa. Una ulteriore conferma che la direzione intrapresa con le nostre attività di ricerca e innovazione è quella giusta, in linea con gli obiettivi di sostenibilità fissati dall’Agenda 2030 nei confronti dei quali tutti i soggetti – pubblici e privati – sono chiamati ad agire”.

 Grazie a un percorso di ricerca portato avanti con la guida scientifica del Dipartimento per l’Innovazione nei sistemi Biologici, Agroalimentari e Forestali (Dibaf) dell’Università della Tuscia e insieme a Legambiente, l’azienda ha ottenuto una nuova generazione di varietà di patate resistente alla Peronospora, principale malattia fungina che colpisce la coltura. In continuità con tali risultati, è stata redatta una linea tecnica di difesa colturale Residuo Zero, che ha permesso di ottenere un prodotto finale privo di residui di fitofarmaci e coltivato con pratiche agricole codificate e ripetibili in tutti gli areali italiani: un’opportunità per l’intero settore pataticolo nazionale in ottica di sostenibilità, tutela del suolo e riduzione dell’impatto ambientale.

Il progetto “Patate Residuo Zero” contribuisce al raggiungimento di due degli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’Onu: goal 2 “Sconfiggere la fame” (Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile) e goal 12 “Consumo e produzione responsabile”.

*Residuo di prodotti chimici ammessi per legge al di sotto dei limiti di determinazione analitica (0,01 ppm) e residui di sostanze fitosanitarie autorizzate all’impiego in agricoltura biologica (ai sensi dell’allegato II del Reg. CE 889/2008) nei limiti massimi del 50% del Residuo Massimo Ammesso.

-
-

Altri articoli

COMUNICAZIONE FOOD

Ultima referenza della sua limited edition 2021 che chiude le celebrazioni per il 700° anniversario della morte di Dante L’amor che move il sole...

COMUNICAZIONE FOOD

A 700 anni dalla morte di Dante, Magnum lancia tre limited edition ispirate ai tre cantici della Divina Commedia, Inferno, Purgatorio e Paradiso. Con...

FOOD BUSINESS

Fico Eataly World, il parco tematico del cibo italiano, ha riaperto in una versione rinnovata e, secondo una ricerca turistica di questi giorni, si...

COMUNICAZIONE FOOD

L’amaro più amato sale nuovamente sul podio confermando la sua posizione di leader per buyer, category e direttori acquisti della GDO Vecchio Amaro del...

-