Connect with us

Hi, what are you looking for?

Foodaffairs.it, quando il Food è…comunicazione sostenibilità influencer media marketing promozione pubblicità pack  trend tech gdo

Food Affairs

Il futuro degli influencer secondo Fabiana Giacomotti. “Come in ogni professione, ci sono le star, che non subiscono la crisi o quasi, e le truppe che sgomitano. A nessuno basta più una foto”

In un lungo e interessante articolo sul Foglio.it, Fabiana Giacomotti racconta come funziona e come sta cambiando il mondo degli influencer. Un mondo variegato, scrive, dove non basta chiamarsi Chiara Ferragni e nemmeno avere milioni di follower.

Eccone pochi stralci dedicati ai food blogger e food influencer o cosiddetti tali.

(…) “Il costo di un influencer è variabile e dipende dagli accordi presi e dall’interlocutore”, spiega Adele Bandera, la più nota comunicatrice del food in Italia, in portafoglio clienti come Dom Pérignon, i Cerea di “Vittorio” e il ristorante dell’Armani Hotel. Alcune collaborazioni possono essere retribuite mentre altre “supplied by” con un cambio merce o regali. “Poi dipende da quanti follower veri e misurabili l’influencer è in grado di dimostrare e dal tipo di interazioni che ha con la sua community. Tanto maggiori sono, più le aziende sono disposte a pagare”.

Adele Bandera (foto Linkedin)

Questo sistema mediatico si sta ampliando anche a settori finora esclusi anche dalla comunicazione classica.

Anche se l’Authority ha messo un freno all’escalation di follower comprati, imponendo il silenziatore sul numero di commenti e di like a ogni post, e la sponsorizzazione palese, i risultati sono misurabili in misura paragonabile a quella di Ads, l’accertamento Diffusione stampa di storica memoria e, permetteteci di dire, altrettanto addomesticabili. “Esistono piattaforme dedicate che analizzano le performance di post e stories, e come ovvio le analytics di Instagram o di Google”, dice Bandera. “Meglio comunque utilizzare applicazioni terze, esterne ai social media, per evitare rischi di manipolazioni sui follower”. Alla base della piramide ci sono i “free”, a cui basta l’invito; poi si sale con i regalucci e qualche altro favore, quindi arrivano i soldi. Ma prima di arrivare a quelli “veri”, il lavoro è faticosissimo. Gli Gnambox, adorabile team del food con 151 mila follower, può guadagnare fino a 60 mila euro per un progetto di sei mesi; chi supera il milione ha diritto a 30-40 mila euro a post. Come in ogni professione, ci sono le star, che non subiscono la crisi o quasi, e le truppe che sgomitano. A nessuno basta più una foto. (…)

Advertisement. Scroll to continue reading.
-
-

Altri articoli

Food Affairs

L’amaro più amato sale nuovamente sul podio confermando la sua posizione di leader per buyer, category e direttori acquisti della GDO Vecchio Amaro del...

Food Affairs

Ultima referenza della sua limited edition 2021 che chiude le celebrazioni per il 700° anniversario della morte di Dante L’amor che move il sole...

ADV COMUNICAZIONE MKTG

Acqua e Terme Fiuggi in pubblicità per promuovere la storica acqua con le sue caratteristiche curative della calcolosi e le efficaci cure alle Terme...

News

“Aspettando Rivoluzione Bio| Il Biologico nel nuovo Piano Strategico Nazionale nel quadro della nuova PAC fra ecoschemi e PSR regionali. Per la transizione ecologica...